Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Rinviati l'Ironman World Championship e l'Ironman 70.3 World Championship 2020

IRONMAN ha annunciato oggi, in collaborazione con i partner delle città ospitanti e le autorità delle Hawaii, Stati Uniti e Taupō, Nuova Zelanda, che a causa dell'impatto della pandemia COVID-19, le edizioni 2020 dell’IRONMAN® World Championship e dell’IRONMAN® 70.3® World Championship non potranno svolgersi nelle date originariamente previste. L’IRONMAN® World Championship si svolgerà il 6 febbraio 2021, tornando al suo storico mese di gara e festeggiando 40 anni dalla prima edizione a Kailua-Kona sull'isola delle Hawaii. Mentre una nuova data per l’IRONMAN 70.3 World Championship non è stata ancora stabilita, il team sta lavorando scrupolosamente con le autorità e i funzionari locali e nazionali per assicurare una data per l'inizio del 2021.

IRONMAN ha seguito da vicino la situazione e le linee guida dei governi delle Hawaii e della Nuova Zelanda in merito agli eventi di massa, chiusura delle frontiere, restrizioni di viaggio e altre questioni relative al COVID-19 per valutare la fattibilità di ospitare l’IRONMAN World Championship 2020 e l’IRONMAN 70.3 World Championship 2020. Inoltre, poiché la pandemia COVID-19 continua ad avere un impatto sugli eventi in tutto il mondo, entrambi i campionati mondiali hanno visto la maggior parte dei rispettivi eventi di qualificazione rinviati o impossibilitati a svolgersi nel 2020, non potendo realizzare delle edizioni di World Championship veramente competitive. Sulla base di questi fattori e circostanze al di fuori del nostro controllo, oltre all’obiettivo di dare agli atleti e alle comunità il maggior tempo possibile di preparazione, è chiaro che gli eventi dei campionati mondiali non possono procedere come previsto rispettivamente in ottobre e novembre.

Analogamente al 1982, ci saranno due edizioni dell’IRONMAN World Championship in un solo anno (febbraio e ottobre) e ospiteranno gli atleti che si qualificheranno nelle stagioni 2020 e 2021.

A seguito del continuo impatto del COVID-19, la finestra temporale di qualificazione per l'edizione 2020 all’IRONMAN World Championship è stata estesa per fornire ulteriori opportunità di qualificazione. Le informazioni più aggiornate sui dettagli delle qualifiche complessive per il Campionato del Mondo IRONMAN sono disponibili sul sito www.ironman.com/im-world-championship.

L’IRONMAN World Championship è l'apice dello sport di resistenza, con atleti provenienti da tutto il mondo che arrivano a Kailua-Kona, Hawaii, dopo essersi qualificati in eventi in sei continenti. Ogni anno più di 94.000 atleti si contendono gli ambiti slot per il Campionato del Mondo IRONMAN, con circa 2.500 atleti che arrivano alla linea di partenza il giorno della gara. Nel 2019, il Campionato Mondiale IRONMAN ha generato un impatto economico totale di 72 milioni di dollari secondo uno studio condotto da Markrich Research. Oltre al turismo, l'IRONMAN e la Fondazione IRONMAN hanno fornito un totale di 1,9 milioni di dollari in sovvenzioni alla regione di Kailua-Kona dall'inizio dell’IRONMAN World Championship.

“L’IRONMAN World Championship è stato per decenni un elemento portante della valorizzazione della nostra isola nel mondo. Sosteniamo pienamente la loro decisione di rimandare queste gare, e riteniamo che sia la cosa giusta da fare per proteggere la salute, la sicurezza e il benessere della nostra comunità", ha detto Ross Birch, direttore esecutivo dell'Island of Hawai`i Visitors Bureau. "Permette inoltre alle attività di supporto di organizzarsi al fine di mantenere alto lo standard che l'evento ha raggiunto nel corso degli anni". Non vediamo l'ora di riaccoglierli quando sarà il momento giusto e faremo del nostro meglio per aiutare la transizione".

"La Contea delle Hawaii sostiene la difficile decisione dell'IRONMAN di posticipare l'evento dei Campionati Mondiali IRONMAN di ottobre 2020 all'inizio del 2021. Non vediamo l'ora di dare il benvenuto agli atleti, alle loro famiglie e ai sostenitori all'inizio della primavera del 2021", ha detto Harry Kim, sindaco onorario di Kona.

Il Campionato del Mondo IRONMAN 70.3 è cresciuto in grandezza e popolarità dalla sua nascita nel 2006 ed è ora il culmine di oltre 100 eventi. Ogni anno più di 200.000 atleti si contendono un posto tra i migliori del mondo, con oltre 5.000 atleti che alla fine arrivano ai nastri di partenza di un evento che dura due giorni. Sulla base di precedenti studi di impatto economico, si prevede che l'edizione 2020 del Campionato Mondiale IRONMAN 70.3 creerà un flusso totale che raggiungerà i 20 milioni di dollari NZD per la città e la regione ospitante.

Il sindaco del distretto di Taupō David Trewavas ha detto che il rinvio era atteso visto l'effetto che il COVID-19 stava avendo sulla Nuova Zelanda e nel mondo. "È stata senza dubbio una decisione difficile, ma la cosa più importante è che noi, come comunità, siamo pronti ad accogliere questi atleti nel momento giusto". Siamo orgogliosi di essere la patria dell'iconico triathlon neozelandese IRONMAN e siamo pronti a mostrarne il motivo al resto del mondo. Andremo in scena nel 2021".

Per ulteriori informazioni e dettagli sull’IRONMAN World Championship, visitare il sito www.ironman.com/im-world-championship. Ulteriori aggiornamenti sull’IRONMAN 70.3 World Championship sono disponibili sul sito www.ironman.com/im703-world-championship.

 

(fonte: comunicato stampa IRONMAN)