Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Avanti tutta…soddisfatti per il secondo anno del quadriennio olimpico!

images/2014/foto_news/Bianchi_Riviera_Fabian_AGParty2014.jpg

Il presidente della FITri, Luigi Bianchi

Il bilancio dell’attività FITRI 2014, anticipando le novità del 2015: le parole del presidente Luigi Bianchi.

 

"Il nostro è un 'work in progress' che si concluderà solamente nel 2016. Sono e siamo davvero soddisfatti di quanto avviato in questo primo anno. L’auspicio è che il lavoro continuo ed intenso che tutti noi – consiglio direttivo, struttura tecnica e federale, sponsor e addetti ai lavori – stiamo portando avanti, ottenga ulteriori e maggiori risultati sportivi così che il Triathlon ottenga anche in Italia l’attenzione ed il riconoscimento che già in tanti Paesi ha raggiunto”.

 

Apriamo l’intervento del Presidente federale Luigi Bianchi, con la frase di chiusura del suo primo bilancio di attività istituzionale a fine anno del 2013, perché la stagione che sta per concludersi costituisce il secondo step del complesso lavoro  quadriennale: obiettivo olimpico e paralimpico, continua crescita e sviluppo del triathlon in Italia, investimento sulla cultura triathlon nazionale attraverso la formazione, comunicazione, promozione e visibilità, giovani, risanamento economico, rapporti istituzionali, age group e tanto altro.

 

In questo secondo anno di attività, molti sono stati i successi e le novità:

 

Sono orgoglioso di poter affermare di aver centrato un importante obiettivo: il risanamento completo del bilancio federale, che presentava un deficit patrimoniale importante attraverso un piano di rientro, condiviso con il CONI, che si concluderà con 1 anno di anticipo rispetto alle previsioni. Tutto ciò merito di una gestione accorta e virtuosa,  del supporto da parte del CONI, dei nostri Sponsor e, non ultimo, del nostro Collegio dei Revisori dei Conti.

 

Sono state tantissime le novità di quest’anno.

 

Innanzitutto il Grand Prix, circuito internazionale, partito con tanti se e tanti ma, sul quale continueremo ad investire e migliorare per offrire ai nostri atleti l’opportunità di gareggiare con stranieri importanti ‘in casa propria’.

 

La promozione del nostro sport con RUN, SWIM & FUN, iniziativa rivolta ai bambini e ai ragazzi in alcune spiagge italiane; il lancio della pagina Facebook; il coinvolgimento dei consolidati e di nuovi contesti televisivi. Colgo l’occasione per anticipare che nel  2015 saranno incrementati i nostri social con la presenza della FITRI su twitter e instagram.

 

Oltre a ciò sarà possibile visitare il nostro sito federale ottimizzato nelle sue funzioni, nella visualizzazione delle news, rendendolo tra l’altro compatibile con tablet e  smartphone. 

 

Abbiamo fatto parlare tanto del nostro triathlon e l’attenzione dei media nei nostri confronti ha superato le nostre aspettative in diverse situazioni. Grazie soprattutto ai risultati dei nostri atleti in campo internazionale, grazie ad organizzatori di eventi di eccellenza e grazie a questa ‘tendenza triathlon’ che sta prendendo sempre più piede ed affascina nuovi e prestigiosi personaggi e testimonial.

 

Kitzbuhel gruppo podio 2014Anche questo secondo anno del quadriennio ci ha regalato soddisfazioni. Diverse sono le  medaglie vinte – prime fra tutte quelle europee di Anna Maria Mazzetti bronzo elite, della squadra azzurra campione europea di staffetta con Mazzetti, Bonin, Fabian e Steinwandter, quelle di coppa mondo conquistate da Alessandro Fabian  e di Davide Uccellari, quelle Mondiali nel Paratriathlon con l’argento vinto da Michele Ferrarin ed i due bronzi di Alessio Borgato e di Rita Cuccurru, nonché quella recente del titolo europeo Challenge andato a Giulio Molinari, senza parlare poi dei promettenti piazzamenti degli azzurri P.O. che al momento ci offrono una lettura della simulazione provvisoria del rank di qualificazione olimpica con 3 italiani e 3 italiane virtualmente inseriti.

 

Il presidente FITri Luigi Bianchi al tavolo con il presidente del CONI Gianni MalagòSoddisfazione anche per il continuo riconoscimento che giunge dal CONI attraverso supporti ed attenzione; soddisfazione per la crescente credibilità nei confronti anche di  ITU ed ETU che assegnano in Italia per il 2015 eventi europei e mondiali di assoluto livello, vedi l’europeo Challenge a Rimini, il Mondiale Cross ad Orosei. Grande orgoglio per essere protagonisti e promotori di nuove iniziative di cui la FITRI si è fatta carico, come il progetto di cooperazione per lo sviluppo del triathlon a Cuba e come candidata all’organizzazione dei Campionati Mediterranei di triathlon dopo essere stata quest’anno la prova d’apertura del circuito senza dimenticare il corso internazionale per giudici di gara organizzato a Roma d’intesa con ITU.

 

Sempre in evidenza il grande interesse rivolto ai Giovani, , nei confronti dei quali la FITRI ha rivolto progetti mirati, per l’individuazione e l’allargamento della fascia su cui poter investire e lavorare in maniera strutturata. Dal notevole incremento del numero degli atleti coinvolti negli aumentati raduni territoriali e nazionali nell’ambito del Progetto Talento, al nuovo Progetto Talenti 2020 che quest’anno ha preso il via con i primi due momenti di coinvolgimento di 12 atlete; un progetto quest’ultimo, a cui la FITRI ha aderito poiché rientra tra gli interventi sulsettore femminile in vista dei Giochi Olimpico 2020 e 2024. E’ stata avviata anche la collaborazione con la ‘scuola’ inglese del triathlon giovanile che si è concretizzata con l’organizzazione di un raduno con atleti e tecnici della Gran Bretagna. (E restando in campo internazionale, la prestigiosa vetrina per questo settore, nel 2014, è stata quella dei Giochi Olimpici Giovanili (YOG) a cui ha preso parte il nostro Giulio Soldati che ha conseguito il 7° posto individuale ed una medaglia d’argento a squadre).

 

Tanti e nuovi sono stati i momenti formativi organizzati dalla Fitri: dai tecnici che costituiscono un solido riferimento per la creazione del prezioso know how sportivo a quello per speaker. Alla nutrita e sempre crescente partecipazione ai diversi corsi, sottolineo il grande successo riscosso anche quest’anno, dal 3° Convegno Nazionale tecnico scientifico, così come della realizzazione del 1° volume della collana ‘Le guide del triathlon” ed in chiusura di stagione, il 1° corso sperimentale rivolto alla formazione del Tecnico Giovanile.

 

Energie sono state spese per coinvolgere e contattare nuove aziende:per il2105 è entrata a far parte degli sponsor anche Bikkembergs, che indirizzerà il suo apporto al Grand Prix. Anche nei confronti del settore Age Group abbiamo rilanciato la loro festa con l’Age Group Party a Riccione, che rappresenta per tutti il segnodell’attenzione edell'importanza che la FITRI rivolge ai suoi atleti.

 

I nostri Age Group si sono fatti onore su tutti i campi gara sia nazionali che internazionali conquistando importanti titoli – 31 medaglie ai mondiali di winter triathlon a Cogne, 25 medaglie negli europei di Cross ad Orosei, 3 medaglie agli europei di Kitzbuhel, 6 medaglie tra mondiali ed europei di duathlon sprint, classico e lungo ed infine due medaglie negli europei di aquathlon. Ginevra sarà la città che ospiterà i prossimi campionati europei dove, sono certo, avremo grandi soddisfazioni di partecipazione e risultai.

 

Un doveroso riconoscimento va anche al nostro settore Giudici di Gara che hanno permesso lo svolgimento di più di 400 gare e che si impegnano ogni volta per rendere le manifestazioni sempre più sicure e controllate.

 

Il Settore Medico che continua a portare avanti la tutela della salute dei nostri atleti nazionali con sempre maggior vigilanza nell’ambito della prevenzione. Stessa attenzione che mettiamo nella prevenzione al doping per educare i più giovani e colpire coloro i quali non condividono i nostri principi di sport pulito.

 

Attenzione anche nei confronti del territorio con maggiori risorse allocate ai Comitati Regionali a fronte di presentazione di progetti di sviluppo del Triathlon sul territorio ed approvati dalla Fitri. Progetti finanziati con le risorse maturate dai permessi giornalieri che nel 2014 hanno superato il numero di 3.000. Sono state convocate 2 consulte delle Regioni che nel 2015 speriamo possano crescere come numero di incontri. Tutti i Comitati e le Delegazioni hanno ricevuto il Kit dei percorsi di abilità per il supporto della loro attività promozionale giovanile. Abbiamo anche quasi completato la consegna degli archi gonfiabili nuovi e di quelli modificati con la nuova grafica.

 

Sono i numeri che ci fanno essere ottimisti numeri che attestano i nostri tesserati oltre quota 20.000 e quello delle Società a quota 368 entrambe in costante crescita.

 

A conclusione un ringraziamento al mio Consiglio federale, a gli atleti, ai tecnici, alle società, agli organizzatori, alle famiglie, agli sponsor, agli uffici federali, ai volontari, a tutti coloro che sono sempre pronti ad essere vicino a questo meraviglioso sport."

Bianchi Borgato Kitzbuhel2014

/>