Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Triathlon Olimpico di Recco: il racconto di una giornata memorabile

images/2021/Gare_ITALIA/Recco_Triathlon/medium/IMG_3109.JPG

Anche Recco ha contribuito a rendere domenica 11 luglio 2021 una giornata memorabile per lo sport italiano. Soprattutto per i quasi 300 partecipanti alla XV edizione del Triathlon Olimpico Città di Recco, da quest’anno internazionale.

In una calda giornata estiva, corroborata però da un venticello che ha accarezzato per tutto il giorno il Golfo Paradiso, la sicurezza è stata posta al primo posto da Qualitry, organizzatrice dell’evento, che grazie all’amministrazione comunale, al Gruppo di Protezione Civile di Recco e dei comuni limitrofi e alla Croce Verde, ha schierato oltre settanta volontari sui 44 km di un percorso ciclistico reso un biliardo dalla recente asfaltatura.

Grazie alla Pro Loco i triatleti sono stati accolti nell’ampia sala polivalente, in tutta sicurezza hanno potuto ritirare le buste pettorale e depositare le borse durante la gara. Grazie alla Pro Recco hanno potuto parcheggiare nei loro spazi e usufruire delle navette per raggiungere le spiagge.

La cronaca. Via alle 13:00 dalla spiaggia dei Frati in 6 batterie di circa 50 atleti partiti a pochi minuti gli uni dagli altri. La gara femminile non ha avuto storia, con Fabia Maramotti, Beriv, che uscita con quasi tre minuti di vantaggio su Chiara Ingletto, Firenze Triathlon, ha incrementato il suo vantaggio in bici portandolo a 8’. Nonostante la rimonta, l’atleta toscana si è dovuta inchinare e lasciare la vittoria alla giovane Fabia che ha chiuso la gara in 2h28’39” con 2’46” di vantaggio. Terzo gradino del podio per Alessandra Derme, Rari Nantes Torino giunta però a quasi 10’ dalla vincitrice. Più battaglia invece tra gli uomini fra i quali eccelle nel nuoto Samuele Angelini, FF.OO., che rifila due minuti agli inseguitori Luca Schiasselloni, Sai Frecce Bianche, e Cristiano Iuliano, Tri Evolution. Ma su per i 1.100 mt. di dislivello delle salite verso colle Caprile si fa riprendere dalla coppia e in tre raggiungono Lumarzo, in cima alla seconda salita. Discesa a capofitto verso il mare con Iuliano che entra in T2 in testa, seguito da Schiasselloni e da Angelini. Le posizioni non cambiano fino al traguardo, ma mentre questi ultimi mantengono lo stesso ritmo, Iuliano prende il largo e correndo 10” in meno al km chiude in 2h12’33” con due minuti di vantaggio su Schiasselloni, secondo, e Angelini, terzo, che duellano fino al traguardo.

Il sindaco Carlo Gandolfo ha premiato “tutti” i podi, anche di categoria, insieme con altri membri del consiglio comunale, dimostrando, da ex-triatleta, l’affezione di questa cittadina al triathlon.

IMG 2662

 

(fonte: comunicato stampa società organizzatrice)