Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Paratriathlon World Cup: il tandem azzurro è terzo a Devonport

images/2018/paratriathlon/gare_/Romeo_-_Salerno_Devonport_2.JPG

Romeo Salerno Devonport

 

Nella prima tappa della Paratriathlon World Cup di Devonport (Aus), Maurizio Romeo  (B)Side Srl Sportiva Dilettantistica – PTVI) ed Ennio Salerno (Guida) chiudono al terzo posto. Il tandem azzurro, al debutto stagionale, commenta così la gara in australiana: “Un terzo posto  un po’ amaro visto quello che ci è successo a metà della frazione di nuoto. Eravamo in netta rimonta sul tandem australiano partito con 3 minuti di vantaggio (come da regolamento in quanto PTVI B1), ma alcuni problemi al cordino ci hanno bloccato più volte in acqua, complicando la rimonta. Da quel momento è stata una gara in salita e di rincorsa più che di testa come ci eravamo prefissati, abbiamo chiuso con un risultato che non ci soddisfa pienamente”.

Così il DT Mattia Cambi. “Ammetto che siamo andati in Australia per fare il colpaccio, puntavamo al gradino più alto del podio: i ragazzi avevano lavorato bene durante l'inverno e nei raduni, crescendo nettamente rispetto allo scorso anno in termini di performance, ma gli australiani hanno fatto una gara di altissimo livello. La trasferta non era delle più semplici, ma tutto è andato bene a livello organizzativo e in avvicinamento alla gara: per questo ringrazio il project manager Neil MacLeod per il supporto dato ai ragazzi in Australia”. Poi Cambi aggiunge: “Il problema in acqua con il cordino ha in parte condizionato la gara, ma dobbiamo assolutamente guardare il bicchiere mezzo pieno e giocarci tutte le carte possibili in questa categoria: sono convinto che il posto che ci compete a livello mondiale sia più alto di quello che occupiamo attualmente nel ranking.

Il livello dei tandem è elevatissimo e continueremo a lavorare per rimanere competitivi nei prossimi appuntamenti e giocarci qualche prestazione importante in futuro. Mi sono confrontato a lungo con i ragazzi: reputo importante il terzo posto, non devono abbattersi, ma trovare stimoli per allenarsi e crescere ancora di più di quanto fino ad oggi fatto”.

Risultati completi: https://www.triathlon.org/results/result/2018_devonport_itu_paratriathlon_world_cup