Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Torna ad Iseo una grande edizione del triathlon olimpico di Franciacorta

Dopo la gara su distanza sprint andata in scena sabato mattina, domenica è la volta degli atleti che si cimentano sulla prova olimpica.

Tra gli uomini la starting List annuncia una sfida tra Luca Facchinetti del TT Ravenna e Dario Chitti per il CUS Parma. Elia Mozzachiodi, Federico Incardona e Gabriele Salini rendono però i giochi tutt'altro che chiusi sulla starting line.

Nella frazione natatoria i ragazzi infatti confermano le attese e si portano compatti in T1 Facchinetti, Chitti e a breve distanza Salini. La frazione ciclistica è resta ancora più impegnativa da un peggioramento del meteo che porta sul tracciato piogge insistenti. Facchinetti e Chitti riescono in salita a staccare di misura Salini e a portarsi in T2 insieme con un vantaggio di qualche decina di secondi sull'avversario, saldamente in terza posizione. A decidere per l'aggiudicazione delle medaglie più prestigiose è la frazione podistica, nella quale i due battistrada si rendono protagonisti di un confronto serrato e senza sconti. A poco meno di due kilomteri dal traguardo, Chitti scivola sul lungo lago e Facchinetti è bravo a cogliere l'occasione e accelerare. é proprio Facchinetti il primo a tagliare il traguardo, seguito da un bravissimo Chitti e da Salini che si mantiene saldamente in terza posizione.


La durezza del tracciato ciclistico rende invece meno fitta la presenza di atlete di vertice nella gara femminile, dove a giocarsi le medaglie sono tutte atlete Age Group. La prima ad uscire dall'acqua e Elisa Razzi, seguita a poco meno di un minuto da Valentina Tagliabue. Nella frazione ciclistica la Tagliabue rientra sulla battistrada e viene a sua volta riassorbita, lungo la salita, da Barbara Trazzi. Anche tra le ragazze le medaglie si assegnano sui 10 km della frazione podistica, con la Tagliabue che si rende protagonista di un buon rientro e porta i colori del 707 sul gradino più alto del podio femminile. L'argento è per Barbara Trazzi che precede sulla finish line Silvia Vezzini.

Le gare di sabato:
Manca il sole a Iseo nella prima giornata di gare firmate Eco Race, ma non mancano l’entusiasmo e l’energia. Sulla linea di partenza della prova su distanza sprint sia maschile che femminile, si sono presentati nomi di spicco del panorama nazionale. Gianluca Pozzati per il CUS Trento e Jacopo Butturini per il Triathlon Cremona Stradivari sono chiamati a vedersela con il Carabiniere Alessandro Fabian, capitano della formazione azzurra in preparazione per le Olimpiadi di Rio.
Tra le donne è un terzetto giovanissimo quello che richiama i migliori auspici del pronostico. Angelica Olmo per il GS Carabinieri, Giulia Sforza per il Triathlon Cremona Stradivari e Federica Parodi del TD Rimini sono le atlete da battere.

Nella prova femminile Angelica Olmo per i Carabinieri e Giulia Sforza del Triathlon Cremona Stradivari escono per prime dalla frazione natatoria e si portano in T1 seguite a ruota da Federica Parodi per il TD Rimini. Il ciclismo resta un discorso a due con Olmo e Sforza che restano appaiate per tutti i 20 km di tracciato e si portano al cambio spalla a spalla. I cinque kilometri della frazione podistica sono quelli che consentono alla giovane portacolori del GS Carabinieri di imporre frequenze troppo alte per l’avversaria. Angelica Olmo si presenta così con un deciso vantaggio sulla Sforza sotto la finish line e va a vincere la prima edizione su distanza sprint di questo Triathlon Iseo Franciacorta. Il terzo gradino del podio è occupato da Federica Parodi, al termine di una gara in solitaria.

Tra gli uomini i migliori della prima frazione sono Pozzati, Butturini e Alessandro Fabian. I quattro atleti si portano compatti ad affrontare i 20 chilometri della frazione ciclistica, con la temibile salita di sette chilometri determinante in ottica di selezione. La selezione si fa proprio lungo l’impegnativa salita della frazione ciclistica, lungo la quale sono Pozzati e Fabian a formare un gap importante su Butturini diretto inseguitore. In T2 sono infatti il Carabiniere e il portacolori del CUS Trento a presentarsi l’uno accanto all’altro con un vantaggio sensibile su Butturini che segue in terza posizione. È Fabian poi a strappare nettamente nei 5km della frazione podistica e a vestire la corona di vincitore della gara. Alle sue spalle non mancano gli applausi per Gianluca Pozzati, splendido argento e protagonista di una prova coraggiosa e di grande valore tecnico. Il bronzo è del Triathlon Cremona Stradivari con Jacopo Butturini.

Classifica parziale Olimpico Femminile
Classifica parziale Olimpico Maschile

Classifica parziale Sprint Maschile
Classifica parziale Sprint Femminile

Fonte comunicato società organizzatrice