Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Triathlon Olimpico: dal Mondiale d'Australia ai recenti Tricolori Under 23, il CT Sergio Contin analizza i risultati, la stagione 2009 ed il futuro


[B] - Il triathlon azzurro si aspettava riscontri importanti dai Mondiali Under23, siete partiti alla volta della Gold Coast certi di poter ben figurare, invece la 'sfortuna' è stata la vera protagonista della rassegna iridata, cosa è successo? [/B]

"Il mondiale australiano doveva sancire una stagione dal bilancio decisamente positivo ; iniziato alla grande con un europeo U23 da podio (lo scorso 20 giugno a Tarzo-Revine), il percorso agonistico degli under 23 è continuato con due ottimi piazzamenti in Coppa Europa, due quarti posti sia nel maschile che nel femminile e con una serie di prestazioni importanti anche in campo nazionale; doveva, per logica, concludersi con un meritato successo; ma purtroppo non sempre la logica e la razionalità metodologica hanno la meglio su varianti che, poco prevedibili, ti possono rovinare il lavoro di mezza stagione; una foratura ancora in zona cambio, prima di inforcare la bici, subita da Giulio Molinari , uscito dall'acqua nel primo gruppo e una squalifica, quantomeno discutibile, di Alessandro Fabian che a pochi km dal termine della frazione ciclistica era nel gruppo di testa, ci hanno fatto perdere qualsiasi speranza. Speranza assolutamente legittima di successo... e per successo intendo successo vero ...ossia un podio mondiale" - ribadisce senza alcun dubbio il CT Contin e prosegue - "Avevamo preparato questo mondiale con grande dedizione; la quota a St.Moritz, la rifinitura sul livello del mare, avevamo delle strategie in corsa ben precise, nei tempi e nei modi con dei compiti ben definiti e chiari, ma in primis la foratura di Molinari ha fatto saltare tutto . A onor del vero confidavo anche nella collaborazione di Secchiero e soprattutto di De Ponti, ma entrambi non sono riusciti a tenere i ritmi del primo gruppo nella frazione natatoria e quindi non hanno potuto dare, nel prosieguo della competizione, il contributo previsto".