Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Consulta Nazionale FITRI a Torino il 21 febbraio

images/2015/allegati_news/logo_torino_capitale_europea_sport.jpg

 

La Consulta Nazionale FITRI si riunirà a Torino sabato 21 febbraio. Si svolge la prima delle riunioni programmatiche dei rappresentanti del territorio previste nella nuova stagione 2015 – tra presidenti dei comitati regionali e delegati regionali – che si incontreranno nella Sala Colonne del Palazzo Comunale di Torino; e circa la città di Torino, si ricorda che per il 2015 il capoluogo piemontese  è stato nominato ‘Capitale Europea dello Sport’.ù

Molto sentita e ‘partecipata’ la Consulta di Torino, da parte della città:
I vertici della Federazione Italiana Triathlon si riuniranno per la prima volta a Torino sabato 21 febbraio a Palazzo civico – sala Colonne. La Consulta nazionale, la cui organizzazione è a cura della Commissione Organi Territoriali FITRI, in collaborazione con l'Assessorato allo Sport della Città di Torino ed il Comitato Regionale del Piemonte, è composta dai Presidenti e dai Delegati di tutte le Regioni Italiane.
"Sono molto felice – dichiara Carlo Rista, Presidente del Comitato Regionale Triathlon del Piemonte -, che il Presidente Federale, Luigi Bianchi e quello della Commissione Organi Territoriali Fitri, il consigliere Roberto Contento, abbiamo aderito alla mia proposta di riunire a Torino la Consulta Nazionale, alfine di contribuire alla promozione di Torino Capitale Europea dello Sport. Inoltre, per i componenti della Consulta sarà un’ottima occasione per scoprire o riscoprire la città”. “Per l’ospitalità, il sostegno e la collaborazione – aggiunge Carlo Rista – ringraziamo, dunque, l’Assessore allo Sport, Stefano Gallo.
“Ritornare a Palazzo civico, dove vent’anni fa, in occasione della candidatura della città ai Giochi olimpici invernali ricoprivo il ruolo di Segretario Generale FISI, è una grande emozione – sottolinea il consigliere Federale e Presidente della Consulta Nazionale, Roberto Contento. Torino, città olimpica per me è stata molto importante e spero lo sia ancor più per il Triathlon”.
“Ospitare il Board della Federazione italiana di Triathlon afferma l’assessore allo Sport, Stefano Gallo – andrà senz’altro ad arricchire di contenuti il progetto culturale di Torino Capitale Europea dello Sport, convinti come siamo che lo sport vada promosso in tutte le sue declinazioni”.

IL TRIATHLON
La prima gara di Triathlon si disputò ad Ostia (Roma) nel 1984 sulla cosiddetta distanza olimpica (1,5 km – 40 km – 10 km).
Nel 1985 Marco Sbernadori fondò l'A.I.T. (Associazione Italiana Triathlon).
Nel 1988 il Triathlon viene ufficialmente riconosciuto dal CONI e l’AIT diventa disciplina associata alla Federazione Italiana Pentathlon Moderno. Un anno dopo, nel 1989, l’assemblea ordinaria elettiva l'AIT cambia la propria denominazione diventando Federazione Italiana Triathlon.
Il 19 dicembre 1998 la Federazione Italiana Triathlon diviene Disciplina Associata direttamente al CONI e, nel mese di dicembre 2000, avviene il riconoscimento della FITRI a Federazione Sportiva Nazionale.
Le prime Olimpiadi cui prese parte la Federazione furono quelle del 2000 a Sidney.
Nel 2010 il Triathlon viene inserito nei programmi Paralimpici a partire da Rio 2016.
Associati e Società sportive
In questi anni i numeri sono stati in continua ascesa e chiudono il 2014 con 367 Società Sportive, di cui 22 in Piemonte, 19.125 tesserati di cui circa 1500 in Piemonte e 365 gare organizzate in tutta Italia di cui 57 in Piemonte.
Ad oggi il miglior risultato Olimpico è stato il 5° posto ottenuto da un'atleta di Torino, Nadia Cortassa, alle Olimpiadi di Atene 2004.