Logo Arena

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

mondiale amburgo podio

L'Australia festeggia il primo titolo mondiale della staffetta mista ad Amburgo. Charlotte McShane, Matthew Hauser, Ashleigh Gentle e Jacob Birtwhistle centrano l'oro della specialità entrata a far parte del programma olimpico di Tokyo 2020 in 1:22:38 davanti ai campioni uscenti degli Stati Uniti (Kirsten Kasper, Ben Kanute, Katie Zaferes e Matthew McElroy) che chiudono in 1:22:42 e alla sorprendente Olanda (Maaike Caelers, Marco Van Der Stel, Rachel Klamer e Jork Van Egdom), al traguardo in 1:22:47. Il quartetto azzurro composto da Ilaria Zane (DDS), Alessandro Fabian (C.S. Carabinieri), Verena Steinhauser (The Hurricane) e Massimo De Ponti (C.S. Carabinieri) chiude al 15° posto in 1:25:24.

Spettacolo, cambi di fronte, emozioni a non finire sono gli ingredienti del Mondiale della Mixed Relay che prevedeva le distanze di 300 metri di nuoto, 7 km ciclismo e 1.6 km di corsa. Sul tracciato tecnico nel centro della città tedesca reso ancora più insidioso dalla pioggia, 20 nazioni si sono sfidate nella prima staffetta mista del quadriennio olimpico entusiasmando la folla presente a bordo strada e regalando momenti di agonismo puro.

Parte davanti la Spagna con la Routier a segnare il passo nel nuoto davanti a Stati Uniti che può contare sulla Kasper in prima frazione e alla Russia che schiera la Abrosimova; la Zane esce in ottava posizione a 12 secondi dalla vetta e rimane saldamente agganciata al gruppo di testa di cui fanno parte le migliori 17 nazioni per i 6 km di ciclismo. Posata la bici, in testa si forma un quintetto con Sato (Giappone), Coldwell (Gran Bretagna), Kasper (Usa), McShane (Australia) e Annen (Svizzera) mentre Ilaria si assesta in 9^ posizione. Al primo cambio si presenta in testa la nipponica che lancia il connazionale Jumpei Furuya con un paio di secondi di margine si Australia, Usa, Belgio e Gran Bretagna.

L'Italia cambia in 12^ posizione a 16” dalla testa della gara. L'australiano Hauser prende il comando in acqua, ma appena si salta in bici la gara esplode. Alessandro Fabian, 12° alla sua prima transizione, prova ad inserirsi del drappello che insegue i due fuggitivi Kanute (Usa) e Coninx (Francia), ma perde le ruote buone e si assesta in 12^ posizione.

Nella corsa, Francia e Usa cambiano in testa, ma il bronzo olimpico Schoeman (Sudafrica) e il belga Geens accorciano le distanze; seguono Australia, Canada, Gran Bretagna e Svizzera mentre Fabian passa il testimone a Verena Steinhauser all'11° posto. Gli Stati Uniti, che schierano la Zaferes come terza frazionista, fanno il vuoto in bici: inseguono Canada con la Brown, Olanda con la Klamer e Gran Bretagna con la Hall a 14”. Durante i 1600 metri di corsa della terza frazione, gli americani sotto l'impulso della leader della World Series provano a piazzare il break: la Zaferes dà il cambio a McElroy con 15” su Canada e Olanda, più staccate Gran Bretagna e Australia mentre la nostra Verena fa partire l'ultimo frazionista azzurro Massimo De Ponti in 13^ piazza. A pochi metri dall'ultima transizione, le carte di rimescolano e la gara si riapre: l'americano McElroy e il canadese Lepage (scivolato in curva ma prontamente rimontato in sella) vengono riassorbiti dal drappello inseguitore composto da Birtwhistle, Bishop e Van Egdom e la lotta per le medaglie è più incerta che mai. A 300 metri dal traguardo, Birtwhistle cambia passo e si invola verso l'oro mondiale, McElroy resiste e difende l'argento posto e Van Egdom trascina l'Olanda sul terzo gradino del podio mentre De Ponti taglia il traguardo in 15^ posizione.

 

Classifica completa

Resoconto completo

 

Albo d'oro Mondiale staffetta mista

2009 - Svizzera

2010 - Svizzera

2011 - Gran Bretagna

2012 - Gran Bretagna

2013 - Germania

2014 - Gran Bretagna

2015 - Francia

2016 - Usa

2017 - Australia

 

Il resoconto della prova di World Triathlon Series

 

austalia festaggia

podio staffetta mista

festaggiamenti podio

Logo Arena