Logo Arena Logo friliver

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Diego Luca Boraschi

 

Una grande giornata di sole, ampia partecipazione di pubblico ed una bella manifestazione di sport. Le dimensioni del secondo Latina Lido Triathlon Sprint ben rappresentano l’evento che ha calamitato l’attenzione a Capo Portiere, sul lungomare di Latina: 312 allo start (55 donne), 300 partecipanti alla walkzone e centinaia di persone che hanno assistito all’evento ai lati della strada e dal pontile. Il bilancio della società organizzatrice, la Latina Triathlon, è a dir poco positivo, tanto più che lo Sprint, nel calendario regionale, era stato inserito dalla FITRI come “gara silver” di rank nazionale. Una qualifica maturata dopo lo Sprint promozionale del 2017.

LA GARA

I pettorali di partenza, assegnati in base al ranking, non hanno smentito le attese, confermando i valori di atleti di richiamo nazionale. Le distanze: 750 mt di nuoto, 20 km di bici e 5 km di corsa.

Tra gli uomini vittoria di Diego Luca Boraschi del Torrino Triathlon Team giunto al traguardo sotto l’ora (0:58:57), tirando una volata a dir poco avvincente. Alle sue spalle Luca Filipponi (CS Carabinieri) in 0:59:28 e Giulio Pugliese (0:59: 40), compagno di Boraschi nel Torrino Triathlon Team.

Per le donne prima assoluta Beatrice Mallozzi, campionessa italiana in carica di Triathlon e Duathlon. L’atleta delle Fiamme Azzurre ha chiuso le tre frazioni in 1:03:38.  Sette secondi di vantaggio rispetto a Costanza Arpinelli (1:03:45) della Minerva Roma, la stessa società di appartenenza di Bianca Barbesino, terza con 1:06:25.

GLI ATLETI

Sono partiti in 312 dalla spiaggia antistante l’Hotel Tirreno. Hanno portato a termine la gara in 295. Tra chi ha dovuto fermarsi c’è anche Massimiliano Rosolino. Il campione olimpionico di nuoto è caduto in bici procurandosi  escoriazioni ad entrambe le ginocchia. Ci ha riso sopra e prima di lasciare Latina ha detto: “Si vede che non sono ancora un triathleta vero. Vuol dire che devo tornare da queste parti”.

Il Latina Lido Triathlon Sprint si è confermato un evento internazionale. Non solo società laziali (premiata l’ Asd 3.4 Fun come la più numerosa), ma tante provenienti da altre regioni italiane, da Nord a Sud della Penisola. E come già accaduto lo scorso hanno, si sono visti triathleti e triathlete da oltre confine: Giappone, Malta, Svizzera, Inghilterra, Brasile ect.  A proposito di Brasile, Mario Rogerio Dos Santos Galvao della Due Ponti, ha ricevuto il premio fair play dal Panathlon Club di Latina, che ha patrocinato l’evento insieme al Comune di Latina.

A presenziare le premiazioni il sindaco di Latina Damiano Coletta, l’assessora Cristina Leggio e il responsabile provinciale Opes Daniele Valerio.

Dopo la frazione di nuoto, è partita sulla spiaggia la walkzone, un allenamento in cuffia energico, simpatico e salutare per prendersi la tintarella.

classifiche generali

fonte comunicato società organizzatrice

 

Beatrice Mallozzi

Massimiliano Rosolino

 

Logo Arena