Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Alistair Brownlee è leggenda Triathlon ‘bicampione olimpico! Argento il fratello Jonathan, Bronzo a sorpresa Schoeman. Alessandro Fabian 14°, Davide Uccellari 34°con sfortuna…

images/2016/News_2016/gare_internazionali_2016/RIO_2016/gara_uomini/del_7771__medium.jpg

 podio di Rio2016

 
Alistair Brownlee (Gbr) non è più storia del triathlon ma leggenda: vince la sua seconda medaglia olimpica dopo Londra 2012, in una gara strepitosa in cui ha lasciato tutti dietro, dopo un nuoto e ciclismo sempre prepotentemente in evidenza ed infine, nella corsa, volando letteralmente da vincitore assoluto fino al traguardo. ‘Ufo’ Alistair ha realizzato una gara superba: tra i primi nel nuoto, un ciclismo sempre in attacco, è uscito per primo velocissimo dalla seconda transizione , subito seguito dal fratello Jonathan ed insieme hanno affrontato i 10 km a ritmi incredibili. Nel 7° chilometro circa, ha ulteriormente cambiato il passo ingranando la marcia e si è lasciato tutti dietro. Incredibile Sir Alistair che si aggiudica una vittoria con la V maiuscola in una gara che ha fermato il tempo in 1.45.01

Alle spalle del super campione Alistair meritata ed attesa medaglia d’argento per il fratello Jonathan, che dal bronzo di Londra 2012 migliora il ‘metallo’ e si aggiudica il secondo gradino olimpico con un tempo di 1.45.07. Anche lui stellare interprete di una gara olimpica che non ha concesso nulla a nessuno.

Poi la sorpresa, come quasi sempre accade nelle olimpiadi del Triathlon: terzo a tagliare il traguardo è stato il bravo sudafricano Henri Schoeman, che ha chiuso in 1.45.43 superando ed imponendosi, oltre che sui forti Luis e Mola, anche e soprattutto sul suo connazionale dato tra i favoriti di questi Giochi, Richard Murray giunto 4°, artefice di una rimonta ‘mostruosa’ con la sua veloce corsa, dopo una gara tutta in salita vista la non buona frazione iniziale a nuoto.

I nostri azzurri ci hanno fatto sognare: Alessandro Fabian tra i protagonisti è stato sempre davanti nel nuoto, uscito 3°, e nel ciclismo tra i 10 che hanno guidato la gara, non sbagliando una sola virgola né di strategia né di forza. Poi, nella frazione a corsa, sceso dalla bici ed uscito dalla T2, non è riuscito a mantenersi nella posizione della top ten ed ha concluso 14°.

“Era andato tutto molto bene fino alla frazione a corsa, molto soddisfatto per come ho condotto e controllato. Sceso a piedi ho avuto sensazioni ‘piatte’, non sono riuscito a trovare i ritmi giusti, non riuscivo a cambiare ritmo fin dall’inizio. In questi giorni ero molto tranquillo, sapevo di essermi preparato bene, mi immaginavo proiettato tra i primi 5/7, sapevo di valere questo tipo di classifica, non è andata alla fine come mi aspettavo.” Il carabiniere padovano lo dice tra il deluso e l’amareggiato, sempre così severo ed esigente con se stesso, ma poi prosegue: “Ho dato tutto, non ho rimpianti. Sono comunque felice, non ho nulla da rimproverarmi. Ho lavorato duro tutto l’anno ed ho corso come meglio non potevo”.

Il portacolori delle Fiamme Azzurre Davide Uccellari, ha concluso la sua gara olimpica 34°: bella prova a nuoto di Davide che è riuscito ad inserirsi nella 20^ posizione a soli 15 secondi dal primo, il ‘solito Varga’, per poi proseguire nel gruppo dei diretti inseguitori dei 10 leader del gruppo di testa. Ma la buona gara di ‘Uccio’ è stata purtroppo fermata dalla caduta di 3 atleti che lo hanno coinvolto: è rimasto in piedi ma ha perso 30 secondi preziosi, che gli sono costati posizioni importanti per poter concludere come avrebbe meritato.

“Bella la prima parte della gara, sono riuscito a dare il massimo, mi è mancato poco per prendere anche il primo gruppo, poi sebbene sia riuscito ad evitare la collisione della caduta dei 3 avversari, la mia gara è finita là praticamente, ho perso troppe posizione e sono rimasto da solo, una gran fatica, ma ho voluto continuare fino in fondo. Peccato!!!”

Il DT nazionale Mario Miglio, ci dice: “Alessandro e Davide sono stati entrambi molto bravi per le due frazioni, c’erano tutti i presupposti per portare a casa due risultati importanti, ma la corsa non è stata all’altezza della situazione, soprattutto in considerazione dei riscontri che abbiamo avuto negli allenamenti di corsa delle ultime settimane, in particolare per Alessandro Fabian. Per Uccellari, fatale è stato l’incidente in bici dei tre atleti stranieri ed il fatto di essersi ritrovato a correre per l’intera frazione da solo".

Ascoltiamo nei video i protagonisti, Alessandro Fabian e Davide Uccellari subito dopo l’arrivo.

Cronaca di gara, approfondimenti, interviste dal sito della Federazione Mondiale ITU, www.triathlon.org 

Il Podio Olimpico

PosFirst NameLast NameCountry TimeSwimT1BikeT2Run
1 Alistair Brownlee GBR 01:45:01 00:17:24 00:00:50 00:55:04 00:00:34 00:31:09
2 Jonathan Brownlee GBR 01:45:07 00:17:24 00:00:50 00:55:04 00:00:33 00:31:16
3 Henri Schoeman RSA 01:45:43 00:17:25 00:00:53 00:55:01 00:00:34 00:31:50

classifica completa

Gli Azzurri in Gara

PosFirst NameLast NameCountry TimeSwimT1BikeT2Run
14 Alessandro Fabian ITA 01:47:35 00:17:22 00:00:49 00:55:07 00:00:40 00:33:37
34 Davide Uccellari ITA 01:51:06 00:17:32 00:00:51 00:56:57 00:00:37 00:35:09

Le Interviste Post Gara

Olimpiadi RIO 2016 - Gara Maschile - intervista Alessandro Fabian from FITRI VIDEO

Olimpiadi RIO 2016 - Gara Maschile - intervista Davide Uccellari from FITRI VIDEO

Ale Fabian corsa

Uccellari corsa

Ale Fabian ciclismo

uccellari ciclismo

del 7716 medium

/>