Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Giochi Olimpici di Tokyo 2020 rinviati al 2021. Slittano anche le Paralimpiadi.

I Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sono stati rinviati al 2021. Posticipate al prossimo anno anche le Paralimpiadi.

Dopo un incontro in teleconferenza tra il presidente del CIO Thomas Bach e il primo ministro Giapponese Shinzo Abe, alla luce della dilagante epidemia di Coronavirus, è stata presa la decisione di rinviare i Giochi della XXXII Olimpiade al 2021. Inoltre, è stato stabilito che i Giochi manterranno il nome di Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020 mentre la fiamma olimpica rimarrà in Giappone.

Di seguito, riportiamo i comunicati ufficiali di CIO, IPC, CONI, ITU e CIP relativi al rinvio di Tokyo 2020.

 

LA NOTA DEL CONI

Il Presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Thomas Bach, e il Primo Ministro del Giappone, Abe Shinzo, hanno tenuto una teleconferenza stamattina per discutere dell'ambiente in costante cambiamento in relazione a COVID-19 e ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

A loro si sono uniti Mori Yoshiro, Presidente del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020; il ministro olimpico, Hashimoto Seiko; il governatore di Tokyo, Koike Yuriko; il Presidente della commissione di coordinamento IOC, John Coates; Direttore generale del CIO Christophe De Kepper; e il direttore esecutivo dei Giochi Olimpici del CIO, Christophe Dubi.

Il Presidente Bach e il Primo Ministro Abe hanno espresso la loro comune preoccupazione per la pandemia mondiale COVID-19 e per ciò che sta facendo alla vita delle persone e al significativo impatto che sta avendo sulla preparazione degli atleti globali per i Giochi.

In una riunione molto amichevole e costruttiva, i due leader hanno elogiato il lavoro del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 e hanno preso atto dei grandi progressi compiuti in Giappone per combattere il COVID-19. La diffusione senza precedenti e imprevedibile dell'epidemia ha visto il deteriorarsi della situazione nel resto del mondo. Ieri, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che la pandemia di COVID-19 sta "accelerando".

Attualmente ci sono oltre 375.000 casi registrati in tutto il mondo e in quasi tutti i paesi e il loro numero sta crescendo di ora in ora.

Nelle circostanze attuali e sulla base delle informazioni fornite oggi dall'OMS, il Presidente del CIO e il Primo Ministro del Giappone hanno concluso che i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo devono essere riprogrammati a una data successiva al 2020, ma non oltre l'estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi Olimpici e della comunità internazionale.I leader concordarono sul fatto che i Giochi olimpici di Tokyo potessero rappresentare un faro di speranza per il mondo durante questi tempi difficili e che la fiamma olimpica potesse diventare la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova attualmente. Pertanto, è stato concordato che la fiamma olimpica rimarrà in Giappone. È stato inoltre concordato che i Giochi manterranno il nome di Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

 

IL COMUNICATO CONGIUNTO DI CIO E COMITATO ORGANIZZATORE DI TOKYO 2020

THE PRESIDENT OF THE INTERNATIONAL OLYMPIC COMMITTEE (IOC), THOMAS BACH, AND THE PRIME MINISTER OF JAPAN, ABE SHINZO, HELD A CONFERENCE CALL THIS MORNING TO DISCUSS THE CONSTANTLY CHANGING ENVIRONMENT WITH REGARD TO COVID-19 AND THE OLYMPIC GAMES TOKYO 2020.

They were joined by Mori Yoshiro, the President of the Tokyo 2020 Organising Committee; the Olympic Minister, Hashimoto Seiko; the Governor of Tokyo, Koike Yuriko; the Chair of the IOC Coordination Commission, John Coates; IOC Director General Christophe De Kepper; and the IOC Olympic Games Executive Director, Christophe Dubi.

President Bach and Prime Minister Abe expressed their shared concern about the worldwide COVID-19 pandemic, and what it is doing to people’s lives and the significant impact it is having on global athletes’ preparations for the Games.

In a very friendly and constructive meeting, the two leaders praised the work of the Tokyo 2020 Organising Committee and noted the great progress being made in Japan to fight against COVID-19.

The unprecedented and unpredictable spread of the outbreak has seen the situation in the rest of the world deteriorating. Yesterday, the Director General of the World Health Organization (WHO), Tedros Adhanom Ghebreyesus, said that the COVID-19 pandemic is "accelerating". There are more than 375,000 cases now recorded worldwide and in nearly every country, and their number is growing by the hour.

In the present circumstances and based on the information provided by the WHO today, the IOC President and the Prime Minister of Japan have concluded that the Games of the XXXII Olympiad in Tokyo must be rescheduled to a date beyond 2020 but not later than summer 2021, to safeguard the health of the athletes, everybody involved in the Olympic Games and the international community.

The leaders agreed that the Olympic Games in Tokyo could stand as a beacon of hope to the world during these troubled times and that the Olympic flame could become the light at the end of the tunnel in which the world finds itself at present. Therefore, it was agreed that the Olympic flame will stay in Japan. It was also agreed that the Games will keep the name Olympic and Paralympic Games Tokyo 2020.

 

LA NOTA CON LE REAZIONI DELL'IPC

Following the decision to postpone the Tokyo 2020 Olympic and Paralympic Games, International Paralympic Committee (IPC) President Andrew Parsons gave the following reaction:
“Postponing the Tokyo 2020 Paralympic Games as a result of the global COVID-19 outbreak is absolutely the right thing to do. The health and well-being of human life must always be our number one priority and staging a sport event of any kind during this pandemic is simply not possible".
“Sport is not the most important thing right now, preserving human life is. It is essential therefore that all steps are taken to try and limit the spread of this disease".
“The COVID-19 outbreak is now impacting nearly every country in the world and the number of known cases has increased almost five times over in the last 10 days to 375,000".
“At a time when many major communities around the world are in lockdown, with workplaces and shops closed and people urged not to leave their own homes, continuing to pursue the dream of the Tokyo 2020 Games happening this year does not make sense; postponement is the only logical option".
“By taking this decision now, everyone involved in the Paralympic Movement, including all Para athletes, can fully focus on their own health and well-being and staying safe during this unprecedented and difficult time".
“When the Paralympic Games do happen in Tokyo next year, they will be a spectacular global celebration of humanity coming together again as one".
“In the meantime, we will liaise and work closely with our athlete community, National Paralympic Committees and International Federation impacted by this postponement.”

Chelsey Gotell, Chairperson of the IPC Athletes’ Council, said: “From an athlete viewpoint this is the right decision for the athletes, the Games and the wider Paralympic Movement.  We all now have greater clarity about when the Games will take place, and this is very welcome news for the global Para athlete community.
“We are happy that the IOC and the Japan’s Prime Minster Abe took this decision so quickly.  It enables athletes to take a step back and focus on the current situation at hand".
“No athlete in the world wants to go into a major competition, let alone the Paralympic Games unsure of fitness or form. But this was the situation many athletes around the world were facing up to, due to an inability to train or compete in events due to the COVID-19 outbreak".
“Now that a decision has been taken, it is important that the Para athlete community come together, rally around and support each other during this difficult time.  We should also look to use our influential positions in society to encourage others to take the right measures to stay safe during this uncertain period.”

 

IL COMUNICATO DI ITU

The International Olympic Committee, International Paralympic Committee and the Tokyo 2020 Organising Committee have just announced that the Tokyo 2020 Olympic and Paralympic Games have been postponed to no later than the summer of 2021. “In the present circumstances and based on the information provided by the WHO today, the IOC President and the Prime Minister of Japan have concluded that the Games of the XXXII Olympiad in Tokyo must be rescheduled to a date beyond 2020 but not later than summer 2021, to safeguard the health of the athletes, everybody involved in the Olympic Games and the international community”, said the IOC.
“We fully support this decision, and the whole World Triathlon staff is now working in close cooperation with the IOC, the IPC, the Tokyo Organising Committee and all the other stakeholders to help find the best dates for the Games to take place, as well as trying to find answers to all the questions raised by this difficult situation”, said World Triathlon President and IOC member, Marisol Casado.
“We understand that there are lots of questions unanswered at the moment, and we are working in all scenarios to give answers to all of them, and communicate all the different scenarios and solutions to all parties as soon as we can”, she said.
The President of the International Olympic Committee (IOC), Thomas Bach, and the Prime Minister of Japan, Abe Shinzo, held a conference call this morning to discuss the constantly changing environment with regard to COVID-19 and the Olympic Games Tokyo 2020. They were joined by Mori Yoshiro, the President of the Tokyo 2020 Organising Committee; the Olympic Minister, Hashimoto Seiko; the Governor of Tokyo, Koike Yuriko; the Chair of the IOC Coordination Commission, John Coates; IOC Director General Christophe De Kepper; and the IOC Olympic Games Executive Director, Christophe Dubi.
President Bach and Prime Minister Abe expressed their shared concern about the worldwide COVID-19 pandemic, and what it is doing to people’s lives and the significant impact it is having on global athletes’ preparations for the Games. In a very friendly and constructive meeting, the two leaders praised the work of the Tokyo 2020 Organising Committee and noted the great progress being made in Japan to fight against COVID-19.
The unprecedented and unpredictable spread of the outbreak has seen the situation in the rest of the world deteriorating. Yesterday, the Director General of the World Health Organization (WHO), Tedros Adhanom Ghebreyesus, said that the COVID-19 pandemic is “accelerating”. There are more than 375,000 cases now recorded worldwide and in nearly every country, and their number is growing by the hour.
In the present circumstances and based on the information provided by the WHO today, the IOC President and the Prime Minister of Japan have concluded that the Games of the XXXII Olympiad in Tokyo must be rescheduled to a date beyond 2020 but not later than summer 2021, to safeguard the health of the athletes, everybody involved in the Olympic Games and the international community.
The leaders agreed that the Olympic Games in Tokyo could stand as a beacon of hope to the world during these troubled times and that the Olympic flame could become the light at the end of the tunnel in which the world finds itself at present. Therefore, it was agreed that the Olympic flame will stay in Japan. It was also agreed that the Games will keep the name Olympic and Paralympic Games Tokyo 2020.

Tokyo 2020 Paralympic Games
Following that decision, the International Paralympic Committee announced that the Tokyo 2020 Paralympic Games have been postponed until 2021. “Postponing the Tokyo 2020 Paralympic Games as a result of the global COVID-19 outbreak is absolutely the right thing to do. The health and well-being of human life must always be our number one priority and staging a sport event of any kind during this pandemic is simply not possible”, said IPC President, Andrew Parsons, on a statement.

 

IL COMUNICATO DAL SITO DEL CIP

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Thomas Bach e il Primo Ministro del Giappone, Abe Shinzo, dopo la teleconferenza di questa mattina hanno deciso di riprogrammare i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo ad una data successiva al 2020, ma non oltre l'estate 2021, al fine di salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi Olimpici e Paralimpici e della comunità internazionale.
Insieme a loro c’erano il Presidente del Comitato Organizzatore Mori Yoshiro, il ministro olimpico Hashimoto Seiko, il governatore di Tokyo Koike Yuriko, il presidente della commissione di coordinamento IOC John Coates, il Direttore generale del CIO Christophe De Kepper e il direttore esecutivo dei Giochi Olimpici del CIO, Christophe Dubi.
Il presidente Bach e il primo ministro Abe hanno espresso la loro comune preoccupazione per la pandemia mondiale COVID-19 e al significativo impatto che sta avendo sulla preparazione degli atleti ai Giochi.
I leader hanno concordato sul fatto che i Giochi di Tokyo potessero rappresentare un faro di speranza per il mondo durante questi momenti difficili e che la fiamma olimpica potesse diventare la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova attualmente. Pertanto è stato concordato che la fiamma olimpica rimarrà in Giappone. È stato inoltre stabilito che i Giochi manterranno il nome di Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.
A seguito della decisione di rinviare i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, il presidente del Comitato paralimpico internazionale (IPC), Andrew Parsons, ha dichiarato quanto segue: “Il rinvio dei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 a seguito dello scoppio globale di COVID-19 è assolutamente la cosa giusta da fare. La salute e il benessere della vita umana devono sempre essere la nostra priorità numero uno e organizzare un evento sportivo di qualsiasi tipo durante questa pandemia non è semplicemente possibile. Lo sport non è la cosa più importante in questo momento ma è preservare la vita umana; è quindi essenziale che vengano prese tutte le misure per cercare di limitare la diffusione di questa malattia. L'epidemia di COVID-19 sta ora colpendo quasi tutti i paesi del mondo e il numero di casi noti è aumentato di quasi cinque volte negli ultimi 10 giorni a 375.000. In un'epoca in cui molte importanti comunità in tutto il mondo sono bloccate, con posti di lavoro e negozi chiusi e le persone sono state invitate a non lasciare le proprie case, continuare a perseguire il sogno dei Giochi di Tokyo 2020 non avrebbe avuto senso, ed è per questo che il rinvio è l'unica opzione logica. Prendendo questa decisione ora, tutti i soggetti coinvolti nel movimento paralimpico, compresi tutti gli atleti, possono concentrarsi completamente sulla propria salute e benessere e rimanere al sicuro in questo momento senza precedenti. Quando i Giochi Paralimpici si terranno a Tokyo il prossimo anno, saranno una spettacolare celebrazione globale dell'umanità che si riunirà di nuovo insieme. Il movimento paralimpico si basa sul superamento delle avversità da parte delle persone, ed è quello che faremo il prossimo anno”
“Orgoglioso di far parte di un movimento che antepone la tutela della salute umana agli interessi economici. Rinviare i Giochi di Tokyo 2020 è un segno di rispetto nei confronti di chi sta perdendo i cari e soffrendo a causa del Covid 19. Che i Giochi possano diventare un momento di rinascita”, questo il commento del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli.