Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Fitri Piemonte e Museo dello Sport di Torino, siglata convenzione

Insieme per promuovere la passione sportiva.

 
Nell’intento comune di trasmettere la passione verso tutte le discipline sportive e come  imprescindibile passo verso la costruzione di un luogo per la memoria di tutti noi, il Presidente del Museo dello Sport di Torino, Onorato Arisi, ed il Presidente del Comitato Regionale Triathlon del  Piemonte, Carlo Rista, hanno attivato una convenzione riservata ai tesserati Fitri:
 
·         Prezzo ridotto di €. 7,00 (anziché 14,00) per la visita al Museo comprensiva di Tour dello Stadio (tribune-panchine-spogliatoi)
 
·         Prezzo ridotto di €. 5,00 (anziché 10) per la visita al Museo
 
Il primo passo di una collaborazione rivolta a dare voce alle diverse realtà sportive presenti sul territorio, al fine di creare sinergie ed iniziative comuni affinché il Museo possa rappresentare una casa per gli atleti, per le loro esperienze e ricordi , un luogo in cui sportivi di ieri e di oggi possano ritrovarsi e riconoscersi.
 
Museo dello Sport di Torino
 
Il Museo dello Sport, allestito all'interno dello Stadio Olimpico di Torino, primo assoluto in Italia dedicato a tutti gli sport ed ai più grandi Campioni di tutti i tempi è un unicum nel panorama museale europeo.
 
250 campioni rappresentati e più di 40 discipline sportive diverse.

Emozioni da rivivere grazie a più di 3000 mirabilia: dal casco di Ayrton Senna alla maglia biancoceleste della Bianchi indossata da Fausto Coppi, dalla Coppa del Mondo di sci di Piero Gros alla maglia di Campione del Mondo di Giuseppe Meazza al costume di Federica Pellegrini.

Un’occasione unica per un viaggio nella storia dello sport, nelle passioni dei gesti atletici e nell’originalità ed autenticità delle vicende dei campioni di ieri ma anche di oggi: il Museo, infatti, è un work in progress, che si arricchisce costantemente di cimeli ed emozioni (dalla racchetta di tennis di Sara Errani al pallone degli Harlem Globetrotters, dalla canoa di Josefa Idem al judogi di Ylenia Scapin).

Un modo nuovo di incontrare e ritrovare le emozioni che ci hanno regalato tanti Campioni di tutti gli sport, e di riscoprirne di nuovi attraverso le immagini delle loro imprese.

 
www.olympicstadiumturin.com