Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Dal Duathlon alla Maratona, la sfida di Fabrizio Vignali, atleta con la sclerosi multipla


Nel mondo del Triathlon/Duathlon Fabrizio Vignali è conosciuto per belle medaglie internazionali vinte negli anni passati e quest'anno la sua nuova sfida è la Maratona. Domenica, a Treviso, correrà la sua gara: "Mi manda Lambruschini e per i medici sono un miracolo: voglio arrivare al traguardo in meno di 4 ore"

La maratona è una sfida per tutti: per chi la corre guardando il cronometro e per chi vuole soltanto arrivare al traguardo.

Per Fabrizio, però, la sfida è un po' più intensa. Lui porta con sé un fardello del tutto particolare: una malattia che pare la negazione dell'impegno fisico richiesto da una maratona. Perché, quando i muscoli sembra che si attorciglino, è difficile pensare di correre per 42 chilometri.

Dal 2006, Fabrizio Vignali è ammalato di sclerosi multipla. In gioventù è stato un buon atleta ("Ho corso con Panetta e Mei, e con Lambruschini è nata un'amicizia che dura ancora oggi"). Ora, a 45 anni, le sue sfide sono altre.

"Con una siringa di interferone ogni due giorni cerco di tenere sotto controllo la malattia. Per i medici sono una specie di miracolo: l'interferone sballa i valori del sangue, non dovrebbe permettere di correre, e invece io, oltre alla maratona, riesco a mantenere l'esplosività richiesta dalle gare più brevi in pista, ad esempio gli 800 metri, una delle mie grandi passioni".

Chi s'immagina un atleta che arranca per 42 chilometri, è fuori strada. A Treviso, domenica 27 marzo, Vignali - spirito pronto e risata contagiosa da buon toscano - correrà la sua terza maratona. Nelle precedenti due, Venezia e Reggio Emilia 2010, è giunto al traguardo con un tempo oscillante fra le 3 ore 45' e le 4 ore. A Treviso potrebbe fare ancora meglio.

"Quando si parla di crisi del maratoneta, per un malato di sclerosi multipla si tratta di crisi nera. So di valere un tempo inferiore a quelli che ho realizzato nelle due precedenti maratone, ma so anche che, appena la fatica si farà sentire, potrei trovarmi disteso a terra senza neppure accorgermene. E' successo a Venezia, e addio tempo".

Perché Treviso Marathon? "Mi è stata consigliata da Lambruschini, che mi fa anche i programmi d'allenamento. Io non corro soltanto, pedalo anche: la maratona sarà una tappa di avvicinamento alle gare di duathlon, dove sono campione europeo e mondiale nella mia categoria. Sogno la Paralimpiade di Londra e quella di Rio". Chiamalo malato.

(comunicato Ufficio Stampa Treviso Marathlon, Mauro Ferraro)