Logo Arena

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

IMG 7829 1


La quarta edizione del Grand Prix Italia si chiude con un doppio successo del T.D Rimini. La formazione diretta da Alessandro Alessandri, al termine del circuito di tre gare che, prima della finale di Palermo è andato in scena a Sapri e Cesenatico, centra il successo sia nella graduatoria maschile sia in quella femminile. Tra gli uomini, la società riminese precede Minerva Roma e Cus ProPatria Milano, seguono Azzurra Triathlon team e Cus Parma, mentre nella graduatoria femminile, al secondo posto si piazza la DDS, terza la Minerva Roma, quarta e quinta Cus ProPatria Milano e 707.

 

Per quanto riguarda la prova individuale su distanza sprint disputata nell'incantevole cornice della spiaggia di Mondello con l'organizzazione di Now Team, i successi sono andati a Felix Duchampt (T.D. Rimini) e Annamaria Mazzetti (G.S. Fiamme Oro).

La gara donne si apre nel segno di Sharon Spimi (Pol. Riccione) e Ilaria Zane (DDS), le più veloci ad uscire dall'acqua che hanno iniziato a pedalare con una ventina di secondi sul gruppo principale di cui facevano parte Annamaria Mazzetti e Beatrice Mallozzi (Minerva Roma). In pochi chilometri le fuggitive vengono riassorbite e la seconda frazione si esaurisce con il gruppo compatto. Mazzetti e Zane sono le più in forma a piedi e prendono subito un margine di vantaggio sulla Mallozzi e Mathilde Gautier (707). Sembra si prospetti un arrivo in volata ma la Mazzetti, reduce dal successo di Cesenatico, a 500 metri dal traguardo si invola in solitaria verso il successo; seconda Zane, terza Mallozzi; giù dal podio, nell'ordine, Jeanne Lehair, francese del T.D. Rimini, Gautier, Federica Parodi (T.D. Rimini), Ines Santiago Moron (Minerva Roma), Luisa Iogna-Prat (T.D. Rimini), Lilli Gelmini (T.D. Rimini) e Sharon Spimi.

“La gara si è messa bene dall'inizio, sono uscita dal nuoto nel gruppo principale, pochi secondi dietro alle fuggitive – spiega Annamaria Mazzetti, a segno nella gara donne – abbiamo spinto subito in bici e siamo rientrate. A quel punto sapevamo che si sarebbe deciso tutto nella corsa, sono partita bene e mi sono accorta che Beatrice Mallozzi era leggermente staccata e sono andata via con Ilaria Zane. Pensavo di giocarmi la vittoria in volata invece a 500 metri dall'arrivo sono riuscita ad andare via ed arrivare da sola al traguardo”.

 

Nella gara maschile, la prima frazione è dominata dal russo Vladimir Turbaevskiy (T.D. Rimini) che esce con un margine di una manciata di secondi sul gruppone principale. Sulle due ruote, la situazione si movimenta subito: Felix Duchampt, Nicolò Strada (Pol. Riccione) e Marco Corrà (Minerva Roma) provano la fuga e acquisiscono un vantaggio di una ventina di secondi sugli inseguitori. Dai fuggitivi, si stacca Corrà, ripreso dal gruppo inseguitore mentre la coppia Duchampt-Strada arriva al comando alla seconda transizione. Il francese è il più forte anche a piedi e si invola verso il successo, il primo della sua carriera in Italia, al secondo posto risale Turbaevskiy mentre per il terzo posto va a Dario Chitti (Venus Triathlon), primo italiano al traguardo. Seguono Jimmy Kershaw (Azzurra Triathlon Team, GBR), Nicola Azzano (The Hurricane), Daniel Hofer (Venus Triathlon), Alessio Fioravanti (Minerva Roma), Giulio Soldati (T.D. Rimini), Marcello Ugazio (Azzurra Triathlon Team) e Jonathan Ciavattella (PPRTeam).

“Ho nuotato molto bene e ho subito provato ad attaccare in bici – spiega il vincitore della prova maschile Felix Duchampt – Strada è venuto via con me e siamo riusciti a cambiare con 20 secondi di margine. Sapevo di stare bene a piedi e ho ottenuto questo bel successo, la mia prima vittoria in Italia. Sono contento per questo risultato, soprattutto per la mia squadra che ha vinto la classifica finale del Grand Prix”.

 

Infine è stato assegnato il premio Emilio Di Toro ai migliori atleti del Grand Prix ossia coloro i quali hanno ottenuto il maggior numero di punti totali nelle tre prove: in questa particolare classifica svettano Vladimir Turbaevskiy (T.D. Rimini) e Beatrice Mallozzi (Minerva Roma).

 Classifica maschile

http://risultati.fitri.it/CircuitoGranPrix.asp?Anno=2017&Circuito=GP&Ss=M

 Classifica femminile

http://risultati.fitri.it/CircuitoGranPrix.asp?Anno=2017&Circuito=GP&Ss=F

 

IMG 7828

IMG 7830

IMG 7825

IMG 7826

IMG 7839

IMG 7840

IMG 7842

IMG 7737

IMG 7782

IMG 7819

(Fonte foto FITRI)

Logo Arena