Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Dal Liceo Sportivo ‘Ivan Basso’ , inaugurazione con tante personalità… e si guarda anche al Triathlon

images/comitati_regionali/lombardia/liceo_ivan_basso_presentazione_2.jpg

liceo sportivo ivan basso inaugurazione

 

Oggi, 12 giugno, si è tenuta la cerimonia inaugurale del Liceo Sportivo ‘Ivan Basso’ a Cassano Magnago, Varese. Inaugurazione con le massime autorità oltre che col campione, vincitore di due Giri d'Italia Ivan Basso. L'assessore regionale allo Sport della Regione Lombardia Antonio Rossi, poi l'eurodeputata Lara Comi, il presidente del Comitato Regionale Lombardo Fitri Mauro Garavaglia con il delegato provinciale Fitri Giussani Giussani, i Presidenti di regione della Fci e Motociclismo, lo storico preparatore di Ivan Andrea Morelli del Centro Mapei, il sindaco di Cassano Nicola Poliseno con il consigliere comunale Luca Marsico e il sindaco di Gallarate. 

Gli onori di casa sono spettati ai proprietari dell'Istituto, la famiglia Alampi. Sono poi intervenuti Lara Comi, eurodeputata che ha aggiunto: «.. Lo sport è uno dei valori massimi per l'uomo..>>. Il sindaco Nicola Polisano nel suo intervento ha spiegato l'orgoglio di un istituto che in quarant'anni ha diplomato dirigenti e atleti come Ivan . La parola quindi a Ivan: «Dico grazie a Cassano Magnago, qui sono nato e cresciuto, qui ho le mie radici e tutti mi sono sempre stati vicino. credo in questo progetto. Io non andrò a raccontare ai ragazzi come si va in bicicletta, ma spiegherò quelo che ti può dare lo sport. >>

E ancora l'intervento del Presidente regionale Mauro Garavaglia Fitri, che ha illustrato l'ambizioso progetto di inserire il Triathlon fra le materie di studio, contribuendo alla formazione degli alunni, ampliando le possibilità di formazione professionale oltre che a far vivere uno sport dalla forte carica emotiva.

Consuelo Alampi ha poi illustrato il progetto: «Il nostro liceo vuole legare le materie in maniera multidisciplinare con lo sport si può imparare la resilienza, la determinazione, la volontà. Ivan ci ha insegnato il valore di una vita "monacale" per tendere al massimo obiettivo. Ecco, cercheremo di realizzare delle convenzioni con le federazioni sportive volte, più che alla pura attività, al conseguimento di brevetti: Federciclismo, moto, Triathlon, federbasket, il nuoto... con l'obiettivo finale di unire il servizio e la persona».

(fonte comunicato FITRI Lombardia)