Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Agostino e Gabriella salutano il triathlon. L’abbraccio della Federazione e l’intervento del presidente Giubilei

images/2021/varie/medium/GABRIELLA_Agostino-bacio.jpg

La coppia del triathlon italiano saluta la nostra comunità. Un addio, un arrivederci, un semplice ciao, perché Agostino Ramella e Gabriella Bois, 80 e 78 anni, lui medico, lei biologa analista, pur avendo deciso di abbandonare l’attività agonistica dopo l’ultima gara disputata a Cuneo domenica 22 agosto, rimarranno sempre delle vere e proprie bandiere del movimento Age Group italiano.

Un’ultima gara per iniziare i festeggiamenti per i 50 anni di matrimonio (l’anniversario cade il 4 settembre) e il 18 anni di amore per il triathlon, uno sport a cui si sono avvicinati dopo i 60 anni, ma con cui hanno riscoperto il piacere dell’agonismo, la voglia di mettersi costantemente alla prova e il piacere di conoscere luoghi, gare e nuovi amici con cui condividere la passione per la triplice. Ora, Gabriella e Agostino hanno deciso di dire basta: non ritireranno più alcun pettorale, lo loro bici non entreranno più in zona cambio, non taglieranno più i traguardi delle gare in giro per l’Italia mano nella mano, ma lo sport sarà ancora parte integrante della loro quotidianità. E soprattutto, saranno triatleti per sempre.

 

L’intervento del presidente della FITRI Riccardo Giubilei:

“Ho conosciuto Gabriella ed Agostino sei anni fa, in occasione di un Campionato Italiano di Triathlon Sprint. Ero al primo anno della mia presidenza alla Commissione Age Group ed Agostino venne a dirmi che, sul palco, in occasione delle premiazioni, non c'era il Tricolore e questa cosa la riteneva davvero intollerabile. Me lo disse secco e ruvido e mi strappò un sorriso: aveva ragione. Perché nella vita i simboli sono importanti. Ecco, Gabriella ed Agostino sono un simbolo: il simbolo che lo sport fa bene, che si può vivere una vita insieme e festeggiare i cinquanta anni di matrimonio partecipando ad uno sprint, continuando ad essere innamorati del triathlon e della vita. In un mondo che, troppo spesso, mastica i sentimenti e sacrifica tutto sull'altare dell'immagine, vedere questa coppia ci commuove. Solo il Triathlon è capace di regalarci queste emozioni. In questi anni Agostino mi ha inviato tante email e ci siamo confrontati su parecchi punti, come tutti gli appassionati di triathlon fanno ed ho premiato molte volte Gabriella come vincitrice di categoria, non senza emozione, addirittura da M9. A nome della FITri desidero ringraziare Gabriella ed Agostino per lo stupendo messaggio che ci hanno regalato in questi anni. Dicono che smetteranno qui: staremo a vedere. Nel frattempo, Antonella Salemi a nome della Commissione Donne e della Federazione ha regalato un mazzo di fiori a Gabriella in occasione del Triathlon Sprint di Cuneo, dove sono stati festeggiati a dovere anche dalle Istituzioni Locali. Spero che vengano a trovarci a Cervia, il 2 e 3 ottobre, in occasione dei Campionati Italiani di Triathlon Sprint: per Agostino ci sarà il Tricolore firmato da tutti gli Azzurri della nostra Nazionale ed i sorrisi grati di tutti quelli che, guardandoli, hanno sperato in cuor loro di poter vivere le stesse emozioni tanto a lungo, come solo il nostro splendido sport sa concederci. Grazie di cuore, evviva il Triathlon!”

 

gabriella agostino.istituzioni

agostino gabriella