Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Seregni terza alla World Triathlon Cup di Karlovy Vary. L’azzurra sul podio al debutto in Coppa del Mondo

images/2021/Gare_INTERNAZIONALI/WORLD_CUP/KarlovyVary/medium/Seregni_arrivo_KarlovyVary_WT.jpg

Non poteva sperare in un debutto migliore. Bianca Seregni (DDS-7MP) conquista uno straordinario terzo posto nella World Triathlon Cup di Karlovy Vary, classico e prestigioso appuntamento del circuito mondiale in Repubblica Ceca, disputato su distanza olimpica.

L’azzurra, alla prima avventura in Coppa del Mondo, disputa una gara da assoluta protagonista, dominando la frazione di nuoto, controllando nel gruppo di testa nei 40 km di ciclismo e accarezzando addirittura il sogno della vittoria nel conclusiva frazione podistica. Una prova all’attacco, condotta con grande consapevolezza, che l’ha proiettata sul terzo gradino del podio che vede l’elvetica Julie Derron sul gradino più alto e la giapponese Ai Ueda in seconda posizione.

Luisa Iogna-Prat (DDS-7MP) taglia il traguardo in 10^ posizione, Sharon Spimi (G.S. Fiamme Oro) si piazza al 12° posto mentre Carlotta Missaglia (Valdigne Triathlon) chiude 17^.

“Sono così felice di questa gara, la mia prima in Coppa del Mondo - dice una emozionantissima Bianca Seregni pochi istanti dopo il traguardo - sono molto contenta di come ho affrontato la prima frazione, sono uscita per prima fruttando al meglio la mia migliore disciplina e poi ho superato bene un piccolo problema nella prima transizione. Grande soddisfazione per questa gara, ho dato il massimo, del mio meglio, ma ora non mi rendo ancora conto davvero di ciò che sono riuscita a fare”.

“Il terzo posto di Bianca Seregni nella Coppa del Mondo di Karlovy Vary è la ciliegina sulla torta di un fine settimana entusiasmante - dice Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon - Dopo aver celebrato i Campionati Italiani di Duathlon Giovani a Cuneo e il quarto posto ad Almere ai Mondiali di Triathlon lunga distanza di Elisabetta Curridori, arriva una solida prova internazionale della giovane Bianca Seregni, che fa parte del programma Sviluppo Italia come Iogna-Prat, Spimi e Missaglia, le quali hanno animato sin dalle prime battute la gara in Repubblica Ceca. La fantastica medaglia di bronzo di Bianca chiude un weekend davvero entusiasmante e ci proietta verso gli appassionanti appuntamenti delle prossime settimane”.

“Ottimo podio azzurro nella World Triathlon Cup di Karlovy Vary - dichiara il presidente del CONI Giovanni Malagò - Il terzo posto conquistato da Bianca Seregni é indice di un movimento in salute che garantisce ricambio generazionale e grandi speranze per il futuro. Complimenti a Bianca e alla Federazione”.

“Un magnifico terzo posto di Bianca Seregni in una gara decisamente dura e al debutto in Coppa del Mondo - dice Massimiliano Di Luca, tecnico del programma Sviluppo Italia che ha supportato gli Azzurri in Repubblica Ceca - Come Sviluppo Italia, siamo davvero soddisfatti di questo risultato prestigioso e sorprendente di Bianca complimenti a lei e al suo staff che la segue quotidianamente. Possiamo essere soddisfatti di questa trasferta: da rimarcare la gara di grande personalità del giovane Crociani, autore di un esordio in World Cup davvero incoraggiante; buon piazzamento di Azzano, al debutto in Coppa Mondo su distanza olimpica mentre rimane qualche rammarico per Sarzilla, fermato da un salto di catena. Le ragazze, nel complesso, si sono ben comportate con Iogna-Prat 10^, Spimi, all’esordio in World Cup, 12^, e Missaglia 17^, ottima in acqua e brava a concludere la gara malgrado i crampi”. 

Nella competizione maschile che ha aperto la giornata di gare in Repubblica Ceca, il tedesco Lasse Priester centra la sua prima vittoria in Coppa del Mondo davanti a Grant Sheldon (Gbr) e Csongor Lehmann (Ung).

Nella prova su distanza olimpica, Nicola Azzano (C.S. Carabinieri), 13°, è il migliore degli azzurri al traguardo. Michele Sarzilla (DDS-7MP), che mentre era in vista della T2 è stato rallentato da un problema meccanico, chiude in 18^ posizione mentre, Alessio Crociani (G.S. Fiamme Azzurre), protagonista assoluto delle prime due frazioni al debutto in World Cup (terzo dopo il nuoto, primo all’uscita della T2), cala nella corsa e finisce al 20° posto. Delian Stateff (G.S. Fiamme Azzurre) e Davide Uccellari (G.S. Fiamme Azzurre) non hanno concluso la gara.

 

RISULTATI

 

LA CRONACA
UOMINI - Strada bagnata, meteo nuvoloso con temperatura intorno ai 15°C per la gara maschile. Crociani 3 dopo nuoto, in fuga con con Devay, Hojo e Silva appena completata la prima transizione; Stateff tra i primi inseguitori a 24 secondi, Azzano nel terzo gruppo, il più numeroso a 34 secondi, Sarzilla a 44 secondi, Uccellari a 1’04”. Dopo la prima fase del segmento di ciclismo, i quattro davanti con Crociani si assestano a 45 secondi dagli inseguitori con Azzano, Sarzilla, Uccellari e Stateff, rimasto per diversi chilometri da solo prima di essere inglobato nel drappello composto da una trentina di atleti. I fuggitivi mantengono il vantaggio fino alla T2, i 25 inseguitori con Stateff e Azzano cambiano con 40 secondi; si ritira Uccellari mentre Sarzilla perde contatto dal gruppo a causa di un problema meccanico. Crociani è il prima ad iniziare i 10 km di corsa, tallonato dal giapponese Hojo e dall’ungherese Devay; dietro Stateff e Azzano effettuano un ottima transizione (5° e 7°) e iniziano la frazione finale con un ottimo ritmo. Azzano tiene duro e prova a difendere la top-10, ma chiude 13°, Sarzilla risale sino alla 18^ posizione con un ottima frazione run mentre Crociani cala nel finale e termina al 20° posto la sua prima gara in Coppa del Mondo. Stateff si ferma a metà della frazione di corsa.

DONNE - Atlete italiane protagoniste della prima frazione con Seregni che esce per prima dall’acqua davanti a Iogna-Prat, Spimi e Missaglia. Sono proprio queste tre azzurre a tentare la fuga in bici assieme alla britannica Alden, con Seregni che perde qualche secondo e viene riassorbita dal gruppo delle inseguitrici. Le quattro davanti entrano nel circuito ciclistico cittadino con 30 secondi di vantaggio sul drappello alle loro spalle di una quindicina di unità. Nel corso del terzo dei sette giri previsti, la fuga viene annullata e i primi due drappelli di compattano. Le quattro azzurre sono molto attente, sempre protagoniste della seconda frazione ed entrano in T2 con la possibilità di lottare per le posizioni di vertice della classifica finale. Bianca Seregni dimostra di essere in grande giornata e prende la testa in coppia con l’elvetica Derron. L’azzurra, seppur debuttante, non ha alcun timore e continua a lottare per la vittoria: la svizzera, però, riesce a staccarla, mentre da dietro rientra l’esperta Ueda ma per Bianca, arriva un terzo posto che vale oro. Bene anche Iogna-Prat, che conclude al 10° posto, poco più indietro la debuttante Spimi, 12^, mentre Missaglia, seppur in preda ai crampi, è stata tenace ed ha concluso in 17^ posizione.

 

podio Schermata 2021 09 12 alle 17.35.35

Seregni 32b07518083a

Seregni Schermata 2021 09 12 alle 17.16.40

241687249 10162500860984572 2283689151028544491 n

241725494 10162500859074572 6639537792995575721 n

241741444 10162500862889572 2788448040158572524 n

241746287 10162500859819572 5481467723800497709 n

241758927 10162500862254572 4000119649853799365 n

241736082 10162500858534572 5099545013094696587 n

 

Notizia correlata:
Azzurri in Repubblica Ceca per la World Cup di Karlovy Vary