Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Vicky Holland e Richard Murray conquistano Edmonton, 16^ Mazzetti, i piazzamenti degli italiani

images/area_tecnica_/EDMONTON/wts_edmonton_MURRAY.jpg

 wts edmonton Holland


Vicky Holland (GBR) e Richard Murray (RSA) hanno entrambi vinto la loro seconda medaglia d’Oro in una tappa della World Triathlon Series stagione 2015, nella penultima gara del circuito mondiale disputata questa notte ad Edmonton in Canada, gara fortemente condizionata da condizioni meteo al limite, con freddo e pioggia.

Nella prova femminile, a completare il podio, l’atleta delle Bermuda, Flora Duffy che mostra la sua ‘arrampicata’ verso le prime posizioni del rank mondiale con la medaglia d’argento e, a sorpresa, l’australiana Gillian Backhouse, alle sue prime apparizioni in WTS, che evidenzia talento e capacità con ottime frazioni in bici e corsa e che conclude con la sua prima medaglia mondiale al collo grazie alla terza posizione al traguardo.

Tra gli uomini, i favoriti della giornata, gli spagnoli Javier Gomez e Mario Mola, si sono imposti rispettivamente al secondo e terzo posto, confermando la loro leadership del rank generale, nell’ultima prova prima della Grand Final in programma a Chicago tra due settimane.

16° piazzamento per la portacolori delle Fiamme Oro Anna Maria Mazzetti, riuscita a rientrare nella top 20 e ad assicurarsi punti utili per il rank e relativo percorso di qualificazione olimpica, grazie ad una significativa rimonta nella frazione di corsa che le ha consentito di riprendere posizioni di classifica, dopo un nuoto ed un ciclismo in cui l’azzurra ha fortemente risentito del freddo e della pioggia.

“Molto contenta per come ho affrontato la gara, l'obiettivo di stamattina viste le condizioni era finire! quindi dovevi stare nella tua "bolla", non preoccuparti troppo delle avversarie che oggi erano compagne, si cercava di incoraggiarsi l'un l'altra! E alla fine una buona corsa con anche lo sprint finale (purtroppo perso con la canadese che in casa ha fatto la gara della vita!) Quando ho superato la Jenkins mi ha fatto pena vederla correre e soffrire così....( io stavo soffrendo ma lei molto di più)….Un grazie infinito va a Manuel Canuto che come sempre è stato molto operativo nel reperire creme riscaldanti e ingegnandosi con strategie anti freddo e si è preso cura di noi prima e dopo la gara!” – questo il commento post gara della Mazzetti.


Per gli altri italiani in gara, nella classifica maschile, migliore è stato l’esordiente Delian Stateff (G.S.Fiamme Azzurre) che ha concluso 43esimo, a seguire il compagno di squadra Davide Uccellari 50° ed infine per l’altro atleta al suo debutto in WTS, il carabiniere Massimo De Ponti, da registrare il ritiro.

Unanime è il commento sul freddo, tanto troppo, pioggia e gelo (pure nevischio) che ha bloccato i nostri atleti (e non solo loro) fin dalle prime bracciate del nuoto, peccato davvero, ma comunque ed in particolare un buon test di esordio per il giovane Stateff che ha realizzato una frazione di corsa finale interessante con 1’10’’ di ritardo dai 3 migliori tempi.

Per Uccellari una giornata ‘impossibile’ ed ai limiti della regolarità per le temperature, resa durissima dal freddo che per la sua struttura fisica, magrezza, che costituisce un ostacolo enorme per gareggiare in queste condizioni: una gara di "sopravvivenza" .... vera e propria... 

Per De Ponti, la scelta di fermarsi nella frazione ciclistica, perché ormai ‘fuori gioco’, anche per lui in forte risentimento per le temperature proibitive….da ipotermia.

Piazzamenti quindi limitati e stravolti dal un contesto di gara davvero ‘complicato’, in cui il meteo ha fatto decisamente ‘da padrone’ influenzando completamente le prestazioni: in T2 in diversi hanno preso quasi 1 minuto perché non riuscivano ad aprire il casco o a mettersi le scarpe…. Non a caso, nella mattina le gare age group erano state tutte trasformate in duathlon….

La gara mondiale femminile, ha messo in evidenza la ‘solida’ campionessa inglese Vicky Holland che grazie a questa prova da protagonista, si assicura al momento la 5^ posizione assoluta del rank mondiale prima della Finalissima, alle spalle delle 3 leaders statunitensi Jorgensen-Zaferes-True (assenti in questa tappa canadese) e della neozelandese Hewitt.
Una vittoria giunta grazie ad una frazione conclusiva a piedi in cui non ha lasciato il minimo spazio alle avversarie, interpretata con sicurezza e determinazione fin dai primi metri all’uscita della T2, senza la possibilità per le altre concorrenti di insidiare la sua leadership: prima a tagliare i traguardo, con un vantaggio di 9 secondi sulla seconda Flora Duffy.
Per l’atleta delle Bermuda, una medaglia che rende merito alla sua costante avanzata nel rank, forte ciclista ed in crescita nella corsa che, grazie ad Edmonton, si ritrova nella 6^ posizione di graduatoria parziale.
‘Sopresa’ Backhouse, alle sue prime partecipazioni in WTS quest’anno, ma capace in questa difficile e dura gara, di essere più resistente e veloce della sue esperte compagne di squadre, le australiane Moffatt, Gentle e Jackson.

La gara maschile, è stata egregiamente interpretata da un Richard Murray che si è guadagnato questa importante vittoria, con una corsa che non ha lasciato alcuna possibilità neanche al leader Gomez: bravissimo il ‘corridore’ Murray, più veloce dei forti spagnoli, che non ha avuto alcuna incertezza a spingere fino al traguardo, per non lasciarsi riprendere da un Gomez che non lo ha mai perso di vista e gli è rimasto attaccato fino alla fine. Solita spettacolare rimonta per Mario Mola, che è riuscito a recuperare fino alla terza posizione, regalandosi punti importanti per la scalata alla classifica finale di mondiale e che lo vede ora a 225 punti di differenza dal leader Gomez.
Una prova mondiale che grazie all’ ottima prestazione anche del francese Luis, una delle ‘stelle’ del circuito WTS, giunto 4° ai piedi del podio, vede importanti cambiamenti nello scenario della graduatoria parziale prima della finale, con il transalpino che sale fino al terzo posto assoluto e con lo stesso Murray che si piazza al 4°, facendo scendere l’altro spagnolo Alarza in 5^ ed offrendo nuove prospettive di classifica in vista dell’appuntamento a Chicago.

 

PosFirst NameLast NameCountryTimeSwimT1BikeT2Run
1 Vicky Holland GBR 00:58:55 00:09:09 00:01:04 00:30:51 00:00:38 00:17:14
2 Flora Duffy BER 00:59:04 00:09:05 00:01:13 00:30:46 00:00:32 00:17:29
3 Gillian Backhouse AUS 00:59:10 00:09:14 00:01:09 00:30:40 00:00:39 00:17:29

CLASSIFICA COMPLETA FEMMINILE

 

PosFirst NameLast NameCountryTimeSwimT1BikeT2Run
1 Richard Murray RSA 00:53:19 00:08:52 00:01:00 00:27:48 00:00:31 00:15:11
2 Javier Gomez Noya ESP 00:53:23 00:08:38 00:00:59 00:28:06 00:00:27 00:15:15
3 Mario Mola ESP 00:53:34 00:08:58 00:01:00 00:27:44 00:00:32 00:15:22

CLASSIFICA COMPLETA MASCHILE

 

News ITU:
Murray takes home second ever WTS title in Edmonton

Holland claims second WTS title in Edmonton