Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Commissione Donne

L'obiettivo principale della Commissione Donne è essere il punto di riferimento per le donne che vivono il triathlon o che vogliono avvicinarsi a questo splendido sport.

Un gruppo di lavoro dinamico, ricco di idee, suddiviso su tutto il territorio italiano per fare in modo di creare un programma chiaro, dove ognuna delle componenti della Commissione metterà in campo le proprie competenze e le proprie risorse per creare una squadra che non sarà semplicemente una “quota rosa” ma un'entità che porta avanti e realizza dei progetti reali. 

La Commissione Donne è presieduta da Antonella Salemi e composta da Elisabetta Villa, Angela Abrunzo, Roberta Porrazzini, Maria Viscio, Sabrina Schillaci, Martina Battisti e Claudia Gnudi.

Le aree di lavoro saranno quattro. Identità: essere un'entità ben distinta che avrà una comunicazione dedicata e un piano di lavoro che coinvolgerà i Comitati Regionali. Promozione del Triathlon: tantissime azioni che permetteranno le donne di avvicinarsi al triathlon. Community per le atlete: tanta presenza, supporto ed eventi per tutte le donne del triathlon. Area tecnica: promozione e supporto per aumentare il numero dei tecnici donne in Italia

All'interno della squadra, ognuna avrà un ruolo che esalti le proprie competenze e le proprie passioni: dai social, alla comunicazione, all' organizzazione e tanto altro.  In tutto ciò avremo bisogno di un sicuro supporto da parte delle donne del triathlon italiano che vorranno darci una mano. Conoscendo la forte emotività che guida noi donne, sono certa, ce ne saranno molte! 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Antonella Salemi

Antonella Salemi (Presidente)

Non sono una donna di successo, sono una donna di valore. I dieci anni in cui sono stata impiegata nella Nike, azienda di settore, mi hanno formato, con la mentalità sportiva, verso un approccio aziendale e strategico nuovo e che ha poi condizionato positivamente tutte le mie scelte. Ora sono insegnante di scienze motorie, tecnico federale, coach professionista e sono la presidente e una delle fondatrici di Woman Triathlon Italia, una squadra tutta al femminile che è presente in ogni parte d’Italia e che ogni anno cresce sempre di più.

 

Insegno a scuola, e alleno i/le triatleti/e in tutte le parti dell’allenamento, evidenziando maggiormente l’aspetto mentale, quello che è guidato dalle emozioni. Il triathlon è arrivato tardi nella mia vita, ma ho capito subito che i valori che cercavo in uno sport sono tutti all’interno di questa disciplina.

 

Da Age Group appassionata, alterno le mie gare a presenze sul campo per accompagnare le mie atlete. Seguendo una squadra di sole donne, spesso sono coinvolta dalle riviste di settore per scrivere degli articoli dedicati. Sono stata consigliera regionale per il Veneto e delegato provinciale di Verona: un’esperienza che mi ha fatto capire quanto ora, più che mai, la Federazione abbia bisogno di una squadra che collabora, che condivide, che ha una visione e una missione chiara, in crescita, rivolta al futuro. La squadra della Commissione Donne che ho formato sono sicura che farà grandi cose per la crescita del triathlon femminile in Italia.

Elisabetta Villa

Elisabetta Villa

Triatleta, tecnico allenatrice, moglie e mamma. Da quando ho conosciuto il triathlon, nel 2011, mi sono sentita accolta da una famiglia allargata di persone. Con impegno e dedizione, sono riuscita negli anni a togliermi diverse soddisfazioni, fino a raggiungere l’Oro Europeo Age Group a Targu Mures nel 2019, e tre podi a Kona segnando, nel 2018, il terzo tempo femminile italiano assoluto al Campionato del mondo Ironman.

 

Ho accettato di far parte della commissione donne per ascoltare e dar voce alle esigenze di tante donne che come me, si trovano a gestire famiglia, lavoro e sport. Sono convinta che il triathlon possa fare tanto per molte donne in termini di consapevolezza, arricchimento, autostima

Angela Abrunzo

Angela Abrunzo

Triatleta, tecnico, mamma e avvocato. Mi sono avvicinata al triathlon un poco per pura curiosità e un pò per gioco ed è stato subito amore! La mia passione per questo sport, la dedizione alla squadra e l'abnegazione che mi contraddistinguono, mi hanno portato a raggiungere, dapprima, i vertici della società sportiva con la quale sono tesserata e poi, per la prima volta nella storia della Federazione italiana triathlon, alla presidenza di un Comitato Regionale Presidente del comitato regionale Campania.

 

Ho accettato di entrare nella commissione donne perché il mondo femminile ha un grandissimo potenziale e voglio contribuire a raggiungere una parità di genere, anche a livello costituzionale perché diventi concretezza, realtà, tangibilità

Robertas Porrazzini

Roberta Porrazzini

Triatleta, tecnico, psicologa e insegnante. mi sono avvicinata al triathlon grazie ad un gruppo di amici triatleti e alla passione condivisa con mio papà per la bicicletta e da allora non ho più smesso. Lo sport oggi è parte di me e della mia vita, come atleta e come tecnico del settore giovanile.

 

È un onore per me far parte della Commissione Donne della Fitri. Il triathlon regala emozioni uniche e voglio contribuire alla crescita del triathlon femminile con un messaggio forte: che ci si può organizzare e, mettendoci cuore, nulla è impossibile, anche cominciare il nostro splendido sport.

Maria Viscio

Maria Viscio

Triatleta, mamma, Presidente del Valle D’Aosta Triathlon Club e delegato provinciale.

 

Amo lo sport in tutte le sue forme e cerco di praticarlo quando il mio lavoro in una delle strutture sanitarie private più importanti della mia città me lo consente. Ho accettato con il solito entusiasmo che mi contraddistingue di entrare a fare parte della commissione donne perché credo sia necessario promuovere lo sviluppo del triathlon tra le donne, incoraggiando la partecipazione alle competizioni monitorando tutte le problematiche ad essa legate.

Sabrina Schillaci

Sabrina Schillaci

Triatleta, coach e ideatrice del progetto Race Across Limits imprese ciclistiche per beneficenza. Ho iniziato a fare Triathlon per caso, per uscire da un brutto momento e ora è il mio stile di vita.

 

Ho accettato di entrare nella commissione donne perché sono convinta che lo sport e il triathlon in particolare possano diventare uno strumento di crescita personale e di prevenzione fisica e psichica per le donne di tutte le età e in particolare per le Age Group.

Martina Battistini

Martina Battisti

Triatleta, imprenditrice, rappresentante atleti regione Marche, consigliera direttivo della propria società. Il triathlon è entrato nella mia vita per caso, quando ho preso patentino da scorta tecnica per le gare ciclistiche. Ho dato supporto a una gara di triathlon e lì ho capito cosa volevo fare.

 

Ho accettato di entrare a far parte della commissione donne perché sono sicura che serve una scintilla, e quella scintilla possiamo essere noi: partecipando alle gare, dimostrare che lo sport può entrare nelle vite di tutte. Per il benessere fisico, per sé stesse e di riflesso per chi ci è accanto. per avvicinare le donne al nostro sport, dando in primis il nostro esempio di atlete in gara.

Claudi Gnudi

Claudia Gnudi

Triatleta e presidente di una società di triathlon dal 2002. Sono sportiva dentro con la voglia di riuscire a coinvolgere sempre più donne mettendoci io per prima la faccia e far capire che.... si può! Ho accettato di essere inserita nella commissione donne perché il mio motto è: testa, cuore e gambe e a noi donne non manca nessuna delle tre.