Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Scatto Ugazio: è il nuovo Campione Italiano di Triathlon Olimpico Elite e Under 23 a Lerici

images/2018/gare/Titoli_italiani/lerici/foto_uomini_tiziano_ballabio/medium/Lerici_CI_olimp18_Tiziano_Ballabio_FITRI-5.jpg
Tricolori

Doppio Marcello Ugazio ai Tricolori di Triathlon Olimpico. Il portacolori dell’Atletica Bellinzago è il nuovo Campione Italiano di Triathlon Olimpico sia Elite che Under 23. Ugazio con una grande frazione di ciclismo poi legittimata nella 10 km di corsa si impone davanti a Matthias Steinwandter (C.S. Carabinieri) e a Luca Facchinetti (707). Nella categoria Under 23 sono Nicola Azzano (The Hurricane) e Marco Corrà (Project Ultraman) a completare il podio rispettivamente secondo e terzo.

La gara – Nella gara affidata dalla FITRI alla società Spezia Triathlon, partenza puntuale alle 15.00 dalla spiaggia di Lerici con gli atleti impegnati nel kilometro e mezzo del percorso del Golfo dei Poeti. In testa al gruppo sono subito 4 gli atleti al comando: Marco Barison della Liger Team, Mirko Lazzaretto (RN Marostica), Nicolò Strada (TTR) e Nicola Azzano (The Hurricane).

In T1 è il quartetto a giungere per primo in zona cambio con subito all’inseguimento Marco Corrà a 13”. Alle sue spalle Massimo De Ponti (C.S. Carabinieri), Luca Facchinetti (707), Davide Ventura (Minerva Roma), Michele Sarzilla (Raschini Triathlon Pavese) e Valerio Patanè (CUS Pro Patria Milano) a guidare un gruppo allungato di 21 atleti con circa 20” di ritardo per i primi ed altre 30” per gli ultimi tra cui Mattias Steinwandter. Marcello Ugazio esce in 39° posizione a circa 2 minuti di svantaggio dalla testa della gara.

Durante la frazione di ciclismo, nel primo giro di 10 km dei 40 km previsti si formano 2 gruppi distanziati di circa 20". In testa Facchinetti, Corrà, Lazzaretto, Strada, Azzano, Sarzilla, De Ponti e all’inseguimento un gruppo di 7 atleti. Alle loro spalle Marcello Ugazio inizia la rimonta e si porta a soli  48” dalla testa. Nel secondo giro i gruppi al comando si ricompattano e si forma un drappello di oltre 15 atleti con tutti i favoriti per la vittoria finale. Al terzo giro di ciclismo il primo “strappo”: Ugazio, Steinwandter,  De Ponti e Strada vanno in fuga ed iniziano a guadagnare sugli inseguitori.
In T2 i quattro al comando diventano un duo ed il loro vantaggio aumenta fino a 1’ 40” dal primo gruppo inseguitore composto da Facchinetti, Sarzilla, Azzano, Corrà e Lazzaretto con 7" su Patanè.

Dopo la T2 il secondo “strappo” nelle primissime fasi della frazione di corsa: Marcello Ugazio si porta solo al comando davanti a Matthias Steinwander che non riesce a ricucire il gap che è andato via via aumentando fino a sfiorare il minuto . Alle spalle dell’atleta dei Carabinieri è Facchinetti ad aumentare il ritmo e a guadagnare il vantaggio necessario per la conquista del terzo gradino del podio. Nicola Azzano chiude 4° e Marco Corrà 5°, i due conquistano così la medaglia d’argento e quella di bronzo nel titolo Under 23 alle spalle del vincitore assoluto e di categoria Marcello Ugazio.

classifica maschile assoluta

classifica maschile under23

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Marcello Ugazio: “Ero veramente in forma, come non mai. Questa condizione è frutto di un gran lavoro fatto quest'estate. Questo podio è la ciliegina sulla torta di una stagione fino ad ora meravigliosa. Vincere il primo titolo italiano assoluto è una soddisfazione straordinaria, pensate che l'anno scorso qui già contento dell'ottavo posto ottenuto. Ci ho provato anche a nuoto, anche se ovviamente è il mio punto debole, ma mi sono difeso oggi. Dopo una grande frazione in bici, uscito dalla T2, ho capito che Matthias non riusciva a tornarmi sotto: sono partito molto forte, cercando di fare selezione, sono rimasto freddo e ho gestito alla grande. Oggi sono riuscito a fare il numero!”.

Matthias Steinwandter: “Sono soddisfatto della gara, sapevo di essere in buona condizione e sono uscito abbastanza bene dal nuoto, attaccato al primo gruppo, ma purtroppo ho trovato casco e bici a terra in zona cambio. Stavo bene in bici, anche se ho speso tanto nella seconda frazione, Ugazio è andato davvero fortissimo. A piedi mi sono difeso, ma non ne avevo per correre più forte. È stata un grande gara, bel percorso, come piace a me, piuttosto selettivo”. 

Luca Facchinetti: “La gara si è decisa quando Ugazio ha forzato, si è spezzato il gruppo. Non sono riuscito a rientrare sulla fuga e il distacco sui fuggitivi è aumentato. Dietro abbiamo lottato, continuando a spingere a fondo, ho anche provato a fare un cambio di ritmo, ma non sono riuscito a fare selezione e a rientrare su Marcello e Matthias. A piedi speravo di andare più forte, alla fine è arrivato questo terzo posto che va bene... ma non benissimo. Gara dura come previsto e l'asfalto bagnato ha reso ancora più selettiva la frazione ciclistica”.

Il ritorno di Charlie: Bonin vince il Titolo Italiano di Triathlon Olimpico a Lerici

 

Tricolori Lerici: le start list e il briefing dei Campionati Italiani di Triathlon Olimpico Elite e Under 23

 

Lerici CI premolimp18 Tiziano Ballabio FITRI 7

Premiazione Tricolori Triathlon Olimpico Elite   

Lerici CI premolimp18 Tiziano Ballabio FITRI 3

Premiazione Tricolori Triathlon Olimpico Under23

 

Lerici CI olimp18 Tiziano Ballabio FITRI 6

Lerici CI olimp18 Tiziano Ballabio FITRI

Lerici CI olimp18 Tiziano Ballabio FITRI 2

Lerici CI olimp18 Tiziano Ballabio FITRI 4