Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

L'Ironman Francoforte di Elisabetta Villa

images/friuliveneziagiulia/medium/552eb6aa-690c-417c-9202-0df4b6ab87cf_2.jpg

Il 15 Agosto 2021 si è svolto l'Ironman Frankfurt, di seguito riportiamo alcune riflessioni personali riguardanti la splendida prestrazione della nostra vicepresidente FITri Elisabetta Villa.

"Francoforte era una gara che volevo fare da tempo…. è stato il primo Ironman di mio marito, Alessandro Valenti, e io in quell’occasione ero solo la sua accompagnatrice perché per me in quel periodo (2015) le lunghe distanze erano ancora impensabili. Però, la magia dell’arrivo nella piazza storica del quartiere Romer di Francoforte e il folto pubblico lungo tutto il percorso mi sono rimasti impressi nella memoria tanto che la voglia di rivivere l’esperienza come atleta è sempre stata viva.

L’avvicinamento alla gara non è stato semplice, come non lo è stato per molti altri atleti: la difficoltà ad accedere alle piscine durante il periodo invernale, le continue incertezze sulla possibilità di viaggiare e la riprogrammazione della gara spostata da fine Giugno a metà Agosto hanno scombussolato i piani di allenamento di tutti. Nel mio caso poi si sono aggiunti altri piccoli intoppi nella preparazione che mi hanno portato, ai giorni precedenti alla gara, ad un livello di insicurezza tale da pensare quasi di rinunciare a tutto; ma la voglia di tornare a gareggiare era troppa per cui, confrontandomi con il mio coach, ho deciso di provare.

La strategia: impostare la gara “in controllo” sin dalle prime battute. 
Il nuoto, con muta consentita e il rolling start, mi ha dato una grossa mano (si sà, non sono una nuotatrice provetta), e sono riuscita ad impostare un passo sostenibile senza forzature.
Nella bici ho trovato il percorso più difficile di quanto immaginato e quindi, al secondo giro, ho deciso di calare un po’ il ritmo che avevo impostato e forse è stata una decisione saggia perché scesa dalla bici, nella run, ho avuto subito buone sensazioni. Mi sono ritrovata infatti a correre ad un passo più veloce del previsto ma le gambe sembravano girare bene e quindi, essendo all’ultima frazione, ho deciso di prendermi il rischio e di provare a rimanere su quel ritmo.
Ho finito la gara in 10h e una manciata di secondi, prima della mia categoria e seconda donna assoluta (in assenza di pro donne), un risultato alla vigilia decisamente inaspettato, ma credo che la chiave di questo risultato si possa trovare proprio nella gestione delle prime frazioni di gara che mi hanno consentito di risparmiare energie per l’ultimo atto.

Contentissima e felicissima del risultato, ma mi ha fatto molto piacere condividere questa trasferta, oltre che con mio marito, anche con altri amici/triathleti Friulani: Marco Badali e Pier Giovanni Furlanis le cui rispettive compagne (Barbara e Marta) si sono dimostrate fantastiche supporters!
Ovviamente ringrazio anche Michael De Cecco conosciuto per l’occasione!"

Il Comitato Regionale si congratula sentitamente con l'atleta Elisabetta Villa per l'eccellente prestazione e la ringrazia per aver, ancora una volta, dato lustro al movimento di triathlon regionale.