Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

La FITRI premia i medagliati ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020

images/2021/FOTO/Paratriathlon/premi_Tokyo2020_acquacetosa/medium/gruppo_posa.jpg

Poche ore prima della cerimonia della riconsegna della bandiera al Quirinale, il presidente della Federazione Italiana Triathlon Riccardo Giubilei, in un evento organizzato presso il centro di preparazione olimpica dell'Acqua Acetosa “Giulio Onesti” a Roma, ha consegnato delle targhe celebrative agli atleti medagliati ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020.

Presenti all'evento Anna Barbaro (Fiamme Azzurre), argento nella categoria PTVI assieme alla guida Charlotte Bonin (Fiamme Azzurre), Giovanni Achenza (Fiamme Azzurre), bronzo tra i PTWC; non è potuta intervenire personalmente la medaglia di bronzo della categoria PTS2 Veronica Yoko Plebani (707). Presente anche il tecnico del paratriathlon Antonio Serratore.

“Abbiamo inteso premiare i nostri atleti paralimpici che sono andati a medaglia con una cerimonia privata della Federazione prima di accompagnarli alla riconsegna della bandiera al Quirinale e poi a palazzo Chigi - sottolinea il presidente della FITRI Riccardo Giubilei - Questa cerimonia è un passaggio importante e doveroso nei confronti degli atleti che ci hanno regalato indimenticabili emozioni durante i Giochi Paralimpici. In questa occasione, abbiamo formalizzato la consegna dei premi in denaro che la Federazione ha stabilito prima della partenza per Tokyo ossia 20 mila euro per l’argento, premio che verrà elargito anche alla guida, e 15 mila euro per il bronzo, equiparando i premi tra atleti olimpici e paralimpici. Sicuri che anche i successi degli Azzurri del Paratriathlon siano da stimolo - aggiunge Giubilei - auspichiamo che si concretizzi la percezione che una maggior assegnazione di fondi allo sport paralimpico sia ormai un’esigenza: gli atleti medagliati ai Giochi Paralimpici devono essere punto di riferimento per raggiungere inclusione, sostegno, visione, promozione dei valori più sani dello sport e consentano l’ampliamento della base di praticanti dello sport paralimpico che quotidianamente ha bisogno di tecnici, programmi e assistenza. É questa la strada su cui ci stiamo muovendo, puntando alla diffusione sostanziale del Paratriathlon che, attraverso un lavoro capillare e pianificato, deve crescere molto nei numeri ed in modo omogeneo ed è per questo che abbiamo inteso partecipare ad un progetto importante promosso dal CIP, rivolto a tutte le nostre Società”.

 

Alle ore 18 (diretta Rai 1), il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontrerà la Squadra Italiana di ritorno dai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020: all'udienza presso il Quirinale prenderanno parte le atlete e gli atleti azzurri vincitori di medaglia oltre a tecnici e dirigenti, guidati dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò, e dal Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli. Successivamente le delegazioni si trasferiranno a Palazzo Chigi dove saranno ricevute dal Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi.

gruppo1

achenza

barbaro

gruppetto