Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Challenge Rimini: il 26 maggio lo scontro è al vertice McCormack contro Fontana


Leggenda vivente del triathlon mondiale, l'australiano McCormack, vincitore più volte del mitologico Ironman Hawaii, quest'anno sarà al via di Challenge Rimini e gli occhi saranno certamente puntati su di lui. A contendergli il palcoscenico però ci sarà anche Daniel Fontana, l'italo argentino idolo di casa per il triathlon long distance tricolore. Saranno in tanti ad arrivare a Rimini per assistere a questo duello che sa di epico e che promette spettacolo ed emozioni.

Vediamo come la stanno vivendo loro:



[IMG=data/2013/20130430_092637_1.jpg]
Chris McCormack

Quali sono le tue aspettative a Rimini?
Attendo con ansia il giorno della gara. Il 26 maggio per me Rimini sarà la seconda gara europea del 2013. Spero di arrivarci al meglio della condizione atletica. Non ho certezze su quel che sarà, ma è certo che sarò al via a Rimini con in testa solo la medaglia più prestigiosa. Il resto dovranno farlo le gambe e il cuore.

Come gestirai la gara?
Non credo che farò una gara attendista. Non mi piace portarmi l'incertezza fino al traguardo. Cercherò di mettere in chiaro i giochi già nelle prime due frazioni, così da correre gli ultimi 21 km con la giusta tranquillità rispetto agli avversari. Non sarà semplice però. Imposterò una gara abbastanza tattica. Per vincere bisogna esserci anche e soprattutto con la testa.

Cosa pensi di Daniel?
Penso che Daniel Fontana sarà un osso duro da battere, soprattutto perché lui sarà supportato in pieno dal tifo di casa e questo moralmente sarà un vantaggio per lui.



[IMG=data/2013/20130430_092800_1.jpg]
Daniel Fontana

La sfida con Macca ti attende.
L'idea di questo scontro al vertice mi piace molto e mi motiva a fare bene. Io vengo a Rimini per vincere, non per arrivare secondo e farò di tutto perché ciò accada. Ad oggi il punteggio degli scontri direttti con Macca è 1-0 per me. Nel 2005 nel 70.3 di Pucon l'ho battuto. Poi ci siamo incontrati altre due volte a Kona, ma un anno non ho concluso la gara io e nell'edizione appena conclusasi ci siamo ritirati entrambi.

Come gestirai le tre frazioni per tenerlo a bada?
Lui è un osso duro ed ha un palmares più ricco del mio in carriera, ma gli scontri diretti sono tutta un'altra storia. Io nuoto più forte di lui, in bicicletta lui ha qualcosa di più e a piedi ce la giochiamo. Secondo me i giochi sono tutt'altro che fatti.

Qual è il tuo obiettivo a Rimini?
L'obiettivo è divertirmi e farvi divertire e cosa c'è di più divertente di una medaglia?....meglio se la più preziosa no?

(Micol Ramundo)