Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Resoconto 1° raduno progetto Talento 2020

 

 

Una tre giorni ricca di impegni e di spunti interessanti quella appena conclusa a Rovereto dalle atlete coinvolte nel Progetto “Talenti 2020” domenica 15 giugno.

Obiettivo di questo primo appuntamento era di avviare, per alcune tra le migliori Youth A del panorama nazionale, un percorso costituito da allenamenti, dall’esecuzione di test fisici e di valutazione funzionale e soprattutto articolato su momenti formativi nelle aree di interesse degli aspetti mentali, dei presupposti funzionali e delle competenze alimentari necessari per i potenziali talenti del settore femminile in procinto di iniziare un percorso di crescita a lungo termine. Obiettivo pienamente raggiunto grazie alla disponibilità e all’impegno delle atlete e delle loro Società, al lavoro dei tecnici federali e alla professionalità del team di esperti messi a disposizione dai partner del Progetto: Fitri, Coni Trentino, Provincia di Trento, Cerism di Rovereto e ASL di Rovereto. 

Questo primo raduno ha coinvolto le atlete Marta Merlo (Tri Rari Nantes Marostica), Erika Mazzer (Silca Ultralite), Carlotta Missaglia e Carlotta Bonacina (Cus Pro Patria Milano), Fabiola D’Antino (Triathlon Cremona Stradivari), Elena Bifano (Bressanone Nuoto), Giulia Repetto (Virtus Acqui) e Alice Silva (Cus Parma Medel) e i tecnici Massimiliano Di Luca e Genevieve Church. Nella prima giornata di raduno le atlete hanno sostenuto una sessione di allenamento di corsa presso la nuovissima pista dello stadio “Quercia”, seguito in serata, dall’intervento formativo e educativo, a cura dell’equipe degli psicologi che accompagneranno le atlete per tutto il percorso pluriennale previsto dal progetto.

Questo primo incontro, che ha avuto come tema principale il concetto di preparazione mentale e di motivazione, ha visto le ragazze impegnate nella compilazione di una scheda che costituirà l’ossatura di un lavoro che proseguirà anche a casa nei prossimi mesi, in modo da realizzare un percorso continuativo. La giornata di venerdì è stata dedicata per larga parte all’esecuzione dei test di valutazione funzionale presso i laboratori del Cerism. Le prove hanno preso in esame i seguenti aspetti:

- Età scheletrica
- Forza arti inferiori
- Plicometria e misure antropometriche
- Flessibilità catena muscolo-tendinea posteriore
- Equilibrio dinamico
- Controllo neuromuscolare cingolo pelvico-lombo-sacrale
- Velocità
- Soglie ventilatorie e massimo consumo d’ossigeno

La giornata è continuata poi con un allenamento di corsa lungo la magnifica ciclabile sulle sponde del fiume Adige, e si è conclusa con l’intervento del dott. Paolo Crepaz sul tema dell’educazione alimentare. Nella giornata conclusiva di sabato, infine, si è svolto un allenamento di nuoto presso la piscina scoperta da 50 metri dell’impianto comunale.
Il secondo appuntamento con i raduni del progetto Talento 2020 è in programma nella seconda metà del mese di ottobre.