Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Trionfo Brownlee: è campione europeo a Weert. Azzurri in top-20

images/2019/gare_internazionali/Europei_Weert/medium/BROWNLEE_Tiziano_Ballabio_Fitri-6881.jpg
Europei

Il britannico Alistair Brownlee è campione europeo. A Weert, in Olanda, il due volte olimpionico conquista la medaglia d'oro continentale e sale sul gradino più alto del podio in 1:35:01 davanti al portoghese Joao Pereira, staccato di 21”, e al belga Jelle Geens, che chiude a 54” dal vincitore. Due gli azzurri tra i primi venti classificati: Gregory Barnaby (707) è il primo italiano a tagliare il traguardo in 17^ posizione, poco dietro Delian Stateff (G.S. Fiamme Azzurre), 19°, che ha subito una penalità di 15 secondi per un'infrazione (mount violation) in T1. Non ha concluso la gara Davide Uccellari (G.S. Fiamme Azzurre).

Polyanskiy (Rus), Devay (Hun) e Brownlee (Gbr) sono i più veloci ad uscire dall'acqua, poco dietro Uccellari a 16”, Stateff 19” e Barnaby 28”. È proprio il bicampione olimpico britannico a provare a dettare il ritmo appena usciti dalla T1 con la gara che viene subito spezzata in quattro tronconi dopo i primi 5 km di ciclismo: comandano in 10, tra cui Brownlee, Van Riel (Bel), i due Polyanskiy, Serrat (Esp), segue a 20 secondi un drappello di 15 atleti in cui sono entrati Stateff e Uccellari, più indietro a 30” dalla testa, un altro gruppo da 15 atleti in cui c'è Barnaby mentre gli ultimi 20 atleti accusano già un minuto. Nel frattempo, i due gruppi inseguitori si uniscono in un unico plotone di 30 unità, ma il distacco dalla testa, che era di 25” al passaggio del secondo dei cinque giri previsti, sale fino a 55 secondi in corrispondenza della seconda transizione. Un quartetto prende il largo dopo poche centinaia di metri di corsa, si tratta di Van Riel, Brownlee, Serrat e Schwetz (Ger). Dopo un terzo della frazione di corsa, il biolimpionico rompe gli indugi e rimane solo in testa alla gara fino al traguardo. A lottare per le due medaglie restanti, sembra rimangano Van Riel, Serrat, Schwetz e il rientrante Pereira (Por), con gli azzurri, più indietro, che provano a centrare una top-20: è proprio il portoghese, autore di un'ottima terza frazione, a conquistare l'argento mentre Geens (Bel), anch'egli autore di una consistente rimonta nel finale, sale sul terzo gradino del podio. Completano la top-10 Pevtsov (Aze), Izzard (Gbr), Van Riel, Hernandez (Esp), Schilling (Den), Schwentz e Sagiv (Isr). Gregory Barnaby, difende la 17^ posizione e chiude come migliore degli azzurri, Stateff, che ha dovuto scontare la penalità, taglia il traguardo due posizioni più indietro (19°) mentre Uccellari è costretto al ritiro.

 

In ambito junior (gara su distanza sprint), è doppietta francese con Paul Georgenthum che trionfa in 49:04 precedendo il connazionale Boris Pierre di soli due secondi; medaglia di bronzo per il portoghese Ricardo Bautista. Ventesimo posto per Alessio Crociani (Triathlon Team Riccione), migliore azzurro al traguardo, mentre Davide Ingrillì (Raschiani Triathlon Pavese) chiude in 29^ posizione.

Batista, Vieira, Montez e Karai, tre portoghesi e un ungherese, sono i protagonisti in acqua e risultano i primi a saltare in bici, ma i due atleti italiani Ingrillì e Crociani, autori di una buona prima frazione, iniziano a pedalare a pochi metri dalla testa della gara ed entrambi riescono ad inserirsi nel gruppone principale composto da 36 atleti. Ingrillì e Crociani scendono dalla bici rispettivamente in 28^ e 32^ posizione e iniziano a correre con il nutrito drappello dei pretendenti alle medaglie disposto in lunga fila indiana e comandato da Georgenthum e Pierre (Fra), Henseleit e Osterholt (Ger), Batista e Montez (Por), Carreras e Cabrera (Esp), Chaski (Isr) e Rundqvist (Den) con Crociani che lotta per un piazzamento tra i migliori 20 e Ingrillì che gravita qualche secondo più indietro. Allo sprint festeggia la Francia: è una doppietta transalpina con Georgenthum medaglia d'oro che precede il connazionale Pierre, il quale relega al terzo posto di un soffio il portoghese Batista.

 

Domani pomeriggio, il programma della rassegna continentale di Weert si chiude con le Mixed Relay junior (ore 13.30) e élite (ore 16).

 

RISULTATI

 

PROGRAMMA GARE

Venerdì 31 maggio
Ore 16: Junior Donne
Ore 18: Elite Donne

Sabato 1 giugno
Ore 16: Junior Uomini
Ore 18: Elite Uomini

Domenica 2 giugno
Ore 13.30: Mixed Relay - Junior
Ore 16: Mixed Relay - Elite

 

GLI AZZURRI

ELITE

Individuale
Anna Maria Mazzetti (G.S. Fiamme Oro)
Gregory Barnaby (707)
Delian Stateff (G.S. Fiamme Azzurre)
Davide Uccellari (G.S. Fiamme Azzurre)

Mixed Relay
Giorgia Priarone (707)

 

JUNIOR

Individuale
Costanza Arpinelli (Minerva Roma)
Beatrice Mallozzi (G.S. Fiamme Azzurre)
Alessio Crociani (Triathlon Team Riccione)
Davide Ingrillì (Raschiani Triathlon Pavese)

Mixed Relay
Bianca Seregni (Raschiani Triathlon Pavese) *
Angelica Prestia (Pianeta Acqua) *

* a causa di un infortunio, Bianca Seregni non potrà partecipare agli Europei ed è stata sostituita da Angelica Prestia

STAFF

Joel Filliol (Olympic Performance Director)
Fabio Rastelli (Program Manager Squadra Nazionale)
Andrea D'Aquino (Tecnico Squadra Nazionale)
Mauro Tomasselli (Tecnico Nazionale Programma Sviluppo)
Genevieve Barbero (Assistente Tecnico Programma Sviluppo)
Matteo Santoli (Fisioterapista)

 

LE START LIST 

Europei Weert: ecco la formazione azzurra per la rassegna continentale
Potter campionessa europea. A Weert, Mallozzi centra l'oro tra le junior

 

LA GUIDA
La pagina su Triathlon.org
Il sito ufficiale di Weert 2019

podio uomini

(foto: ETU Media)

 

UCCELLARI Tiziano Ballabio Fitri 1879

STATEFF Tiziano Ballabio Fitri 1905

BARNABY Tiziano Ballabio Fitri 1899

(foto: archivio FITRI Media)