Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Aquathlon giovanile al Cus Bari

prima edizione il 29 settembre
Pubblichiamo il resoconto della manifestazione giovanile ricevuto da Fabio Leoni attento osservatore e tecnico giovanile presente alla manifestazione.
Si è svolta l'ultima gara giovanile a Bari, ospitata dalla struttura del CUS, in una domenica soleggiata, ma non eccessivamente calda. Data la concomitanza della gara degli adulti,la presenza degli atleti è stata abbastanza cospicua. Infatti spesso diversi atleti adulti (master) sono contemporaneamente genitori o allenatori dei ragazzi e non tutti sono pronti a sacrificare i propri impegni agonistici per favorire quelli dei più giovani.

Nonostante, appunto, la presenza di numerosi atleti giovanissimi e di un'altissima percentuale di ragazzi alla prima esperienza nella duplice disciplina, comunque provenienti dall'agonismo del nuoto o della corsa, tutti i pronostici sono stati rispettati. Ormai, almeno a livello giovanissimi, gli atleti in erba pugliesi stanno maturando anche l'esperienza nella gestione della gara nella sua articolazione, e non si fanno certo impensierire da chi si cimenta per la prima volta.



Per la cronaca, la gara dei cuccioli maschile (8 e 9 anni) è stata vinta da Luca Savino della Teramo Triathlon, seppur così giovane, ormai al 2° anno di attività seguito da Angelo Persia dell'Athletic Matera alla quarta gara stagionale.



Quella femminile invece da Federica Loperfido, compagna di squadra di Angelo anch'essa alla quarta gara stagionale seguita da Giulia Balena del Cus Bari anche lei non alla prima esperienza.

Nella categoria esordienti (10, 11 anni) , gara senza storia. Francesco Mancini della Meridiana Triathlon Taranto vince con largo distacco così come ha vinto tutte le gare stagionali a parte il campionato Italiano dove si è "accontentato" del 2° posto". Immediatamente dietro di lui ,così come era successo due settimane fa nella gara di Leporano,è arrivata direttamente la prima classificata femminile Stella Bianchi, anche della Meridiana Triathlon Taranto.

Per la cronaca secondo maschile Gianmarco Foggetti e Martina Morisco entrambi della G.P. Modugno.

Nella categoria Ragazzi (12, 13 anni), nonostante le tante novità, il podio maschile è stato identico a quello della gara precedente cioè Gabriele Lufrano(Athletic Matera), Francesco Laterza e Luca Leoni (entrambi Meridiana Triathlon Taranto).

I tre si sono divisi le vittorie di tutte le gare stagionali senza nessun'altra intromissione.

Nella gara femminile vittoria netta di Francesca Paladini forte di un distacco, inflitto nella frazione di nuoto, su Viola Campanelli.



Con questo appuntamento si chiude la stagione per il settore giovanile in attesa delle premiazioni del trofeo Puglia dove i nostri ragazzi riceveranno il giusto tributo per una stagione indimenticabile.

Indimenticabile perchè ha vissuto la prima massiccia partecipazione ai campionati italiani di atleti giovani e giovanissimi, con i primi risultati di prestigio

Indimenticabile perché ha dato la giusta visibilità ad movimento di giovani e di tecnici che li seguono con passione e dedizione, dimostrando che non siamo un fenomeno isolato di master e senior che gareggiano fra loro o si vanno a fare gare estreme in giro per il mondo.

Indimenticabile perché ha permesso, per la prima volta, a 5 dei nostri ragazzi e 3 dei nostri tecnici di partecipare ad un campus a Rieti ospiti della FITRI Lazio.

Indimenticabile perché ci ha permesso di schierare una squadra Youth e partecipare orgogliosamente alla coppa delle regioni.

Indimenticabile per i ragazzi che rispetto alle precedenti stagioni, hanno avuto molte manifestazioni dedicate solo alle loro gare e non hanno fatto quindi da cornice (scomoda come spesso accade) alla gara degli adulti.

Sperando di prendere il risultato di questa stagione come vero punto di partenza di un lavoro che ci porterà, si spera in tempi relativamente brevi, ad essere alla stessa altezza delle regioni italiane più forti nella specialità, se non nei numeri, almeno nella qualità, invio i migliori auguri ai nostri giovani di continuare in questa direzione e di fare sempre meglio.

Fabio Leoni

Tecnico Societario

Meridiana Triathlon Taranto