Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Spettacolo assicurato per la 3^ edizione dell'XTerra NordEst

300 atleti, 100 volontari e un vittoriese che sogna il mondiale. Domenica 2 settembre a Revine l'ex Silca De Faveri a caccia di un buon risultato
(comunicato organizzazione) Un centinaio di volontari, questo il numero di coloro che già dalle 7 di mattina di domani, domenica, saranno al lavoro a Revine Lago, Tarzo e Cison di Valmarino per allestire il campo gara. Sale l'attesa per la terza edizione dell'XTerra Nordest, organizzata da Silca Ultralite Vittorio Veneto. La giornata sarà ricca di spettacolo a 360 gradi con la staffetta promozionale, il triathlon sprint e la finale del circuito Trikids Nordest.

Tra i big della specialità che si contenderanno la vittoria nella gara che prevede 750 metri a nuoto, 15 chilometri in mountain bike, 5 chilometri di corsa nello sterrato, oltre a Luca Panzavolta (Padovanuoto Triathlon) e Daniele Michelet (A3 Pederobba), c'è anche il campione di casa, Gianpietro De Faveri. Oggi corre con il suo Gp Triathlon, ma per 5 anni tra il 1991 e il 1996, il vittoriese è stato un atleta Silca. All'Xterra di Revine De Faveri indosserà il tricolore 2012 (in tutto ne ha vinti 14 individuali e 6 di squadra) conquistato a inizio estate in Sardegna.

"Dopo la vittoria del campionato italiano non ho più fatto nessuna gara, perché il mio obiettivo è la finale del circuito mondiale di triathlon off-road che si disputerà a ottobre alle Hawaii - afferma il quarantatreenne - adesso ovviamente sto facendo allenamenti durissimi, quindi per me la gara di Revine sarà di passaggio, potrà andare bene ma anche non benissimo". De Faveri, fortissimo nella frazione a nuoto, ama però tantissimo anche la mtb. "Fare la gara con la mountain bike, per me, è molto più divertente rispetto alla bici da strada - aggiunge il vittoriese - ti permette di stare a contatto con la natura ancora di più. Sono già stato a fare la ricognizione del percorso della gara di Revine, è molto dura, la frazione in mtb farà sicuramente selezione".