Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Italian Paratriathlon Series: il resoconto della seconda tappa di Civitanova

Grande successo domenica 6 settembre per la seconda tappa dell’Italian Paratriathlon Series, svolta a Civitanova Marche e organizzata impeccabilmente con uno sforzo corale dal Civitanova Triathlon. Per la seconda volta dopo la gara di Farra d’Alpago dello scorso luglio, i paratriatleti italiani hanno avuto la possibilità di mettersi in gioco in una competizione. 21 gli atleti al via, oltre gli atleti impegnati in qualifica paralimpica (Giovanni Achenza, Rita Cuccuru, Veronica Yoko Plebani, Pier Alberto Buccoliero, Anna Barbaro) sono stati presenti diversi esordienti (Fabiola Lampasona, Alberto Tomberli, Simone Scavizzi), ma grande spettacolo è stato offerto dagli atleti più affezionati al paratriathlon e che anche stavolta hanno regalato sorrisi ed emozioni.

In particolare, seppur non inserita nel programma paralimpico di Tokyo, estremamente avvincente è stata la lotta nella categoria PTS2 maschile, dove nell’arrivo in volata a tre tra Alessandro Carvani Minetti, autore di una poderosa rimonta dopo il nuoto, Andrea Miniati e Salvatore Aiello, a quest’ultimo si sganciava la protesi. Carvani e Miniati, appena si sono accorti del problema tornavano indietro aiutando il compagno ad arrivare al traguardo, sostenuti dagli incitamenti del pubblico e dei volontari.

“Gli atleti ci hanno entusiasmato anche oggi. Il severo rispetto della regolamentazione anti-Covid, inoltre, non ha impedito che la tappa si disputasse in un clima sereno e familiare - afferma Neil MacLeod, Project manager del settore - per questo, a nome della Federazione, non posso che ringraziare la squadra del Civitanova Triathlon che sotto la guida di Marco Tarabelli, con il supporto di Fabrizio Cutela, hanno permesso al paratriathlon di gareggiare nuovamente, quando nel resto del mondo questa disciplina sportiva è ancora ferma, riconfermando il settore italiano come un punto di riferimento”.

I risultati completi dell’evento sono disponibili al seguente link:

https://www.icron.it/newgo/#/classifica/20201049

 

Dell’esperienza italiana nel paratriathlon, sarà testimone lo stesso Neil MacLeod il giorno 8 settembre nel webinar organizzato dall’International Triathlon Union dove, insieme ai componenti dello staff ITU Eric Angstadt, manager del paratriathlon e Thanos Nikopulos, Capo delle operazioni, esporrà le modalità di ripresa degli eventi dopo l’emergenza Covid.

Il webinar sarà disponibile al seguente link:
https://education.triathlon.org/mod/page/view.php?id=6249