Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

CONVEGNO FITRI A NAPOLI "FATICA E PERFORMANCE"

Ottima partecipazione al Convegno tenuto da Giacomo Vinci alla Canottieri Napoli
Successo di numeri e di contenuti al Convegno di fine d'anno tenuto da Giacomo Vinci, Responsabile Nazionale Centro Studi SAS.



Di seguito l'abstract del convegno

"L'insorgenza della fatica è il più potente freno alla massimizzazione della prestazione sportiva.



Analizzare le cause e comprenderne i rimedi, quando possibile, può aiutare tecnici ed atleti a raggiungere gli obiettivi prefissati tanto in allenamento quanto in gara. In particolare per le multidiscipline, nelle quali sessioni plurigiornaliere sono la regola, la corretta gestione dell'affaticamento può significare migliori performance.



Nel mondo della fatica, tuttavia, al ruolo della fisiologia si affianca quello del controllo che il cervello ha di tutti i sistemi coinvolti, tanto da poter addirittura ipotizzare una regolazione anticipata dell'output energetico in funzione delle esperienze vissute in allenamento ed in gara: il SNC sembra imporre una limitazione onde evitare le conseguenze di una crisi sistemica, già prima che questa possa avere luogo.



Lo sprint finale in una gara verrebbe, così, ad essere possibile solo perché i meccanismi di controllo vengono disattivati, in quanto la conclusione dello sforzo in tempi brevi non viene ritenuta possibilmente pericolosa.



Al termine interessanti interventi nella tavola rotonda finale cui hanno partecipato altri tre specialisti (del proprio settore, per circa 20' ognuno) i quali hanno esposto argomenti che hanno calamitato moltissimo l'attenzione, nonostante si fosse già oltre la durata standard dei consueti convegni di aggiornamento.

- Mariolina Mirto (tecnico FITri I Livello e certificazione internazionale BBU, con esperienza di insegnamento su atleti anche negli States): la Core Stability negli sport di endurance (con una buona base teorica iniziale e molti spunti di lavoro);

- Consuelo Ferragina (atleta top Age Group Circolo Canottieri Napoli, psicoterapeuta): ha condotto un'indagine che le ho commissionato nella scorsa primavera sulle differenze nella gestione del pre-gara e del post-gara tra i triathleti donne ed i maschi;

- Antonio Fimiani (Consigliere del Comitato Regionale FITri Campania, specialista in massaggi Shiatzu): l'importanza delle tecniche di rilassamento (in particolare lo Shiatzu) per gli sportivi di alto livello, dopo una necessaria introduzione per spiegare di cosa si trattasse.



Tali interventi hanno confermato e sottolineato come sempre più si vada affermando l'inscindibilità delle risorse mentali da quella che può essere la ricerca della massima prestazione sportiva." (Giacomo Vinci)