Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Sanremo Olympic Triathlon a Ivan Risti e Monica Cibin

Seconda vittoria stagionale per il forte atleta della DDSMilano, ennesima conferma per l'atleta del Novara Triathlon



 



 

(comunicato organizzazione) Con la vittoria di Ivan Risti tra gli uomini e
di Monica Cibin tra le donne si chiude il sipario del tredicesimo Sanremo
Olympic Triathlon e di un fine settimana all'insegna dello sport durante il
quale triathlon e running hanno saputo regalare tante emozioni a
concorrenti, pubblico e organizzatori. Puntuale, alle 12.30, è stato lo
start della gara maschile che ha visto tuffarsi nelle cristalline acque del
mare di Sanremo oltre 250 atleti provenienti da 8 Paesi.

La gara maschile ha visto da subito 4 atleti prendere il largo: Ivan Risti,
Vladimir Polikarpenko, Davide Bajo ed Elia Mozzachiodi. I 4 hanno inforcato
le proprie biciclette con circa 1 minuto di vantaggio sui primi inseguitori.

Il percorso ciclistico presentava molte insidie. La salita di Bussana, non
molto lunga ma "spezzagambe"; la discesa delle carceri; l'ascesa verso il
Poggio con proseguimento sino a Ceriana; la lunga discesa, tecnica e veloce,
sino a Sanremo. I 4 hanno affrontato le prime 3 insieme poi, poco prima
dell'inizio della discesa, Risti sferra l'attacco decisivo al quale solo
Mozzachiodi riesce a resistere. Inizia, così, un appassionante ritorno verso
la zona cambio, fatto di traiettorie perfette a velocità incredibili (oltre
80 km/h). Rientro in zona cambio. Risti inizia subito a imporre il proprio
ritmo e si invola solo al traguardo. Mozzachiodi non riesce a resistergli e
conclude in seconda piazza aggiudicandosi, inoltre, il Trofeo Daniele
Rambaldi in qualità di miglior U23 al traguardo. Terzo, in rimonta, un
ottimo Bruno Pasqualini che si aggiudica il Memorial Marco Gavino avendo
fatto registrare la miglior frazione podistica.

La gara femminile ha visto un buon nuoto di Sabrina Capellupo che è stata
capace di "rifilare" un minuto di distacco alle dirette inseguitrici: Monica
Cibin e Francesca Tunesi. La frazione ciclistica "rimescola" le carte. Cibin
rimonta e crea tra se e la prima diretta inseguitrice, Tunesi, un distacco
importante che poi incrementa nella frazione podistica. Tunesi fa segnare
dei buoni parziali e riesce a conquistare il secondo gradino del podio.
Terza, infine, Sabrina Capellupo.

Ivan Risti è raggiante al traguardo: "Questa è la mia seconda vittoria
stagionale, vittoria maturata su un percorso a me non congeniale per via
della "troppa" salita. Contento per una bella gara, vinta anche con la fuga
in discesa in compagnia di Elia (Mozzachiodi, ndr). Gara finalmente al caldo
in una splendida cornice. Sono davvero dispiaciuto per Vladimir Polikarpenko
che è caduto al termine della bici, spero si riprenda presto."

E proprio la caduta di Vladimir Polikarpenko è l'unica nota stonata di una
giornata e di un week end splendido. Vladimir è caduto mentre si stava
dissetando poco prima di iniziare la frazione podistica. La velocità era
sostenuta e l'atleta ha subito un brutto incidente. Pronti i soccorsi
dell'organizzazione che in tempo di record sono intervenuti e sospettata una
frattura mandibolare hanno deciso per il trasporto in elicottero al centro
specializzato di Pietra Ligure dove Vladimir è stato operato in serata per
suturare le ferite riportate. Intervento ben riuscito, con l'augurio da
parte dell'organizzazione di rivedere il campione e amico ucraino, al più
presto, ai nastri di partenza.