Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Un francese conquista il Triathlon di Bardolino, Aurelien su tutti e vince anche Alice Betto

Una gara fantastica con un caldo africano promuove il francese Aurelien È dal '97 che vincono gli stranieri. Bravi Casadei e D'Aquino Tra le donne una grande Betto si mette dietro la Vodickova 889° Fabrizio Vignali affetto da sclerosi multipla. Successo organizzativo
(comunicato organizzazione) Come succede dal 1997, anche quest'anno il mitico Triathlon Internazionale di Bardolino (VR) rimane stregato per i triathleti italiani. Oggi la Marsigliese è stata intonata in onore del francese Raphael Aurelien che ha "firmato" la 29.a edizione dei record, con 1300 partecipanti di 21 nazioni. Fortunatamente il tricolore sventola alto sul podio femminile, grazie ad una maiuscola prestazione della lombarda Alice Betto.
Il caldo torrido è stato il primo avversario da battere (temperature oltre i 30°) sulla distanza olimpica, inventata nel 1984 proprio a Bardolino con il primo triathlon italiano: 1,5 km di nuovo, 40 km di bici e 10 km di corsa a piedi.