Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

TRI Lecco per il Diabete


Il 12° Triathlon Città di Lecco in programma il 21 Luglio,uno dei più attesi e spettacolari appuntamenti del panorama nazionale della FITRI,spalancherà le sue grandi braccia anche ad uno splendido progetto nato per promuovere attraverso l'attività sportiva la cura del diabete e che si stà diffondendo grazie a tre attivissime realtà:

-ANDIAMO,Associazione Nazionale Diabetici in Movimento(www.andiamonlus.it)
-ANIAD,Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici(www.aniad.bs.it)
-FLY Cycling Team,formazione ciclistica dilettantistica che sostiene un messaggio di cura e prevenzione della patologia Diabetica(www.flycyclingteam.it)

Biagio Barletta,Presidente di "ANDIAMO",ha voluto con forza riunire i ragazzi a Lecco schierando ben 5 atleti affetti da diabete mellito tipo 1 ovvero malattia autoimmune che colpisce per lo più in età giovanile e costringe a vivere in ogni momento della giornata sul sottile equilibrio di insulina immessa completamente dall'esterno tramite pompe od iniezioni multiple.
Ecco le parole del Presidente Barletta:
"si tratta di un evento eccezionale perchè sino ad ora atleti affetti da questa patologia hanno sempre gareggiato nelle discipline singolarmente,oppure sfruttando le formule a staffetta dove un diabetico correva,uno nuotava e un altro pedalava",questa volta ci metteramo in gioco molto di più e dimostreremo che il triathlon,se affrontato con la testa e il giusto supporto medico,può spalancare le braccia anche a noi.Quello che teniamo però a sottolineare è che lo sport è una cosa meravigliosa,irrinunciabile,che ci rende liberi e che ognuno,malato o sano che sia,dovrebbe fare il possibile per praticarlo.Non siamo eroi e non abbiamo nulla da dimostare,vogliamo solo che la gente si appassioni a noi,raccontare e spiegare la nostra patologia,in modo che ne vengano compresi aspetti oscuri e sui quali aleggia molta ignoranza e pregiudizio........."