Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Matera -Resoconto e risultati della terza prova del trofeo Interregionale Sud

images/puglia/20150614_134503.jpg

 LOCANDINA 01 1


Oltre novanta tra atleti e atlete delle categorie giovanili di Basilicata, Puglia, Calabria e Campania hanno dato vita alla terza prova del trofeo interregionale Sud a Matera dove, domenica 14, si è svolto l'aquathlon della terza edizione del trofeo Light città dei Sassi. Una sportiva invasione che ha messo in piacevole crisi l'organizzazione ottima della Squadra locale capitanata da Angelo Rubino e Valeria Agatiello. Tutto si è svolto nel migliore dei modi e le numerose gare in programma sono scivolate via in un susseguirsi continuo di partenze e arrivi che hanno esaltato la folla di tecnici, genitori e accompagnatori presenti lungo i percorsi in piscina e fuori.


Puntuali le società all'appuntamento a Matera, Nest Lecce, Otrè Noci, Cus Bari, Junior Brindisi, Atlas Cosenza, Canottieri Napoli, Ester Napoli, TAA Matera, Meridiana Taranto, Netium Giovinazzo, Gp Modugno con i loro migliori atleti pronti a confermare e migliorare le posizioni nel Trofeo Interregionale che sta stimolando oltremodo la partecipazione di veri e propri talenti del Sud Italia. spettacolari alcune fasi di gara con grande incitamento agli atleti in acqua e fuori dove, forse, solo gli atleti, con i costumi bagnati dopo la prova di nuoto, non hanno sofferto il gran caldo della mattinata materana.


Hanno cominciato i più piccoli, tre mini cuccioli  e sette cuccioli tra maschi e femmine con 25 metri di nuoto percorsi d'un fiato e 250 metri di corsa velocissimi che hanno gratificato tutti non tanto per la velocità della prova ,ma per un senso di completezza che i giovani cominciano a mostrare facendo una esperienza nuova, completa fisicamente e mentalmente che serve soprattutto a dare la sensazione di sentirsi capaci prima che bravi, e allora bravi Carpanelli Alice e Curri Angelica della Otrè Noci, società che sta impegnandosi seriamente anche nel settore giovanile, Cappiello Alessandro, Rondinone Arianna e Ambrosecchia Claudio del Team Matera società pilota in regione, Martino Giuseppe e Caramia Alessandra della Gp Modugno, società in evoluzione giovanile, Mauro Angela e De Iaco Francesco della consolidata Nest Lecce e Megali Lorenzo degli amici dell’Atlas Cosenza.


20150614 133946


Subito dopo è toccato alla categoria degli esordienti sulla doppia distanza. Anche in questo caso gara velocissima con ragazzi e ragazze stanchi al temine ma pronti a riprendere a correre dopo pochi minuti per accompagnare i compagni di squadra e godersi la giornata sportiva, questi ragazzini fanno comprendere appieno il senso della squadra e l'alzata domenicale viene ricompensata vedendo con quale impeto mostrano di avere più energie di quelle necessarie per la gara. Complimenti alle finisher donne che in ordine di arrivo sono Laura Ambrosecchia  del Team Matera, Mikaela Bruno dell’Atlas Cosenza, Valentina Arganese della Junior Brindisi  e Martina Curri della Otrè Noci e ai finisher uomini che in ordine di arrivo sono Mario Licciardone e Luigi Libonati dell’Atlas Cosenza, Valerio Gianvecchio della Gp Modugno e Nico Megali e Emanuele Bruno dell’Atlas Cosenza.


Le ragazze e i ragazzi hanno composto le successive batterie in gara. Sono emersi elementi agonistici e tecnici di maggiore spessore e abbiamo cominciato a intravedere quello che sarà il futuro della multidisciplina femminile e maschile. Abbiamo osservato atleti e atlete in grado di esprimere alte doti tecniche e un forte impegno agonistico, si tratta ancora di atleti da continuare a costruire, ma ne sono scaturite gare avvincenti con spunti di alto livello ancora settoriali e non completi come il nostro sport pretende per essere di livello assoluto in futuro, ma basta per ipotizzare un ricambio ottimale per i prossimi anni, e senza dimenticare che, assenti per vari motivi, ci sono altri atleti e atlete in grado di ben figurare. Le prove di Matera hanno esaltato a livello femminile dove Erika Ciccolella della Netium Giovinazzo, molto competitiva nel nuoto, ha saputo resistere al tentativo di rimonta della bravissima Maddalena Mangiullo della Nest Lecce nella corsa. La Mangiullo, nettamente migliorata nel nuoto è comunque uscita dall'acqua con un netto svantaggio rispetto alla Ciccolella che, nella corsa, ha messo in gioco tanta grinta e determinazione vincendo la gara che, probabilmente ha evidenziato due talenti di cui sentiremo parlare spesso. Dietro di loro bene nel nuoto Chietera, Santospirito e Losignore della squadra di casa e Quarta della Nest Lecce che hanno da recuperare un po’ di svantaggio tecnico.


Mentre tra i maschi prova equilibrata nel nuoto con più atleti in grado di essere protagonisti e gara decisa con al corsa dove Francesco Fabbrizi della Meridiana Taranto ha avuto la meglio su Andrea Tamborrino della Nest Lecce entrambi autori di ottime seconde frazioni e divisi al traguardo di pochissimi secondi. Fabbrizi sta dimostrando una netta crescita tecnica e agonistica e una gran voglia di essere protagonista. Bene anche Tamborrino che continua a esprimersi su alti livelli ed è sempre presente e protagonista in gara. Dopo di loro, con una buona frazione di nuoto Sciacovelli del Cus Bari ancora non competitivo nella corsa, seguono tre atleti della Canottieri Napoli, MOnetti, Menna e De Cicco e conclude la classifica Giuseppe Iacovone del Team Matera.


Con i più grandi si comincia a cogliere lo spirito agonistico delle nostre gare, le tecniche diventano più precise, la distribuzione dello sforzo più attenta e le distanze maggiori stimolano tattiche e comportamenti oculati con minore spazio all'istinto. Tra le donne Youth A tante brave atlete nelle nostre regioni, alcune delle quali però mostrano ancora prevalenza per alcune specialità. Emergono quindi, viste le distanze, coloro che fanno triathlon e quindi non a caso le favorite della giornata erano Vanessa Lafronza della Netium Giovinazzo forte nuotatrice e molto migliorata nella corsa, e Viola Campanelli del Cus Bari brava in entrambe le specialità e in netto miglioramento nel nuoto, iniziale tallone d'Achille. Tra le due pochi i punti di distanza nella classifica del trofeo interregionale e nel trofeo Puglia giovani.


Netto il distacco, all'uscita dalla piscina per Lafronza con venti secondi circa su Martina Mione della Canottieri Napoli e su una buona Campanelli. Nella corsa Lafronza, nell'ultimo dei quattro giri del circuito, riesce a incrementare di alcuni secondi il vantaggio su Campanelli che giunge seconda, indietro le altre con Maione sul terzo gradino del podio e a seguire Malerba del Cus Bari, Arganese della Junior Brindisi, Latrofa e Festa del Team Matera e Calabresi della Junior Brindisi. Speriamo di rivedere un numero simile di atlete di questa categoria in tutte le gare da ora in poi.


Ben due batterie per contenere gli oltre venti Youth A uomini e corsie affollate con atleti costretti a dare il massimo fino all'ultimo metro in attesa dei tempi della seconda batteria. Con piacere vediamo atleti ben formati fisicamente, allenati con attenzione, in alcuni casi ancora grezzi dal punto di vista tecnico nel nuoto e nella corsa, ma capaci di dare vita a spettacolari gare evidenziando grinta e determinazione.Al termine di due combattutissime batterie ha prevalso Francesco Laterza della Meridiana Taranto, atleta con ottime doti natatorie che sta mostrando componenti tecniche nella corsa di buon livello tali da riuscire a resistere al tentativo di rientro di Gabriel Lufrano del Team Matera notoriamente forte nella corsa e sicuramente favorito alla vigilia. Laterza, invece, uscito dalla piscina con una quindicina di secondi di vantaggio ha resistito bene, ha gestito la corsa con attenzione e intensità e ha tagliato il traguardo primo confermando il talento che speriamo continui ad esprimere in futuro. Lufrano è sembrato meno reattivo del solito, ma conferma di essere protagonista e con grandi potenzialità in questa disciplina dove i risultati, quelli che contano, si costruiscono giorno per giorno, per anni.


Terzo al traguardo assoluto Luciano Pignatelli della Netium Giovinazzo che sta vivendo una stagione di grande crescita agonistica, bene nel nuoto, sta migliorando tanto nella corsa e soprattutto nella combinazione tra le due specialità che affronta con determinazione e capacità ottime. Poi Leoni della Meridiana Taranto, calato nella corsa dopo un bell’avvio in piscina, precede Alessandro Onorato della Ester Napoli che invece vede nel nuoto il tallone d’Achille, ma quando mette i piedi a terra è molto competitivo, poi è la volta di Christian Ronchi, anche lui, al primo anno di categoria, in netta crescita agonistica e tecnica. Eppoi tutti gli altri con una forte presenza degli atleti della Ester Napoli che sta costruendo un bel vivaio di ragazzi. Questa classifica è un po’ il metro del settore giovanile di una regione, si tratta di solito di quegli atleti che hanno probabilmente superato la fase di indecisione che porta all’abbandono, i carichi sono impegnativi e gli allenamento spesso intensi e quando questi ragazzi gareggiano con il vigore espresso a Matera, si può pensare che potranno farlo per anni ancora, chiaramente ai diversi livelli di qualificazione. Come regione possiamo gratificarci da una congrua partecipazione dei nostri giovani di Matera, Brindisi, Lecce, Bari, Giovinazzo, Modugno e Taranto e sappiamo che ce ne sono altri in grado di ben figurare e che il nostro movimento vive un periodo di buon fermento.


Hanno gareggiato insieme le donne youth B e Junior, ben nove che, in una gara insieme, hanno potuto stimolarsi e trovare maggiori spunti agonistici. Angela Altamura della Netium Giovinazzo l'ha fatta da padrona forte di una frazione di nuoto superiore alle altre sui 300 metri previsti, uscita dall'acqua con buon margine sulle altre ha continuato con una corsa incisiva e volitiva, mantenendo, anzi incrementando il vantaggio su Federica Saetta e Chiara Lombardi  della Canottieri Napoli. Tra le Youth B Altamura vince su Lombardi mentre terza è Del Signore della Netium Giovinazzo  avanti a Arianna Antelmi della Gp Modugno e Anna Mangiullo della Nest Lecce, mentre tra le Junior Saetta risulta prima avanti a Maria Mangiullo della Nest Lecce, Rossella De Matteis della Canottieri Napoli e Alessia Bechi della Gp Modugno.


Molto brava Angela Altamura che conferma il suo talento in questa disciplina che potrebbe vederla protagonista a livelli anche maggiori, purtroppo per noi triathleti gli impegni natatori della ragazza sono tali da coinvolgerla soprattutto per la parte in acqua sacrificando le altre specialità e costringono gli addetti ai lavori ad aspettare gare di questo genere per apprezzarla come protagonista.


I maschi della categoria Youth B gareggiano quando il sole è già alto, hanno atteso il loro momento mulinando le braccia per essere pronti e al via è subito Alessandro Grieco del Team Matera a scattare in vasca con Daniele Rocca dell’Atlas Cosenza a tallonarlo, nella prima frazione bene anche Joseph Iannotta della Junior Brindisi, mentre un po’ attardato è Ciro Borrelli della Canottieri Napoli che poi sarà protagonista nella corsa. La seconda frazione mostra un volto un po’ diverso dalla prima e solo Grieco mostra di avere doti equilibrate nelle discipline, controlla il  vantaggio preso in piscina e vince la prova solitario. Alle sue spalle Borrelli supera gli altri atleti salendo sul secondo gradino del podio mentre  Rocca batte in volata Iannotta per il terzo posto. Dopo di loro al traguardo Mulas per la Gp Modugno, Maglio della Canottieri Napoli, Mastrandrea della Junior Brindisi e Simoniello del Team Matera.


Bravo Grieco a far valere il suo spessore tecnico e aspettiamo di vederlo protagonista anche in contesti di livello superiore, come merita.


Ultima provai n programma quella degli Junior, numerosi come mai finora in una gara pugliese tanto che la piscina, durante la prima frazione sembrava una tonnara per la densità di atleti presenti tanto che è stato difficile prendere a tutti i parziali ogni 50 metri come riportato nelle classifiche di quasi tutte le categorie. Ma evidente è stata la superiorità in acqua di Borsacchi e Pettorusso della Canottieri Napoli, atleti di alto spessore nazionale e protagonisti nelle gare che assegnano i titoli italiani. Non hanno potuto tenere il passo, nonostante buone prestazioni in vasca Quarta della Nest Lecce, Mignano e Maglio della Canottieri Napoli, Iacovone e Ruggieri del Team Matera. Indietro gli altri con una parola per Padolecchia del Cus Bari che con una prova di nuoto più veloce, vista la corsa che ha saputo esprimere poi sarebbe stato un protagonista della gara per il podio. Ottimo il miglioramento nel nuoto anche per Quarta che, rispetto al passato, è salito di livello tantissimo tanto da riuscire ad essere in gara da subito senza dover aspettare le altre frazioni dove sappiamo quanto è bravo.


20150614 1343420


Al termine i due battistrada della Canottieri Napoli saranno i più veloci anche nella corsa che controllano bene e li costringerà a una volata intensa per stabilire il vincitore che sarà Borsacchi. Quarta giunge terzo davanti a Mignano e Padolecchia autore di un bel recupero, poi Iacovone, Maglio e Ruggieri. In questa gara la fa da padrone la società campana con ben nove dei 14 partecipanti, pochi i ragazzi di questa categoria delle nostre regioni che hanno comunque saputo ben comportarsi.



Nel bilancio finale una vittoria per Otrè Noci e Atlas Cosenza, due per Nest Lecce, Canottieri Napoli e Meridiana Taranto, tre per Matera e per Giovinazzo a certificare l’interregionalità dell’evento.  Immediate le premiazioni grazie a un sistema di classifiche immediato e manifestazione che è sembrata più snella di tante altre e ciò grazie oltre che all’impegno degli organizzatori, alla precisione dei giudici, ben organizzati e all’aiuto di atleti, tecnici e genitori, pazienti e coinvolti.


Prossimi appuntamenti con i giovani e con il Trofeo Interregionale il 5 luglio in provincia di Cosenza per una gara di triathlon, la settimana prima si svolgerà, a Brindisi, il raduno giovanile con le prove PSN in programma come da dispositivo specifico pubblicato su questo sito.


Classifiche con tempi parziali