Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Tricolore di Triathlon olimpico NO DRAFT, tutti i campioni Age Group

La classifica generale di gara, ha visto tagliare il traguardo primo assoluto Rudolph Von Berg tra gli uomini e Erika Csomor tra le donne.

 Rudy ‘pigliatutto’, vincitore  nella gara maschile su distanza olimpica NO DRAFT - che ha assegnato oggi ad Iseo i tricolori della specialità alle differenti categorie Age Group - è stato sicuramente il protagonista di questo sabato: Rudolph Von Berg (Riviera Triathlon 92) si è aggiudicato la vittoria della gara generale e soprattutto il titolo italiano della sua categoria S1.

Un ‘garone’ come suol dirsi quello condotto da Von Berg che, partito in 3^ batteria, grazie ad una superba gara in bici, è riuscito a lasciarsi alle spalle anche il lunghista azzurro del Centro Sportivo Esercito, Jonathan Ciavattella e Barnaby Gregory (707). Da sottolineare un percorso ciclistico molto impegnativo, che ha deciso le classifiche di tutte le categoria, per la notevole selezione che ha imposto grazie anche ai suoi 750m di dislivello lungo i 40km di tracciato.

Tra le donne, vincitrice della classifica generale femminile è stata la favorita Erika Csomor (Forhans Team) che si è imposta davanti all’elite delle Fiamme Oro, Margie Santimaria ed alla terza al traguardo, Laura Pederzoli (Ironwoman).

Ma al di là della graduatoria generale, la rilevanza dell’evento va rivolta all’assegnazione dei differenti titoli di categoria.

 

 
S1 maschile - 1 Rudolph Von Berg   2 Gregory Barnaby   3 Lorenzo Ciuti
S1 femminile - 1 Annalisa Bertelle   2 Teodolinda Camera   3 Cecilia Curti
           
S2 maschile - 1 Isacco Andreucci   2 Federico Incardona   3 Alessandro Terranova
S2 femminile - 1 Giulia Bedorin   2 Chira Ingletto   3 Giulia Ballestri
           
S3 maschile - 1 Gabriele Salini   2 Michele Insalata   3 Simone Mantolini
S3 femminile - 1 Sara Ziglio   2 Roberta Maule   3 Elisa Scalambra
           
S4 maschile - 1 Cristiano Iuliano   2 Luca De Paolis   3 Gabriele Vergano
S4 femminile - 1 Michela Menegon   2 Michela Tessaro   3 Manuela Ascoli
           
M1 maschile - 1 Luca Bonazzi   2 Bruno Pasqualini   3 Alessandro Robustelli
M1 femminile - 1 Laura Pederzoli   2 Sara Tavecchio   3 Francesca Meini
           
M2 maschile - 1 Andrea Lovato   2 Claudio Nicotra   3 Diego Gazzari
M2 femminile - 1 Monica Ferrari   2 Stefania Moneta   3 Paola Bonfreschi
           
M3 maschile - 1 Francesco Zane   2 Angelo Cavalleretti   3 Carlo Gazzarini
M3 femminile- 1 Virna Stavla   2 Antonella Cason   3 Patrizia Rossato
           
M4 maschile - 1 Francesco Alessandri   2 Tino Bettoni   3 Francesco Borrello
M4 femminile- 1 Daria Meinardi   2 Luisella Iabichella   3 Antonella Bergamo
           
M5 maschile - 1 Ermanno Ruffini   2 Michele Vanzi   3 Claudio Ramella
M5 femminile - 1 Margherita Strata   2 Daniela Innocenti    
           
M6 maschile - 1 Alfredo Cavaliere   2 Ugo Patroncino    
           
M7 maschile - 1 Egidio Cristofoletti   2 Agostino Ramella    
M7 femminile- 1 Gabriella Bois        
           
M8 maschile - 1 Francesco Fiori   2 Franco Castori    
 
Come preannunciato dalle iscrizioni è stata una partecipazione numerosissima che ha fatto registrare le 1350 presenze in un’edizione che mette in evidenza la riuscita della manifestazione e soprattutto il successo di una formula di circuito che riscuote alto gradimento dagli atleti.

Un numero di partecipanti che testimonia una volta di più, come se ce ne fosse ancora bisogno, il grande successo del circuito NO DRAFT” – commenta l’evento il Presidente della FITRI Luigi Bianchi – “Sono molto contento perché molti pensavano che in Italia le gare ‘no draft’ non si potessero fare per la scarsa educazione sportiva di noi italiani e per la predisposizione a non rispettare le regole. Sia Barberino che Iseo, hanno dimostrato il contrario anche se c'è ancora del lavoro da fare, ma sono molto fiducioso. A tutto questo hanno contribuito in maniera basilare le organizzazioni degli eventi: debbo dire che quì ad Iseo abbiamo raggiunto un livello altissimo ed il successo di questa manifestazione lo dobbiamo soprattutto a loro, gli organizzatori. Un bellissimo campionato italiano di categoria con importanti protagonisti che si sono battuti alla grande su un percorso, soprattutto nella frazione di bici, altamente selettivo. Sono felice per questa bella giornata di triathlon uno spot vincente per la nostra disciplina” – conclude soddisfatto Bianchi.

Classifiche complete