Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

A Santa Marinella vincono il triathlon sprint Pera e la Casciotti

Pubblico ed atleti animano il lungomare della località laziale, una bellissima giornata di sport per la chiusura della Forhans Cup

 
(comunicato organizzazione)

Un folto pubblico ha fatto da contorno all’ultima tappa della Forhans Cup, disputatasi a Santa Marinella. Più di trecento gli atleti che, ritrovatisi sulla passeggiata del lungomare, hanno affrontato 750 metri di nuoto, 20 km di ciclismo e 5 km di podismo.
Il percorso, ormai collaudatissimo ed apprezzato da tutti per la sua sicurezza (è interamente chiuso al traffico), si è dimostrato anche questa volta veloce ma in grado di fare selezione, soprattutto nella frazione di corsa.
Dopo un nuoto reso complicato da un po’ di onda, la gara maschile ha visto un tentativo di fuga partito sotto la spinta del mai domo Palmucci ed una frazione di podismo che, come spesso accade nelle gare sprint, ha determinato la classifica: uno splendido Mauro Pera (Forhans Team), infatti, riusciva a recuperare sui fuggitivi della bici ed a precedere sul traguardo Palmucci e Bertaccini (entrambi Lazio triathlon).

La gara femminile è stata vinta dalla Casciotti (Minerva Roma) con due minuti di vantaggio  sulla Marinelli (Torrino Triathlon) e la Buggini (Triathlon Ostia).
“La tappa di Santa Marinella si conferma come una delle più apprezzate del circuito – racconta l’organizzatore Gianluca Calfapietra – e le oltre trecento persone al via lo confermano. La bella sorpresa di quest’oggi, però, è stato vedere così tanto pubblico. La giornata per noi del Forhans Team è stata resa perfetta anche dalla vittoria di un nostro atleta (Pera); ma voglio fare i complimenti a Palmucci, ritornato in grande forma. Sembra stia vivendo una seconda giovinezza”.
 
Il Triathlon di Santa Marinella ha aperto per la prima volta le porte anche agli atleti disabili, che hanno potuto così prendere parte alla competizione agonistica. “si è trattato di un test – ha concluso Calfapietra – e credo di poter dire che è andato tutto bene. Per loro è stata l’edizione numero uno, ma andremo certamente avanti in questa direzione”.

RISULTATI