Logo Arena Logo friliver

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

etna winter

Mario Lombardo, il presidente del comitato organizzatore dei Campionati Europei di Winter Triathlon che si terranno sull'Etna, in località Piano Vetore, nel weekend del 17-18 febbraio, informa che sul vulcano sta nevicando e che la gara si svolgerà. Nei prossimi giorni verrà diramato il programma ufficiale: attualmente è stato deciso che tutte le gare si terranno nella giornata di sabato 17 febbraio.

Il presidente dell'ETU Renato Bertrandi ha informato il comitato organizzatore che, nel remoto caso in cui non ci fosse neve a sufficienza, la gara si svolgerà nel formato Duathlon Cross e sarà comunque valida per l’assegnazione del titolo europeo.

Il team di azzurri è pronto e ha già dimostrato di potersela giocare: Daniel Antonioli e Giuseppe Lamastra hanno sfiorato il podio centrando il 4° ed il 5° posto nella categoria Elite, Davide Vuerich ha centrato il 6° posto nella categoria Under 23 mentre il più giovane Davide Ingrilli si è coronato d’argento mancando per 37” il gradino più alto del podio. Questi i 4 atleti insigniti della convocazione e che hanno rappresentato l’Italia nella competizione iridata. 

Marco Bethaz, di ritorno dalla Romania, entra nel vivo delle manifestazioni immediatamente a seguire tra cui spicca l’affascinante Etna Winter Triathlon. 
“L’Etna rappresenta il valore aggiunto della competizione. La curiosità di raggiungere la Sicilia e poter ammirare la bellezza del Vulcano unitamente ai paesaggi marini rappresentano il fattore unico che mette in risalto la manifestazione. Vi è il rebus neve che mette in empasse la competizione e che ne potrebbe modificare la formula. Rimangono, tuttavia, favoriti i russi per tradizione e valori, la federazione russa ha puntato forte sulla valorizzazione dei tanti giovani che si avviano a questo sport e spesso sono proprio loro i vincitori delle categorie Elite, Under 23 e Junior. Più complessivamente questa disciplina è articolata perché al suo interno vi sono discipline diverse tra loro. Atleti che praticano unicamente il Winter Triathlon non ve ne sono ma sono tanti i professionisti che si specializzano, chi in un settore, chi in un altro. Sarebbe auspicabile che crescesse tutto il sistema ma gli occhi della critica sportiva sono perlopiù rivolti al Triathlon Estivo più accessibile e alla portata anche perché in Italia non tutti possono praticare lo sci di fondo”
I campionati, nazionali prima ed europei sono alle porte, cresce l’attesa e per gli atleti è sempre più corto il conto alla rovescia che li attende allo start delle manifestazioni invernali più importanti del Triathlon. 

Intanto, il nazionale azzurro Daniel Antonioli si prepara agli imminenti Europei. Iridato Under 23 nel 2005 a Stbské Pleso in Slovacchia, 11 volte campione italiano, 15 volte sul podio a rimpinguare medagliere e un palmares di tutto rispetto per il triatleta azzurro più titolato in attività.  Raggiunta la maggiore età, Daniel Antonioli si è speso per un unico grande amore sportivo, il Winter Triathlon, simbiosi di tre discipline sportive indipendenti tra loro e allo stesso tempo accomunate dai sani principi che caratterizzano lo sport. 
“È lo sport che da sempre mi ha trasmesso valori e principi. Salutare, coinvolgente, completo nella sua varietà. Ordinariamente mi alleno nei mesi invernali nello sci mentre nei mesi più caldi prediligo la corsa e la mountain bike. Del Winter Triathlon, credo che in termini assoluti, attrae l’imprevedibilità, non è uno sport noioso e l’aspetto principale è superare se stesso, i propri limiti e i propri record” afferma Antonioli giunto lo scorso 28 Gennaio ai campionati mondiali tenutisi a Cheile Gradistei fuori dal podio per 34 secondi. 
Al triatleta azzurro è mancata la prestazione nel secondo segmento agonistico, la Mountain Bike, laddove il rendimento non è stato dei migliori: "Ho sofferto e ho mancato in bici. Ho sfiorato il podio che era ampiamente alla mia portata. Dispiace perché il rendimento è stato più che buono nelle altre discipline. Ho già individuato gli errori commessi e spero di fare bene in Sicilia laddove mi auguro di centrare il podio”. Proprio la Sicilia è nei pensieri di Antonioli che augura di confermarsi tra i protagonisti della kermesse e di conoscere una terra tra le più belle e invidiate dai turisti. “Sarà la prima volta in Sicilia per una manifestazione ufficiale. L’auspicio è quello che ci sia tanta gente. La location non si discute, l’Etna è uno spettacolo per la natura e per gli amanti della montagna”

I campionati, nazionali prima ed europei sono alle porte, cresce l’attesa e per gli atleti è sempre più corto il conto alla rovescia che li attende allo start delle manifestazioni invernali più importanti del Triathlon. 

 

IL PRESIDENTE ETU RENATO BERTRANDI LANCIA GLI EUROPEI WINTER TRIATHLON


Il Presidente ETU Renato Bertrandi lancia gli imminenti campionati Europei di Winter Triathlon in programma ai piedi dell’Etna, a Piano Vetore, il week end 17-18 Febbraio 2018 proprio ad un anno esatto dalla sua conferma al timone della Federazione Europea di Triathlon.

“Per l’ETU è davvero importante la disciplina del Winter Triathlon, versione invernale del triathlon tradizionale laddove il nuoto viene sostituito dallo sci di fondo. Negli anni abbiamo colto delle sfide che hanno dato, ai nostri organizzatori di eventi e agli ufficiali tecnici, la possibilità di mostrare le loro abilità a costruire una gara per le condizioni climatiche che si presentavano. Siamo davvero molto fortunati che qui in Europa abbiamo queste capacità. Con atleti presenti con età dai 16 agli 80 anni, ETU mostrerà questo sport in una splendida posizione, l'Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa. Sono davvero felice che il nostro direttore di gara quest'anno sia Marco Zaffaroni. scalatore affermato e vero "uomo di montagna". La sua capacità di leggere il tempo, la notevole esperienza che ha raccolto in una dozzina di salite dell'Everest e la sua passione per il nostro sport mi dà grande sicurezza per lo svolgimento di questi campionati Europei.

Con il solido sostegno della Regione Sicilia con il neo assessore allo sport On. Pappalardo, dei Comuni di Nicolosi, Ragalna, Belpasso e Tremestieri Etneo, del Coni Sicilia e di Mario Lombardo, Presidente del Comitato Regionale Triathlon, che ha anni di esperienza nella gestione del nostro sport, il LOC ha effettuato numerose visite alla sede, situata a Piano Vetore e ora, a solo un mese dall’avvio, la pista è quasi pronta, la guida degli atleti è stata preparata e le iscrizioni sono arrivate.

Mario Lombardo ha sottolineato che questa sarà la ventesima edizione dei campionati di triathlon invernali ETU e il mondo politico ha capito in termini di promozione turistica il vantaggio di ospitare un evento internazionale cosi importante, con ricadute economiche sul territorio circostante.

Sono particolarmente curioso di vedere quanti atleti arriveranno in gara come campioni del mondo, in quanto i Campionati del Mondo ITU si svolgeranno un paio di settimane prima, anche in Europa.

Vorrei cogliere l'occasione per ringraziare Mario e Marco per aver ospitato questo importante evento e non vedo l'ora di vedervi tutti in gara in questi europei di Winter Triathlon per la prima volta disputati su di un vulcano.

(comunicato organizzazione)

 GUIDA TECNICA 

News correlata in evidenzaMacchina organizzativa già al lavoro

 

renato bertrandi presidente etu

Logo Arena