Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Finale Coppa Italia e Coppa delle Regioni, il resoconto del vicepresidente FITRI, Marco Comotto


Si è disputato a Lignano l’ultimo weekend annuale  dedicato ai giovani. In programma la finale di Coppa Italia il Sabato e la Coppa delle Regioni la Domenica. Anche Lignano, come è successo in altre tappe di Coppa Italia, ha dovuto fare i conti con la sfortuna e il maltempo. Il primo giorno il brutto tempo ha fortemente condizionato lo svolgimento delle gare. Come da programma era previsto l’utilizzo di una piscina per sostituire il nuoto in acque libere ma il nubifragio previsto per la domenica ha preso tutti alla sprovvista già sabato mattina, non consentendo agli organizzatori di spostare in tempo utile la zona cambio. Dopo un confronto con la Capitaneria di porto e i mezzi di soccorso in acqua, viste le condizioni pessime del mare e i percorsi di ciclismo completamente allagati, per garantire la sicurezza dei giovani, si è deciso di spostare il nuoto in piscina e sostituire la prima prova di triathlon degli Junior e degli U23 con un acquathlon.
 
La piscina da 50m e l’impianto con le capienti tribune, inserito nel parco, hanno permesso di disputare una bella gara che ha visto vincere negli uomini Riccardo De Palma (Minerva) per gli U23 e Michelangelo Parmigiani (TD Rimini) per gli Junior e nelle donne Camera Teodolinda (As Virtus) per gli U23 e Sara Papais (TD Rimini) per gli Junior. La gara, come da regolamento tecnico, non è stata considerata valida per l’assegnazione dei punti di Coppa Italia.
 
Una breve tregua del tempo ha consentito invece di disputare regolarmente le altre gare. Hanno gareggiato nell’ordine gli Youth B e poi gli Youth A. Negli Youth B uomini la gara si è decisa nella frazione di ciclismo, condizionata da diverse cadute che hanno coinvolto gli attesi protagonisti. Ne ha approfittato Marcello Ugazio (Atl. Bellinzago) che ha saputo rimontare lo svantaggio del nuoto e poi imporsi nella frazione di corsa, precedendo Alberto Chiodo (AS Virtus) e Franco Pesavento (Padovanuoto). Nelle donne vittoria quasi scontata di Angelica Olmo (Pianeta Acqua), davanti a Federica Parodi (AS Virtus) e Michela Pozzuoli (Minerva).
 
Dopo gli Youth B sono partiti i più piccoli Youth A . Si è imposto tra gli uomini Federico Spinazzè (Silca) che riesce a precedere con un ottima frazione podistica Jacob Sosniok (Alta Pusteria) e Mirko Lazzaretto (Marostica). Nelle donne generosa prova della Sara Moretti (Td Rimini) che riesce a contenere la bella rimonta della siciliana Alice Algeri (Canottieri Napoli), terza  Carlotta Missaglia (Pro Patria).
 
Il maltempo ha anche condizionato la parte a supporto dell’evento agonistico, dando agli organizzatori non pochi problemi anche con gli impianti audio e quelli di illuminazione, per cui ne hanno risentito lo  speakeraggio e le premiazioni a fine giornata. Molto riuscita e al riparo dal maltempo invece la festa finale, dove la musica e un ricco buffet hanno accompagnato i festeggiamenti e il divertimento dei giovani.
 
La domenica si è disputata la Coppa Delle Regioni nella formula a staffetta mista per gli Junior e gli Youth. La prova Junior ha visto alla fine della prima frazione di staffetta Angelica Olmo (Piemonte) precedere Elisa Marcon (Veneto), uscita prima dopo la frazione di nuoto, e Alessandra Tamburri (Lazio). Gli uomini della seconda frazione decidono i primi posti della classifica finale, soprattutto nella prova di ciclismo, per cui arrivano al cambio con il terzo frazionista Michelangelo Parmigiani (Emilia Romagna), seguito da Riccardo Salvino (Lazio) e subito dietro Stefano Rigoni (Veneto). Le terze frazioniste consolidano il vantaggio di Emilia Romagna (con Luisa Iogna-Prat) e Lazio (con Ilaria Fioravanti), mentre all’inseguimento rimane il Piemonte con Giulia Sforza. Gli ultimi frazionisti delineano la classifica finale della prova Junior e Riccardo Natari (Emilia Romagna) si impone riuscendo a contenere il tentativo di recupero di Alessio Fioravanti (Lazio). Terzo il Piemonte con Riccardo Mosso.
Negli Youth emergono in prima frazione il Piemonte (con Federica Parodi) e il Lazio (con Michela Pozzuoli). In seconda frazione Marcello Ugazio, (Piemonte) dopo l’ottima prova del giorno prima, riesce ad imporsi nel finale su Matteo Gala (Lazio), mentre ad inseguire rimane il Veneto con Mirko Lazzaretto, Valle d’Aosta, Lombardia e Emilia Romagna. In terza frazione il Piemonte (Massano) aumenta il vantaggio sul Lazio (Foschi) e si avvicinano per il terzo posto Valle D’Aosta, Lombardia e Emilia Romagna rispettivamente con Contu, Missaglia e Moretti. Stefano Micotti dell’Atletica Bellinzago consegna la vittoria al Piemonte. Sugli altri due gradini del podio rispettivamente il Lazio, che arriva secondo con Lorenzo Roccheggiani e il Veneto che grazie a Franco Pesavento riesce a battere nel finale la Valle d’Aosta di Davide Bajo.
 
Nonostante il pessimo tempo sono partiti nella kermesse finale quasi 400 giovani e 36 squadre si sono sfidate nella prova a staffetta della Coppa delle Regioni.
Un plauso va agli organizzatori che sono comunque riusciti a gestire una situazione difficile, limitando i danni e consentendo lo svolgersi delle competizioni mettendo la sicurezza dei giovani sempre al primo posto. Complimenti anche alle Società, ai tecnici e agli atleti che si sono confrontati in una situazione ambientale non facile e al pubblico e alle famiglie che hanno continuato ad incitare i giovani anche sotto i violenti acquazzoni.
 
Quest’anno il maltempo ha condizionato pesantemente la Coppa Italia. Nel corso del circuito, che essendo stato impostato a stagione inoltrata ha mantenuto l’impianto di base dell’anno precedente, si è avuto modo di studiare i cambiamenti richiesti e necessari sotto il profilo tecnico e organizzativo per garantire ai giovani un circuito nazionale sempre più qualificato. Per il prossimo anno quindi sono già in cantiere delle novità che hanno l’obbiettivo di alzare la qualità degli eventi nazionali dedicati ai giovani e che verranno illustrate nel prossimo periodo.
(Marco Comotto)
 
 














 'foto Casalini'