Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

A Davide Uccellari e Sharon Spimi la Triathlon Sprint Silca Cup sul lago di S. Croce in Alpago

Una vera e propria “Olimpiade” - di emozioni, di impegno organizzativo, di tensione agonistica, di conquiste e di vittorie - quella vissuta sul lago di Santa Croce. E, coincidenza, tra un anno esatto gli azzurri del triathlon saranno in gara ai Giochi Olimpici di Tokyo. Oggi, domenica 26 luglio 2020, in Alpago (BL) i campioni della prima gara post lockdown sono Davide Uccellari (Fiamme Azzurre) e Sharon Spimi (The Hurricane). Sono loro i vincitori della Triathlon Sprint Gold Silca Cup. Sul podio, al maschile Alessio Crociani (TTR) e Giulio Pugliese (Torrino Roma Triathlon) e al femminile Francesca Crestani (Cy Laser Tri Schio) e Asia Mercatelli (Raschiani Triathlon). Ad aprire l’intensa giornata di gare, la nazionale di paratriathlon che ha preso parte alla prima tappa del Circuito IPS. Ieri, sabato 25 luglio, il weekend che ha segnato la ripresa agonistica del triathlon, non solo a livello italiano (in contemporanea oggi le gare Arona e Lodi), ma anche europeo e mondiale, è stato inaugurato dall’Aquathlon Kids e Mini con quasi 200 concorrenti dai 6 ai 17 anni. La due giorni di triathlon ha coinvolto così oltre 650 triatleti. 
 
A risuonare su un lago che si stava “svegliando”, gli applausi senza fine per i paratriatleti che, una volta di più, hanno dato prova della forza e della voglia di superare se stessi, andando oltre qualsiasi tipo di barriera. In Alpago sono arrivati tutti i migliori azzurri, che stanno svolgendo un raduno a Villafranca di Verona. Come Anna Barbaro (con la guida Charlotte Bonin) che aveva “chiuso” l’attività ante emergenza sanitaria con la splendida vittoria nella tappa di Devonport, in Australia, della Coppa del Mondo. “È stato davvero molto emozionante riprendere a gareggiare, anche perché ci siamo fermate dopo la vittoria di Devonport – afferma Barbaro – questa poi è la mia prima gara con la mia nuova società, le Fiamme Azzurre, per le quali è un onore gareggiare. Non abbiamo mai smesso di allenarci, ma eravamo a casa, da soli, con lavori diversi, sui rulli, a corpo libero. Dopo mesi “separati”, da ritrovare anche il feeling con la guida, ma dopo qualche bracciata, è tornato tutto come prima”. Le emozioni del ritorno in gara le ha regalate anche il pubblico, il cui incitamento è stato di grande aiuto per Veronica Yoko Plebani, bronzo agli Europei 2019 e quarti ai Mondiali.  “È stato bello rivederci tutti in gara e sentire anche il sostegno del pubblico – dice Plebani - dopo tanto tempo ad allenarci da soli, i loro applausi ci hanno dato quella motivazione che era un po’ venuta meno. Eravamo un po’ arrugginiti, ma che bello indossare nuovamente i body di gara”.
 
Alle 9.00 lo start della Triathlon Sprint Silca Cup con l’avvio della gara femminile. Parte nel primo gruppo Sharon Spimi, che praticamente fa una gara di testa, uscendo per prima dal lago dopo 750 metri di nuoto. Nella seconda frazione di ciclismo, Spimi allunga sulle avversarie, arrivando ancora prima in zona cambio dopo 20 km in sella. Negli ultimi 5 km di corsa mantiene il vantaggio e vince con il crono di 58’45’’. Dietro di lei Crestani in 1h01’41’’ e Mercatelli in 1h02’12’’. “Che grande emozione quando sono arrivata sul rettilineo e ho visto il traguardo – commenta la vincitrice, portacolori del team di Pescara – riprendere con una vittoria è stato ancora più bello. Prima del via avevo qualche dubbio sulla tenuta, ma è andato tutto bene, sia nella frazione di nuoto che in quella di ciclismo, dove sono riuscita a tenere un ritmo regolare seppur sostenuto. E anche nella frazione di corsa, quella più ostica per me, ho avuto sensazioni positive. In realtà però devo ancora realizzare bene che siamo davvero tornati a gareggiare”.
 
Alle 10.45 il via della gara maschile. Nel nuoto Uccellari esce nelle prime posizioni, procedendo poi nel ciclismo con un “gruppetto” di 6-7 atleti. A metà della frazione di corsa, Uccellari supera Strada e Crociani, involandosi per la nuova vittoria sotto il cielo alpagota con il tempo di 52’14’’. A seguire lo junior Crociani in 52’17’’ e il romano Pugliese in 52’32’’.“Questa era una gara diversa da tutte le altre – dice il modenese – dedico questa vittoria a tutte le vittime del Covid, a coloro che non ci sono più, a coloro che hanno perso i propri cari e a tutti coloro che hanno sofferto per il coronavirus. Oggi abbiamo dovuto gareggiare con le nuove normative, ma l’importante era ripartire, abbiamo visto tanta gente, tutta rispettosa delle norme, come pure abbiamo fatto noi in gara, anche se non sempre è semplice. Nel ciclismo abbiamo cercato di darci i cambi per tirare, ma senza fare scia. Sono felice di essere tornato qui in Alpago, una località che mi ha portato bene nel 2015 quando ho vinto il mio primo titolo italiano di triathlon olimpico. Anzi, spero di ritornare ancora sul lago di Santa Croce”.
 
DICHIARAZIONI
Aldo Zanetti, presidente di Silca Ultralite Vittorio Veneto, società organizzatrice
Che grande soddisfazione essere riusciti a far ripartire il triathlon, riportando finalmente in gara gli atleti che aspettavano da mesi questo momento – dice Zanetti – sono emozionato e le parole di ringraziamento ricevute ieri e oggi sono il più bel premio per questi sforzi organizzativi. Posso dire che questa è una sfida vinta, un’impresa per niente semplice, ma grazie alla collaborazione di tutti possiamo dire che ce l’abbiamo davvero fatta.
 
Presidente Federazione Italiana Triathlon, Luigi Bianchi
Oggi è ripartito lo sport che è stato fermo per troppo tempo, è ripartito dall’Alpago, una location che ha già ospitato gare importanti. Chiaramente è stata una gara diversa, con i nuovi protocolli anticovid. Anzi, ringrazio tutti per la grande collaborazione, dagli organizzatori all’amministrazione comunale, dai volontari agli atleti. Siamo stati i primi a chiudere le competizioni, oggi con questa gara e altre due in contemporanea ad Arona e Lodi saremo un esempio da seguire anche per la ripartenza di altri sport. Questa è una grande giornata di festa.
 
Sindaco di Alpago, Umberto Soccal
È stata una sfida che abbiamo accettato volentieri come comune, sapendo di avere alle spalle organizzatori come Silca Ultralite Vittorio Veneto in grado di operare al meglio. La partenza post covid non è stata per niente semplice, come amministrazione locale abbiamo operato per creare le condizioni per gareggiare in sicurezza. Oggi è stata una giornata significativa, una vera ripartenza.
 
Assessore al turismo di Alpago, Federico Costa
Siamo felici di aver ospitato il triathlon, perché ha sancito la ripartenza per lo sport ma anche un ritorno alla normalità. Siamo orgogliosi di essere ripartiti con questo evento, che ha portato anche un indotto, con atleti, accompagnatori e familiari che dopo la gara hanno vissuto il territorio. Gli sportivi poi, dopo aver apprezzato l’Alpago per una competizione sportiva, ritornano volentieri, anche per sessioni di allenamento, oltre che per motivi di svago e tempo libero.
 
Presidente Fitri Veneto, Vladi Vardiero (ha anche gareggiato)
Che bella questa ripartenza, ci voleva proprio. Finalmente siamo tornati ad indossare il body di gara, ad apporre il numero di gara, a infilare il pettorale, a respirare l’atmosfera della competizione. Del resto i triathleti sono agonisti, nel senso che il triathlon, composto da tre frazioni senza soluzione di continuità, si si fa solo facendo la gara.
 

 
CLASSIFICHE
 
PARATRIATHLON
VINCITORI PER CATEGORIE. PTWC. Giovanni Achenza (Fiamme Azzurre) e Rita Cuccuru (Woman Triathlon). PTS2. Michele Ferrarin (Verona Triathlon) e Veronica Yoko Plebani (707). PTS3. Nicola Azara (Tri Nuoro). PTS4. Gianluca Cacciamano (Team Ladispoli Triathlon). PTS5. Mauro Gava (Triteampordenone) e Azzurra Carancini (Team Ladispoli Triathlon). PTVI. Alessandro Mennella (Forhans Team) - con la guida Andrea Pucci -  e Anna Barbaro (Fiamme Azzurre) – con la guida Charlotte Bonin. 
 
TRIATHLON SPRINT SILCA CUP (750 mt a nuoto, 20 km in bici, 5 km a piedi)
Maschile. 1. Davide Uccellari (Fiamme Azzurre) 52’14’’, 2. Alessio Crociani (TTR) 52’17’’, 3. Giulio Pugliese (Torrino Roma Triathlon) 52’32’’, 4. Nicolò Strada (Raschiani Triathlon) 52’37’’, 5. Federico Spinazzè (Silca Ultralite Vittorio Veneto) 52’59’’, 6. Nicolò Ragazzo (The Hurricane) 53’03’’, 7. Michele Bortolamedi (K3 Cremona) 53’11’’, 8. Federico Pagotto (Cus Pro Pratria Milano) 53’16’’, 9. Marco Arnaudo (Cus Torino Triathlon) 53’’35’’, 10. Diego Luca Boraschi (Torrino Roma Triathlon) 54’24’’.
Femminile. 1. Sharon Spimi (The Hurricane) 58’45’’, 2. Francesca Crestani (Cy Laser Tri Schio) 1h01’41’’, 3. Asia Mercatelli (Raschiani Triathlon) 1h02’12’’, 4. Lilli Gelmini (707) 1h02’52’’, 5. Cristina Ventura (Magma Team) 1h03’34’’, 6. Giada Stegani (Leosport) 1h04’04’’, 7. Rachele Laschi (Firenze Triathlon) 1h04’32’’, 8. Chiara Lobba (Cy Laser Tri Schio) 1h04’’41, 9. Alessia Righetti (RAschiani Triathlonn) 1h05’08, 10. Matilde Dal Mas (Silca Ultralite Vittorio Veneto) 1h06’06’’.

(fonte: comunicato stampa Silca Ultralite - foto: IO+STUDIO)

podio donne

podio uomini

gruppo fine gara

partenza spiaggia