Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Tricolori Duathlon di Caorle: tutte le classifiche dei titoli individuali

images/2016/News_2016/TRICOLORI_2016/duathlon_giovani_CAORLE/caorle_podio_ragazzi__F_.jpg

CAORLE tutti i campioni italiani duathlon giovani Individuali 2016


Si è conclusa positivamente la prima giornata dei tricolori di Duathlon Giovani dedicata ai titoli individuali 2016. La manifestazione si è svolta a Caorle ed è stata organizzata dalla Silca Ultralite.

Sono on line le cronache di gara e le classifiche complete:

JUNIOR
MASCHILE - Per la categoria Junior maschile si presentano al via 62 contendenti al titolo sulla distanza sprint. Si delinea a metà della prima frazione di corsa un gruppetto di 8 battistrada guidato da Diego Boraschi (Torrino Tri) e Federico Spinazze (Silca) e composto anche da Franco Pesavento (PPR Team), Sergiy Polikarpenko (Aquatica Torino), Valerio Cattabriga (Minerva), Mirko Lazzaretto (RN Marostica) e a chiudere Matteo Gala (Minerva). Nel secondo giro però Boraschi forza l'andatura e arriva primo in T1 seguito a pochi secondi da Polikarpenko e Pesavento. Il portacolori del Torrino prova ad andare in solitaria in bici e al primo dei 4 giri ha 15" di vantaggio su Pagotto, Spinazzè, Lazzaretto, Polikarpenko, Cattabriga e Pesavento. Al secondo giro il gruppo riprende il fuggitivo e vanno via Cattabriga e Spinazzè che trovano la giusta intesa e guadagnano 17" al secondo passaggio che diventano 39" al terzo passaggio. Spinazzè e Cattabriga scendono in T2 con 50" di vantaggio. Federico Spinazzè colpito da crampi nonostante vari tentativi è costretto al ritiro. Cattabriga si invola in solitaria verso il titolo, replicando al successo del fratello minore ottenuto poche ore prima. Mente per il secondo gradino del podio Boraschi batte Polikarpenko su una volata lunga a due dopo aver allungato su Pesavento giunto quarto.

Classifica finale

FEMMINILE - Partenza numerosa anche quella delle juniores con 43 atlete al via. Al termine del primo giro di corsa in testa con 20" di vantaggio su un gruppo di una decina di atlete , Michela Pozzuoli e Sara Foschi (Minerva Roma) , la brava Irene Ferfoglia (Rari Nantes Monfalcone), Daniela Ansaloni (LC Bozen) , Tania Molinari ( Piacenza Triathlon ). Entrano in t1 Pozzuoli, Foschi e Molinari con 22" su Ferfoglia e altrettanti su un gruppo compatto di 7 unità. La frazione ciclistica non vede cambiamenti in testa alla gara con il terzetto che procede compatto e giunge in t2 con ampio margine. I 2,5km finali vedono Michela Pozzuoli prendere il comando e tagliare vittoriosa il traguardo davanti a Tania Molinari e alla compagna di squadra Sara Foschi.

Classifica finale

YOUTH B

MASCHILE - Ben 85 al via per la prima prova del pomeriggio. Partenza velocissima di Samuele Angelini (Fiamme Oro) con Nicolò Ragazzo ( PPR) a pochi metri ed un drappello di 6 unità a 10". Angelini entra da solo in T1 con Ragazzo , Davide Ingrilli ( CNM) e Andrea Mason (Silca Ultralite) a 14". Il primo giro in bici vede il rientro di Filippo Pradella ( Silca Ultralite) su Angelini. Il gruppo inseguitore rimane sempre a 14" e non sembra riuscire a guadagnare sul duo di testa. Sono 50" i secondi con cui Angelini e Pradella rientrano in t2 su un gruppetto in cui grazie all' azione di Leonardo Pasquotto (Minerva Roma) è rientrato anche Nicolò Strada ( Pol. comunale Riccione). Gli ultimi 1500mt sono una lunga volata che premia l'intraprendenza di Filippo Pradella che per pochi secondi vince sul generoso Angelini . Terzo posto per Davide Ingrilli.

Classifica finale

FEMMINILE - 62 Youth B per il titolo femminile. Inizio di gara non velocissimo, con il gruppetto delle migliori a controllarsi. Al primo giro di corsa un primo gruppetto di 6 atlete guidato da Beatrice Mallozzi (Minerva) e con Francesca Crestani e Carlotta Missaglia (PPR Team), Giada Romano (Los Tigres), Carlotta Bonacina (Pro Patria Mi) e unica outsider ad inserirsi in testa è Francesca Porri del Pianeta Acqua. In vista della transizione un deciso allugo consente a Crestani, Mallozzi, Romano, Missaglia e Bonacina di guadagnare preziosi secondi sulle inseguitrici. Nel ciclismo si rimescolano un po' le carte. Bonacina e Romano perdono le ruote delle compagne di fuga, mentre si inserisce in testa Costanza Arpinelli del Minerva Roma. Bella la sfida in bici, con le due coppie Minerva e PPR che lavorano sodo nel tentativo di contenere il rientro del gruppo, trainato da Marta Menditto (Frecce Bianche) e dalla sempre combattiva Giulia Repetto (Virtus Acqui). Il lavoro del gruppo inseguitore è premiato e in T2 sono una dozzina tutte assieme. L'ultima frazione è corsa a ritmi serrati. Vince una bravissima Mallozzi, seconda Missaglia a pochi secondi. Completa il podio Crestani.

Classifica finale

YOUTH A

MASCHILE - Allo start la categoria più numerosa della giornata, 110 Youth A agguerriti. In t1 si presenta un gruppo di 8 atleti guidato da Alessio Crociani (Pol. Riccione). La frazione ciclistica fa selezione, entrano in T2 un gruppo di 5 atleti guidati da Giacomo Merlo (RN Marostica). L' ultima frazione decide le sorti della gara, vince Filippo Cattabriga (Minerva Roma) su Luca Bruni (k3 Cremona) e chiude il podio Matteo Nonnino (Cus Udine).

Classifica finale

FEMMINILE - Oltre 80 le giovani Youth A a contendersi il secondo titolo della giornata. Prova a fare l'andatura nella corsa Chiara Lobba (RN Marostica) seguita da Alice Pozzi (Fresian Team) e Viola Pagotto (Silca). Rientrano nel primo giro in bici anche Letizia Deriu(Cremona Stradivari) e Maddalena Mangiullo (ASD Nest). Vince Chiara Lobba seguita a pochi metri dalla tenace Letizia Deriu e terza Alice Pozzi.

Classifica finale

RAGAZZI

MASCHILE - I primi a partire in giornata sono i 94 ragazzi iscritti alla prova del Trofeo Italia Giovanissimi; 800mt corsa 3km ciclismo 400mt corsa la distanza da coprire. Si presentano in t1 in un lungo serpentone colorato; la frazione ciclistica fa selezione con Leonardo Cantù (Cnm Triathlon) che si presenta solo al comando con oltre 20" di vantaggio sugli inseguitori. Vince Leonardo Cantù davanti a Davide Fabbi (Cus Parma) e Niccolò Sancisi (Dinamo Triathlon) autore di un'ottima ultima frazione.

Classifica finale

FEMMINILE - 83 ragazze si sono date battaglia lungo il tracciato. Deusa Malacalza (Piacenza Tri Vivo) guida dopo la prima frazione di corsa. Ma è Laura Ceddia (Tri Team Brianza) che detta legge in bici imponendosi all'arrivo in T2. Rimette tutto in discussione nella corsa Sofia Terrinoni (Green Hill) che vince la gara seguita da Myral Greco (TD Rimini) chiude il podio la brava Ceddia (Tri Team Brianza).

Classifica finale

- seguono aggiornamenti - 


LE FOTO DI GIORNATA

Tutte le altre foto sulla pagina ufficiale Facebook FITRI

 

CAROLE podio JUNIOR M F
Premiazione Junior

CAORLE podio YOUTH B M F

Premiazione Youth B

CAORLE YOUTH A Podio M F

Premiazione Youth A

CAORLE podio Ragazzi M

Premiazioni Ragazzi M_F

 

COMUNICATO STAMPA CAMPIONATI ITALIANI DUATHLON GIOVANILE PRIMA GIORNATA


Al lido di Altanea spettacolo con la disciplina che unisce corsa, ciclismo e corsa, Lo squadrone Minerva Roma conquista 4 titoli, gli altri 2 per Silca Ultralite e Marostica. Oggi a Caorle (VE) le gare tricolori di duathlon giovanili individualiCaorle colonia romana. Nella città balneare della provincia di Venezia, lo squadrone Minerva Roma conquista ben quattro vittorie su sei gare tricolori nella rassegna di duathlon dedicata ai giovani. Per il team della capitale vittoria tra gli Junior con Valerio Cattabriga e Michela Pozzuoli, tra le Youth B con Beatrice Mallozzi e tra gli Youth A con Filippo Cattabriga, fratello di Valerio. Gli altri due titoli italiani li conquistano due società venete, la trevigiana Silca Ultralite Vittorio Veneto, società organizzatrice della rassegna nazionale, con Filippo Pradella, primo tra gli Youth B e la vicentina Rari Nantes Marostica, con Chiara Lobba nelle Youth A. In gara al Lido di Altanea, con zona cambio e area logistica nel Villaggio ai Pini, nella giornata di oggi, ben 630 atleti.

I primi a partire sono i 94 ragazzi iscritti alla prova del Trofeo Italia Giovanissimi. All'entrata in zona cambio dopo la frazione di corsa a piedi, si presentano in una lunga fila colorata. A fare selezione la frazione ciclistica con Leonardo Cantù (Cnm Triathlon) che entra in zona cambio con oltre 20" di vantaggio sugli inseguitori. Cantù taglia il traguardo davanti a Davide Fabbi (Cus Parma) e Nicolò Sancisi (Sport Village). Al femminile, si sfidano in 83. Deusa Malacalza (Piacenza Triathlon Vivo) guida dopo la prima frazione di corsa, ma è Laura Ceddia (Triathlon Team Brianza) che detta legge in bici imponendosi all'arrivo in zona cambio. Rimette tutto in discussione nella corsa Sofia Terrinoni (Green Hill) che vince la gara seguita da Myral Greco (TD Rimini) e da Ceddia.Tocca poi alla prima gara valevole per l'assegnazione del titolo tricolore, quella dei Youth A (110 quelli in gara). Dopo la corsa, in zona cambio si presenta un gruppo di 8 atleti guidato da Alessio Crociani (Pol. Riccione). La frazione ciclistica fa selezione, tanto che ritornano in zona cambio 5 atleti guidati da Giacomo Merlo (Rari Nantes Marostica). L'ultima frazione di corsa a piedi decide le sorti della gara, con Filippo Cattabriga (Minerva Roma) che batte Luca Bruni (K3 Cremona) e Matteo Nonnino (Cus Udine). Al femminile, in gara in 80. Prova a fare l'andatura nella corsa Chiara Lobba (Rari Nantes Marostica) seguita da Alice Pozzi (Fresian Team) e Viola Pagotto (Silca Ultralite Vittorio Veneto). Rientrano nel primo giro in bici anche Letizia Deriu (Cremona Stradivari) e Maddalena Mangiullo (ASD Nest). Sul traguardo alza le braccia Chiara Lobba, che anticipa Deriu e Pozzi. Appena giù dal podio, quarta, l'atleta di "casa", Pagotto.Ben 85 gli Youth B al via per la prima prova del pomeriggio. Partenza velocissima di Samuele Angelini (Fiamme Oro) con Nicolò Ragazzo (PPR Team) a pochi metri e un drappello di 6 unità a 10". Angelini entra da solo in T1 con Ragazzo, Davide Ingrilli (Cnm) e Andrea Mason (Silca Ultralite) a 14". Il primo giro in bici vede il poderoso rientro di Filippo Pradella (Silca Ultralite) su Angelini. Il gruppo inseguitore rimane sempre a 14" e non sembra riuscire a guadagnare sul duo di testa. Sono 50" i secondi con cui Angelini e Pradella rientrano in T2 su un gruppetto in cui grazie all'azione di Leonardo Pasquotto (Minerva) è rientrato anche Nicolò Strada (Pol. Riccione). Gli ultimi 1500 metri sono una lunga volata che premia l'intraprendenza di Filippo Pradella che per pochi secondi vince su Angelini. Terzo Ingrillì. A sfidarsi per il titolo femminile Youth B sono 62. Al primo giro di corsa un primo gruppetto di 6 atlete guidato da Beatrice Mallozzi (Minerva) e con Francesca Crestani e Carlotta Missaglia (PPR Team), Giada Romano (Los Tigres), Carlotta Bonacina (Pro Patria Milano). In vista della transizione un deciso allugo consente a Crestani, Mallozzi, Romano, Missaglia e Bonacina di guadagnare preziosi secondi sulle inseguitrici. Nel ciclismo si rimescolano un po' le carte. Bonacina e Romano perdono le ruote delle compagne di fuga, mentre si inserisce in testa Costanza Arpinelli (Minerva Roma). Bella la sfida in bici, con le due coppie Minerva e PPR Team che lavorano sodo nel tentativo di contenere il rientro del gruppo, trainato da Marta Menditto (Frecce Bianche) e dalla sempre combattiva Giulia Repetto (Virtus Acqui). Il lavoro del gruppo inseguitore è premiato e in T2 sono una dozzina tutte assieme. L'ultima frazione è corsa a ritmi serrati. Vince Mallozzi, seconda Missaglia. Completa il podio Crestani.Tocca infine alle ultime due gare della giornata. Tra gli Junior a metà della prima frazione di corsa in testa c'è un gruppetto di 8 battistrada guidato da Diego Boraschi (Torrino Triathlon) e Federico Spinazze (Silca Ultralite Vittorio Veneto) e composto anche da Franco Pesavento (PPR Team), Sergiy Polikarpenko (Aquatica Torino), Valerio Cattabriga (Minerva roma), Mirko Lazzaretto (RN Marostica) e a chiudere Matteo Gala (Minerva). Nel secondo giro però Boraschi forza l'andatura e arriva primo in T1 seguito a pochi secondi da Polikarpenko e Pesavento. Il portacolori del Torrino prova ad andare in solitaria in bici e al primo dei 4 giri ha 15" di vantaggio su Pagotto, Spinazzè, Lazzaretto, Polikarpenko, Cattabriga e Pesavento. Al secondo giro il gruppo riprende il fuggitivo e vanno via Cattabriga e Spinazzè che trovano la giusta intesa e guadagnano 17" al secondo passaggio che diventano 39" al terzo passaggio. Spinazzè e Cattabriga scendono in T2 con 50" di vantaggio. Federico Spinazzè colpito da crampi nonostante vari tentativi è costretto al ritiro. Cattabriga si invola in solitaria verso il titolo, replicando al successo del fratello minore ottenuto poche ore prima. Mentre per il secondo gradino del podio Boraschi batte Polikarpenko su una volata lunga a due dopo aver allungato su Pesavento giunto quarto.
Partenza numerosa anche quella delle junior con 43 atlete al via. Al termine del primo giro di corsa in testa con 20" di vantaggio su un gruppo di una decina di atlete, Michela Pozzuoli e Sara Foschi (Minerva Roma), Irene Ferfoglia (Rari Nantes Monfalcone), Daniela Ansaloni (LC Bozen) e Tania Molinari (Piacenza Triathlon). Entrano in T1 Pozzuoli, Foschi e Molinari con 22" su Ferfoglia e altrettanti su un gruppo compatto di 7 unità. La frazione ciclistica non vede cambiamenti in testa alla gara con il terzetto che procede compatto e giunge in T2 con ampio margine. Nei 2,5 km Michela Pozzuoli prende il comando e taglia vittoriosa il traguardo davanti a Molinari e alla compagna di squadra Foschi.

Ad applaudire tutti il presidente della Fitri nazionale, Luigi Bianchi. "Che bella giornata oggi a Caorle, con tanti ragazzi a lottare per i titoli italiani - commenta Bianchi - il movimento sta crescendo e bene. E non possiamo che esserne felici. La nuova location, a Caorle, si è confermata vincente. Complimenti, ancora una volta, ad Aldo Zanetti e al suo gruppo di lavoro in Silca Ultralite". Per Alessandro Bottoni, direttore tecnico giovanile, gare di buon livello che hanno regalato "diverse conferme, numerose novità e qualche situazione da rivalutare nelle prossime gare". "Il percorso pianeggiante con curve e controcurve ha permesso, nella frazione ciclistica di buona valenza tecnica, di fare selezione e di mettere in evidenza chi ha avuto coraggio e non ha solo gestito la seconda frazione - aggiunge Bottoni - in molte gare è stato proprio il ciclismo a condizionare l'andamento della competizione".

Domani si torna in pista con le Staffette, valide per il campionato italiano giovanile a squadre. Il programma orario di domani, domenica 3 aprile è il seguente: dalle 7 alle 8.30 distribuzione pettorali; dalle 7.30 alle 8.30 apertura zona cambio; alle 8.45 partenza della staffetta 2+2 Youth, dalle 10.20 alle 11.00 apertura zona cambio Junior e Ragazzi, alle 11.15 partenza della staffetta 2+2 Junior, alle 12.45 partenza staffetta Ragazzi. Alle 14 premiazioni nell' "Anfiteatro", dietro alla "Galleria", a 50 metri dalla zona arrivo.

(comuncato società organizzazione)