Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ultimo giorno prima della finale olimpica maschile di triathlon: domani Fabian & Uccellari in gara per l'Italia!


Conclusa la parentesi femminile del triathlon, e adesso il turno della competizione maschile. Nel parterre degli atleti al via c'è la "pesante" presenza dei fenomeni britannici, i fratelli Alistair e Jonathan Brownlee, che dominano già tra i media accreditati. Tuttavia, se c'è qualcosa che le Olimpiadi hanno più volte dimostrato è di aspettarsi l'inaspettato.
"Su dieci competizioni olimpiche i fratelli Brownlee ne vincerebbero nove, ma non vincerebbero la decima ed a quel punto devi solo fare il possibile per essere colui che vincerà questa volta", ha commentato il canadese Simon Whitfield, già medaglia d'oro olimpica.
Abbiamo visto come per la gara femminile sia stata decisiva la frazione di corsa, ma anche la prima frazione, quella natatoria, non deve essere trascurata. La frazione ciclistica ci ha insegnato che bisogna porre la giusta attenzione per le insidie che l'asfalto potrebbe nascondere, qualora fosse bagnato.
Tra i tanti favoriti ci sono diversi forti nuotatori e questo potrebbe prospettare una prova di nuoto veloce e spietata. Se dovessimo prendere la gara di Londra 2011 come un test "pre-olimpico" potremmo supporre che i fratelli Brownlees, Javier Gomez (ESP) e Ivan Vasiliev (RUS) potrebbero uscire dal nuoto tra le prime posizioni.

Questa la start-list.
Approfondimenti: www.triathlon.org/olympics/news/

Riccardo Giardina