Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Istituito il premio “Alessandro Repetti” per il tecnico giovanile dell’anno

images/2021/FOTO/Varie_News/medium/Alle.jpg

Un premio per ricordare Alessandro Repetti: un esempio, un trascinatore, un vero riferimento. A poche settimane dalla sua prematura scomparsa, la Federazione Italiana Triathlon ha voluto istituire un premio in memoria del tecnico piacentino che verrà attribuito al miglior coach giovanile dell’anno. Un riconoscimento doveroso in ricordo di una figura che ha lasciato il segno per disponibilità, umiltà, capacità di mettersi sempre a disposizione in maniera discreta ma incisiva e per il suo sorriso sempre contagioso.

“Il vuoto che lascia un ragazzo come Alessandro Repetti è davvero incolmabile: è per quello che sono contento che sia stato proposto in Consiglio Federale un premio in suo ricordo - dice Luigi Bianchi, presidente della Federazione Italiana Triathlon - Conoscevo Alessandro, lo vedevo sui campi gara e spesso c’erano piacevoli occasioni di confronto: si percepiva il suo amore sconfinato per il triathlon, una passione che sapeva trasmettere ai suoi ragazzi. Questo premio dunque non è un semplice ricordo, ma un vero stimolo per i tecnici giovanili ad ereditare le caratteristiche positive di Repetti che tutti abbiamo avuto modo di apprezzare”.

“Alessandro era un esempio e vorrei che continuasse ad esserlo per tutti i nostri tecnici anche ora che non c’è più - dice Stefano Bettini, consigliere federale che ha proposto l’iniziativa ai colleghi del Consiglio Federale e presidente della società Piacenza Sport con cui Repetti ha iniziato a lavorare nelle vesti di tecnico del settore giovanile nel 2006 - Quanto gli piaceva stare con i ragazzi! Era sempre pronto a cogliere un aspetto positivo in ogni situazione e aveva una costante voglia di imparare. Ecco, proprio la sua umiltà è la caratteristica che vorrei che spiccasse ancora oggi. Appenderemo una targa in piscina a Piacenza, la scuola triathlon sarà intitolata proprio ad Alle e sono felice che il premio per il miglior allenatore dell’anno sia consegnato proprio da sua madre Lucia”.

“Quello che mi ha sempre colpito di Alessandro è la felicità e la simpatia con le quali si metteva a disposizione per i giovani, ai quali ha fondamentalmente dedicato tutto il suo impegno e la sua passione per lo sport, diventando un riferimento per tanti ragazzi - racconta Alessandro Bottoni, Direttore Tecnico della Nazionale - Ai raduni partecipava sempre con profonda umiltà, rispetto e voglia di apprendere dagli altri tecnici, apportando all’ambiente gioia e spensieratezza preziose per tutti”.

 

alessandro repetti 2

 

PREMIO PER TECNICO GIOVANILE DELL’ANNO “ ALESSANDRO REPETTI”

Alessandro Repetti nel suo operato da tecnico per i giovani è stato esempio di passione per il Triathlon giovanile, dedizione e desiderio incondizionato di essere sempre presente per i giovani atleti, anche nel corso della battaglia contro la malattia. Per un tecnico giovanile la passione, la dedizione e l’essere un riferimento quotidiano sul campo di allenamento sono caratteristiche importanti che devono essere valorizzate e incoraggiate. Allo scopo di ricordare un tecnico che, in modo umile e silenzioso, ha contribuito molto al movimento giovanile e per promuovere nei tecnici giovanili le virtù che Alessandro ben rappresentava si propone di istituire un premio annuale per il tecnico giovanile dell’anno dedicato ad “Alessandro Repetti”.

Assegnazione del premio
Il premio viene assegnato a fine anno da una commissione costituita da tre figure rappresentative della Federazione Italiana Triathlon e da una figura rilevante del movimento giovanile che insieme possano riconoscere nei candidati la presenza dei seguenti elementi:

  • passione per i giovani e lo sport
  • dedizione incondizionata per il triathlon giovanile
  • disponibilità quotidiana nell’allenamento dei giovani
  • riferimento tecnico rilevante per i giovani del territorio
  • competenze tecniche
  • umiltà, profondo rispetto per gli altri
  • desiderio di apprendere dagli altri tecnici di qualsiasi livello
  • umanità nel lavoro e nella vita quotidiana
  • allenatore di giovani atleti con almeno un atleta nelle liste territoriali o nazionali del Programma Sviluppo dell’anno precedente

Valore del premio
Il premio annuale è costituito da un contributo di 1000 euro da destinare alle attività giovanili della Società del tecnico vincitore.

Modalità di partecipazione
Possono partecipare al premio tutti i tecnici regolarmente tesserati per la Fitri, che svolgano correntemente attività di allenamento per il settore giovanile di una società regolarmente affiliata e che abbiano allenato nell’anno precedente almeno un atleta inserito nelle liste territoriali o nazionali del Programma Sviluppo. La partecipazione avviene attraverso la presentazione di una domanda, secondo modalità specifiche che verranno comunicate sul sito federale. Dalla lista dei partecipanti verrà selezionata dalla commissione una rosa di 5 tecnici candidati al premio. I 5 candidati verranno chiamati a presenziare le premiazioni finali del circuito di Coppa Italia e in quel contesto verrà ufficializzato e premiato il vincitore finale da un membro della famiglia di Alessandro Repetti o della Società di appartenenza, nel mantenere vivo il ricordo di Alessandro.