Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Let's Go Triathlon, il 26 e 27 maggio a Gorizia

(comunicato organizzazione)
Il Triathlon entra nel vivo della propria stagione agonistica e le principali società sportive del Friuli Venezia Giulia hanno pianificato un calendario di manifestazioni, arricchendo ancor di più le iniziative volte a diffondere nella nostra regione la conoscenza e l'adesione a questa disciplina.

Il primo appuntamento è "Let's GO Triathlon", manifestazione realizzata dall'A. S. D. Circolo Sportivo Adria di Gorizia che animerà la cittadella sportiva della Campagnuzza nel week end del 26 e 27 maggio e presentata ieri mattina in una conferenza stampa presieduta dal Sindaco di Gorizia Ettore Romoli, dall'assessore provinciale allo Sport Sara Vito, dal rappresentante della Git di Grado Leonardo Tognon e dal presidente del circolo Sportivo Adria Marco Braida. La due giorni conferma in primo luogo la tipologia di gare svoltesi nelle passate edizioni. I primi a partire saranno, sabato pomeriggio, gli atleti del 2° Duathlon "Città di Gorizia" (super sprint promozionale) che affronteranno 2500 m di corsa seguiti da un circuito di 10 km in mountain bike e altri 1000 m di corsa mentre in serata partiranno i partecipanti al 3° Aquathlon promozionale che si sfideranno con 400 m di nuoto abbinati a 2500 m di corsa. Domenica mattina sarà la volta dei piccoli atleti del 5° Triathlon Tri kids e Mini Triathlon impegnati in frazioni differenziate per impegno e lunghezza a seconda delle età dei partecipanti. Si arriva così al fulcro della manifestazione, il 5° Triathlon Sprint Rank Open: 750m di nuoto, 20 km di ciclismo e 5 km di corsa in un circuito che varcherà il polo sportivo di Campagnuzza accompagnando gli atleti sulla vetta del Monte S. Michele per ricondurli entro i confini cittadini attraverso il parco sull'Isonzo.