Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Il 21° Triathlon Internazionale di Mergozzo a Tea Camera e Patrick Jaberg

images/2016/News_2016/gare_2016/dimensione_sport/triathlon_mergozzo_premiazioni.jpg

 

Domenica 4 settembre 2016, Dimensione Sport ha organizzato la 21^ edizione di uno dei triathlon 113 più amati d’Italia, il Triathlon Internazionale di Mergozzo.
In una giornata serena e con una temperatura ideale, la deliziosa piazzetta lungolago del borgo piemontese si è riempita degli oltre 400 partecipanti, tra gara individuale e staffette, con anche un numeroso pubblico ad assistere ed a fare sentire il proprio sostegno.

Il via è stato dato alle 10, con tre partenze separate, per uomini, staffettisti e donne a chiudere; distanze e percorsi canonici, ovvero 2 giri nell’accogliente e pittoresco lago, con uscita all’australiana tra due ali di folla; 90 chilometri di ciclismoanche in questo caso su due giri, senza particolare difficoltà altimetriche; e infine la mezza maratona su 4 giri interamente disegnati sul lungolago, prima di arrivare alla finish line al termine dei 21K.

La frazione di nuoto del 21° Triathlon Internazione di Mergozzo. In campo maschile, dopo una frazione di nuoto che ha visto 8 atleti uscire praticamente insieme dall’acqua, lo svizzeroPatrick Jaberg ha salutato la compagnia ed è partito deciso da solo. Nulla da fare per i suoi inseguitori, Jaberg è stato inarrestabile, facendo segnare un tempo in sella di oltre 6′ migliore del secondo di giornata, ovvero il crono del giovane portacolori del Piacenza Triathlon Vivo Francesco Gualtieri. Anche nella terza frazione, imperioso il rossocrociato che ha trionfato in 4 ore, 2 minuti e 29 secondi tra gli applausi convinti dello sportivo pubblico di Mergozzo.Gualtieri si è meritato la seconda piazza, giungendo dopo quasi 9′, con un vantaggio a sua volta di 2’20” sul coriaceoAndrea Recagno, portacolori del Forhans Team. Ai piedi del podio il generoso e mai domo Stefano Luciani, a seguire Andrea Riva, Giovanbattista Pisano, Luca Uda, lo statunitense Eric Dyner, Filippo Bordoni e Marco Passarello.

Teodolinda Camera della Virtus Acqui Terme si è aggiudicata il 21° Triathlon Internazionale di Mergozzo. Tra le donne, Teodolinda Camera è uscita dall’acqua prima, con Gaia Mazza e Lina Manzo subito dietro a inseguire; al termine della frazione bike, la più veloce a cominciare la mezza maratona è sempre stata la portacolori della Virtus Acqui Terme che giro dopo giro ha ampliato nettamente il vantaggio sulle dirette inseguitrici, vincendo con quasi 13′ di vantaggio Al secondo posto si è piazzata la svizzera Andrea Haslebacher, la migliore in bici, con terza Francesca Marin, forte ultramaratoneta azzurra, capace di una bella rimonta a piedi grazie al crono più veloce. A completare la top ten, Mazza, Berverley Gibson (in preparazione per l’Ironman Hawaii), Aude Emma Yvonne Kienzler, Gessica Sarti, Alessandra Corvi, Luisa Mimmo e Manzo.

Nella gara a staffetta, assegnato il Trofeo Massimo Canali ai Khermes (Piemonti, Cavalli e Ferigato), che hanno chiuso la loro prova in 4:04:15.

CLASSIFICA TRIATHLON INTERNAZIONALE DI MERGOZZO 2016

Soddisfatti per la riuscita organizzazione lo staff di Dimensione Sport, di concerto con gli enti e le associazioni locali; e per tutti i partecipanti un ulteriore gradito regalo, sul sito photo-sport.it è possibile visualizzare e scaricare la propria foto in azione ad alta risoluzione.

(fonte comunicato società organizzatrice)