Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Anche la FITRI ha il suo Grand Prix

Nasce la 1^ edizione del Grand Prix Italia: Rimini, Vieste e LignanoSabbiadoro le località prescelte
Nasce il Grand Prix Italia, primo circuito di triathlon a carattere internazionale fortemente voluto dalla FITRI.Ciò che era stato uno dei principali obiettivi dichiarati dalla dirigenza per il nuovo quadriennio, si è realizzato.
La creazione del Grand Prix, come anticipato dalla Circolare Gare 2014, si articolerà con 2 prove + la Finale. Come tutte le prime edizioni, non pensiamo di avere raggiunto la ‘perfezione’ ma sicuramente avremo le prime indicazioni per sviluppare il progetto e migliorarlo sempre più per le edizioni che seguiranno.
 
Rimini l'11 maggio, Vieste il 7 giugno e Lignano Sabbiadoro il 20 settembre: queste le 3 località e date di svolgimento del Grand Prix Italia, tutte e tre su distanza sprint. Le società organizzatrici sono rispettivamente la TD Rimini, ASD Varano Lake e la Trievolution.

La FITRI supporterà i tre eventi del Grand Prix con il suo intervento diretto sia dal dal punto di vista progettuale/promozionale, sia di supporto economico per quanto riguarda il ricco montepremi.
Sarà allestito un sito bilingue interamente dedicato a questo evento, linkabile direttamente dal sito della Federazione.
 
Alessandro Alessandri, consigliere federale e presidente della Commissione Tecnica, avuto l’incarico da parte del Presidente Bianchi di impostare le linee del progetto, ci spiega gli obiettivi ed i principali contenuti del Grand Prix Italia:
 
"Il nostro sguardo è rivolto all'alto livello, questo è un progetto ambizioso che vuole offrire opportunità ai nostri migliori atleti, ai nostri giovani talenti ed alle società sportive, per crescere sia nel contesto agonistico, sia in quello organizzativo.
Ai nostri atleti elite, alle nostre 'punte di diamante' ed ai più giovani emergenti, desideriamo dare l'opportunità di gareggiare in un contesto che preveda la partecipazioni di atleti stranieri di un certo livello, garantendo così la possibilità di non andare sempre all'estero, ma di competere in eventi internazionali anche in Italia.
Alle nostre società sportive vogliamo offrire un sistema che consenta una sempre maggiore professionalità ed attività professionistica. Vogliamo spingere gli atleti stranieri a conoscere il nostro territorio per renderlo un nuovo riferimento agonistico.
Per l'edizione che possiamo definire 'zero', lo strumento di incentivazione e gratificazione per atleti e società, è costituito da un notevole montepremi - 57 mila euro complessivi da ripartire nelle differenti gare e suddivisi tra corresponsioni individuali e societarie - ma il punto di forza del circuito non dovrà essere solo
l'aspetto economico, ma anche e soprattutto la qualità ed il livello delle competizioni.
Parlando delle specifiche gare: per questo primo anno abbiamo voluto individuare solo 3 location con rispettive organizzazioni più che 'collaudate' che potessero offrire cornici di adeguato spessore. Tutte e tre località di mare, distribuite nell'arco di tutto il territorio nazionale (una nella fascia Centro Nord,una al sud ed una nel nord Italia) con forte valenza turistica e con notevole possibilità di accoglienza.
Dal prossimo anno, dopo questo primo importante test, vorremmo aprire a tutti gli organizzatori che potranno garantire standard di livello in importanti località turistico/culturali”.

Abbiamo anche sentito il Presidente Bianchi:
"Sono molto contento che possa partire già quest’anno l’ambizioso progetto Grand Prix Italia. Questo Grand Prix nasce oggi, non vogliamo certo confrontarci con quello francese o con quello tedesco che hanno anni di esperienza. Il nostro obiettivo è quello di alzare il livello qualitativo delle gare per permettere ai nostri atleti elite ed ai nostri giovani di confrontarsi ad alto livello anche in Italia. La Federazione compie un grosso sforzo economico, ma è convinta della qualità di questo progetto già annunciato nel mio programma. Un altro tassello è stato messo, adesso continuiamo a lavorare sulle tante novità che stiamo preparando”.

 
Pubblichiamo il regolamento del Circuito Grand Prix Italia e la lista degli atleti aventi diritto a partecipare 


Gli atleti che sono iscritti come status di professionisti nel circuito WTC, di cui al punto 3 dell’art.2 del regolamento tecnico e che non si trovano nella suddetta lista, dovranno inviare entro il 3 marzo l’autocertificazione di: “Atleti che sono iscritti come status di professionisti nel circuito WTC”.