Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Programma di Sviluppo: online le linee guida per la stagione 2019

images/2018/raduni_giovani/medium/medium/19113694_1195250943935013_8268326250216107221_n.jpg
Programma Sviluppo

Sono online le linee guida e la documentazione relative al Programma di Sviluppo per la stagione 2019.

La strategia per lo sviluppo ha portato fino al 2016 a fare scelte programmatiche in funzione delle esigenze di aumentare i numeri e di esporre all’ambiente internazionale in modo ampio e sistematico. Dal 2017 invece è stata avviata con decisione la strada che dovrà permettere all’Italia di passare da una buona base di giovani con buone potenzialità ad un reale percorso di sviluppo verso le migliori performance internazionali.

Il processo ha già portato in pochi anni l’Italia dei giovani al terzo posto a livello continentale, davanti a paesi come la Gran Bretagna e la Germania. Lo scorso anno nelle Etu Junior Cup, circuito di riferimento per gli Junior, gli azzurrini hanno ottenuto ben 7 vittorie, 12 podi e 15 piazzamenti nei top 5. Il numero di podi è raddoppiato rispetto al 2017. Relativamente ai Campionati Europei e Mondiali di categoria, coerentemente con la cultura della performance e non della partecipazione, dal 2016 l’Italia compete nei campionati europei e mondiali solo con atleti in grado di esprimersi con ottimi standard di prestazione a quel livello. Per questo i criteri di qualificazione interni sono molto selettivi. In quest’ottica è stato un progresso il fatto che tre atlete abbiano raggiunto la qualificazione individuale e due atleti siano andati molto vicini alla qualificazione, guadagnando la selezione per la competizione a squadre. Tuttavia la mancata medaglia al Campionato Europeo e la mancata qualificazione al mondiale, ottenibile con una prestazione da top 5 agli europei, sono stati due elementi al di sotto delle aspettative.

Nel 2018 è stato anche l’anno dei Giochi Olimpici Giovanili. L’approccio verso gli YOG è stato quello di utilizzarli come un ulteriore strumento di crescita per un gruppo ampio di atleti. Anche se il reale successo del programma verrà misurato dal numero di questi giovani che riuscirà ad affrontare un percorso verso l’alto livello, il programma YOG ha portato risultati mai raggiunti prima. Dall’unica gara di qualificazione disponibile l’Italia si è assicurata entrambi i posti in palio per gli YOG e nei Giochi Olimpici Giovanili l’Italia ha conquistato una medaglia di bronzo individuale e una medaglia d’oro a squadre.

Il processo ha portato anche ad un adeguamento della terminologia usata che dal 2018 è più coerente con la realtà. Le Squadre Nazionali Giovanili sono composte unicamente dagli atleti giovani che rispettano gli standard internazionali di accesso alle Squadre Nazionali per la loro categoria, altrimenti sono atleti in fase di sviluppo verso gli ambiti standard e appartengono alle relative liste di interesse. La parola Sviluppo sostituisce sostanzialmente quella di Talento. Siamo convinti infatti, guardando le carriere degli atleti che hanno avuto successo nell’alto livello, che i principali determinanti comuni sono stati, non le doti iniziali o il talento evidenziato nelle categorie giovanili, ma la determinazione, l’attitudine e la motivazione, associate all’esposizione ad ambienti e stimoli di sviluppo opportuni e coordinati in funzionali programmi per lo sviluppo. Crediamo che questi elementi, che per noi sono i pilastri costituenti dei programmi, possano essere stimolati e sviluppati nei nostri giovani. Quanto più numerose e qualificate sono le opportunità di esposizione a stimoli adeguati e rivolte agli atleti con la giusta attitudine, tanto maggiori sono le possibilità di sviluppare atleti di alto livello.

 

L’implementazione della strategia di base è descritta nei tre documenti seguenti:

  • Programma Attività Giovanile 2019: linee guida di riferimento per l’Attività Giovanile nazionale, presto pubblicate sul sito federale
  • Principi generali del Programma di Sviluppo: descrizione globale del programma di sviluppo con illustrazione dei concetti, principi e criteri utilizzati nell’implementazione.
  • Programma Sviluppo 2019: programmazione operativa annuale del progetto di sviluppo con le linee guida di riferimento e suddiviso per facilità di consultazione in:
    • PS 2019 per le classificazioni, i criteri e le linee guida generali
    • PS Giovani 2019 per i programmi e le politiche di selezione rivolti agli atleti fino alla categoria Juniores
    • PS U23 2019 per i programmi e le politiche di selezione per la categoria U23.

Le analisi delle passate stagioni hanno mostrato per i Giovani un programma di sviluppo in linea con i programmi e le aspettative, per cui il Programma di Sviluppo rivolto agli atleti fino alla categoria Juniores seguirà sostanzialmente le linee programmatiche della stagione precedente.

 

Le carenze evidenziate nel 2018 per il difficile settore Under 23, gestito nell’ambito del Programma Olimpico, hanno imposto l’esigenza di intervenire considerando gli aspetti che influiscono sul successo del processo e che vanno considerati nella loro rilevanza come:

  • il difficile periodo di scelte per un atleta appena uscito dalle protette categorie giovanili e la necessità di prevedere un programma di supporto alla carriera scolastica abbinata a quella sportiva
  • la carenza di tecnici a tempo pieno in grado di soddisfare le esigenze di una preparazione ottimale e finalizzata verso l’alto livello
  • la carenza di ambienti di allenamento qualificati per gli U23.

 

Le principali novità del 2019 per il settore riguarderanno i seguenti aspetti:

  • individuazione dei tecnici qualificati e meritevoli di supporto tra gli Junior Coach per il settore giovanile, tra i Development Coach per il settore U23 e per l’alto livello, supportandone lo sviluppo nei relativi ambiti
  • presenza di un coordinatore dedicato per l’attività nazionale U23
  • individuazione di ambienti idonei allo sviluppo per gli U23
  • evoluzione del Centro Tecnico Federale in un riferimento centrale per lo sviluppo.
  • favorire la diffusione delle conoscenze e competenze dall’alto livello agli ambienti di sviluppo
  • definizione di un tavolo di lavoro permanente costituito da tecnici in grado di evidenziare problematiche di sviluppo e potenzialità
  • potenziare le occasioni di apprendimento e confronto per i tecnici, attraverso workshop validi come aggiornamento tecnico.

 

I tecnici che possiedono i requisiti e lavorano in un ambiente valido secondo quanto definito nel Programma di Sviluppo, possono richiedere un incontro con lo staff federale volto ad accertare la presenza delle condizioni idonee al supporto. La domanda, completa delle informazioni utili alla valutazione (scaricabile dalla sezione Maglia Azzurra / Programma Sviluppo), deve essere inviata alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 15 febbraio 2019. Gli atleti U23 interessati al coinvolgimento nei Programmi di Sviluppo per i camp e l’attività agonistica internazionale possono compilare il form con le informazioni necessarie, da inviare alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

TUTTO SUL PROGRAMMA SVILUPPO