Storia del Paratriathlon

logo PARATRIATHLON per news
Logo CIP 2

Il triathlon è sport inclusivo per eccellenza: atleti disabili e normodotati gareggiano insieme e sugli stessi percorsi. Le regole del paratriathlon sono un adattamento delle regole del triathlon alle differenti tipologie di abilità. La conseguenza è la valorizzazione delle capacità individuali. 

LA STORIA

Febbraio 2011: il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) ha riconosciuto il triathlon come Disciplina Sportiva Associata, delegando alla Federazione Italiana Triathlon tutte le attività inerenti lo sviluppo e la promozione del Paratriathlon in Italia e lo sviluppo del Programma Paralimpico in vista dell’esordio della disciplina ai Giochi Paralimpici di Rio 2016. 

Luglio 2016: il CIP riconosce la FITRI quale Federazione Sportiva Paralimpica.

Settembre 2016: Michele Ferrarin (argento PT2) e Giovanni Achenza (bronzo PTHC) conquistano due medaglie alle Paralimpiadi di Rio 2016.

Giugno 2017: Giovanni Achenza (PTHC) è medaglia di bronzo ai Campionati Europei di Kitzbuhel.

Agosto 2021: Anna Barbaro (argento PTVI con la guida Charlotte Bonin), Giovanni Achenza (bronzo PTWC) e Veronica Yoko Plebani (bronzoPTS2) conquistano tre medaglie alle Paralimpiadi Tokyo 2020.

Maggio 2022: Veronica Yoko Plebani è campionessa europea nella categoria PTS2.

In questa sezione sono disponibili tutte le informazioni necessarie per avvicinarsi e conoscere il mondo del paratriathlon.

ftp logo colori positivo rgb web ftp logo colori positivo rgb web