Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Festa italiana alla Europe Junior Cup: a Caorle trionfa De Nigro, terzo Espuna. Greco seconda tra le donne

images/2021/Gare_INTERNAZIONALI/Europe_Cup_Caorle/junior/finale/medium/FITRIBallabioCaorle_PodiFinalJ-4376.jpg

Il fine settimana della ripartenza del triathlon internazionale giovanile si è trasformato in una festa tricolore. La bandiera italiana sventola sul gradino più alto del podio della Europe Triathlon Junior Cup di Caorle grazie al clamoroso successo di Euan De Nigro (Bressanone Nuoto) che al debutto ha centrato una straripante prestazione che gli ha consentito di mettersi alle spalle l'austriaco Jan Bader e Miguel Espuna Larramona (Cus Pro Patria Milano), che conquista un prezioso terzo posto.

“Sono contentissimo di questa vittoria qui a Caorle – dice Euan De Nigro dopo aver tagliato il traguardo da vincitore – questo successo è maturato proprio negli ultimi 200 metri: sapevo di essere in buona forma e allo sprint finale mi sono giocato tutto portando a casa questo bel successo”.

“Da un anno a questa parte, l'obiettivo era quello di centrare un bel risultato in una gara internazionale – racconta Miguel Espuna Larramona – La gara è stata difficile nelle prime fasi, sono rimasto un po' imbottigliato a nuoto, ma ho collaborato bene anche con Euan per rientrare sul gruppo di testa in bici. Un bel cambio e un'ultima frazione molto veloce mi hanno riportato sul podio”.

 

Nella gara femminile, Myral Greco (Minerva Roma) accarezza il sogno della vittoria: protagonista di una fuga a due in bici con Barbara De Koning, l'azzurra deve cedere all'olandese della frazione di corsa, conquistando un consistente secondo posto. Completa il podio la lussemburghese Mara Krombach.

“Sono felice di essere tornata a gareggiare dopo un periodo difficile per tutti e per me in particolare, visto che ho avuto il Covid e un'infiammazione alla gamba che mi ha tenuta lontana dalla corsa per più di un mese - dice Myral Greco - È stata davvero una bella gara, sapevo di dover spingere molto forte nelle prime due frazione e di poter collaborare bene con la ragazza olandese. Nella corsa ho dato davvero tutto quello che avevo, sono contenta per questo risultato”.

 

“Una due giorni veramente emozionante quella che si è chiusa oggi a Caorle con la finale della Europe Triathlon Junior Cup dopo le semifinali di ieri – dice Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon – L'Italia giovane del triathlon c'è e piazza tanti ragazzi nelle prime posizioni. Complimenti a Myral Greco che dopo la convalescenza dal Covid ha combattuto per la vittoria con l'olandese, a Espuna, terzo, e al vincitore De Nigro, particolarmente emozionante nella sua dedica al papà scomparso lo scorso anno che dà la misura della voglia di proiettarsi in avanti, lo stimolo più grande che noi riusciamo a dare ai nostri ragazzi. La voglia di andare incontro agli obiettivi della vita non fermandosi di fronte agli ostacoli”.

Grande soddisfazione da parte del Presidente del CONI, Giovanni Malagò. “Sono molto felice per i risultati conseguiti dal triathlon azzurro nell’Europe Junior Cup di Caorle, con il successo di De Nigro e il terzo posto di Espuna in campo maschile e l’ottimo secondo posto di Myral Greco in quello femminile. Si tratta di indicazioni importanti da traslare in prospettiva per immaginare un futuro all’altezza delle legittime ambizioni della Federazione del presidente Giubilei, che sta operando con grande lungimiranza a ogni livello. Complimenti a tutti”.

“Innanzitutto mi ha fatto davvero piacere poter seguire la gara di Caorle in diretta sulle piattaforme di livestreaming pur non essendo sul campo gara – dice Renato Bertrandi, presidente di Europe Triathlon – Dopo il debutto di Melilla, eravamo in attesa di capire il trend delle gare europee: il bilancio dell'evento di questo fine settimana che ha coinvolto élite e junior è decisamente positivo e ha dimostrato che stiamo tornando alla normalità. Da Caorle sono arrivate immagini bellissime – prosegue Bertrandi – c'è stata una partecipazione enorme, tanto entusiasmo, una spiccata voglia di gareggiare e un'ottima gestione di numeri così alti da parte del comitato organizzatore. Per quanto riguarda i risultati, da italiano non posso che gioire nel vedere gli azzurri sul podio, con l'auspicio che sia solo l'inizio di una stagione ricca di soddisfazione per l'Italia in ambito internazionale”.

 

Gli altri piazzamenti degli atleti italiani. Nella finale A maschile, 6° Fiorenzo Angelini (Fiamme Oro), 9° Simeone Romano (Cuneo 1198), 14° Pietro Giovannini (Raschiani Triathlon Pavese), 17° Alberto Demarchi (Cuneo 1198), 19° Francesco Gazzina (Minerva Roma) e 28° Daniel Casadei (T.D. Rimini). Nella finale A femminile, 4^ Angelica Prestia (Raschiani Triathlon Pavese), 5^ Rachele Laschi (Cus Pro Patria Milano), 6^ Adelaide Anna Baldini Confalonieri (Fiamme Oro), 7^ Paola Sacchi (Raschiani Triathlon Pavese), 11^ Zoe Orsolini (Cus Pro Patria Milano), 14^ Giada Stegani (Leosport), 15^ Sara Crociani (T.D. Rimini), 16^ Sofia Spreafico (Cus Pro Patria Milano), 23^ Giulia Casadei (T.D. Rimini), 27^ Eleonora Demarchi (Cuneo 1198) e 30^ Vittoria Loschi.

 

RISULTATI

 

FITRIBallabioCaorle PodiFinalJ 68454

FITRIBallabioCaorle PodiFinalJ 4374

FITRIBallabioCaorle PodiFinalJ 68437