Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

"Ci siamo, mettiamo a punto i dettagli e andiamo!" Aggiornamenti olimpici dal CT Contin


Il CT dell'olimpico Sergio Contin ci parla degli ultimi giorni degli azzurri prima della partenza alla volta delle Olimpiadi di Londra, della prossima immediata trasferta e le ultime considerazioni sull'evento olimpico.

- Ci siamo Sergio, il prossimo 31 luglio la delegazione del Triathlon azzurro volerà su Londra:

"Quest' ultimo periodo ci servirà per elaborare ed affrontare quei lavori di sintesi fondamentali dopo tanta costruzione, in questa fase di rifinitura sono determinanti anche i "test match", quelle competizioni di approccio all'evento olimpico che conferiscono il ritmo gara. Questi atleti li abbiamo visti sul campo nello scorso week end, in primis Alessandro Fabian ai Campionati Italiani Assoluti di Revine, con una vittoria direi netta a testimonianza che la performance sta prendendo forma e sarà sicuramente ancora più evidente nei prossimi venti giorni; da evidenziare anche la vittoria in campo femminile della "esclusa di lusso" dalla gara olimpica, Alice Betto che, fuori dai Giochi come sappiamo per motivi di salute , si è tolta almeno questa soddisfazione del titolo tricolore.

Ho scelto invece per Davide Uccellari e Anna Mazzetti un test fuori Italia, proponendogli la coppa del mondo di Tiszaujvaros: ciò per accrescere maggiormente l'esperienza internazionale e soprattutto testarsi su ritmi veloci inevitabili in uno sprint. Molto bene Anna Mazzetti che conquista un podio con un ottimo terzo posto, mentre qualche difficoltà nella prima frazione l'ha avuta Davide Uccellari che nonostante un'ottima corsa, non è riuscito a risalire la classifica fermandosi al sedicesimo posto.

Il prossimo step sarà lo sprint del circuito WTS di Amburgo, sabato e domenica prossimi, confronto di altissima qualità, una vera e propria gara pre-olimpica. Dopo di che si rientrerà per l'ultima settimana di lavoro a precedere l'imminente partenza per Londra il 31 di luglio.

Immediatamente prima della partenza, trascorreremo due giorni in Italia in ritiro: ci saremo solo noi, quelli del team olimpico, dove cercheremo di concentrarci e di raccogliere tutte le energie fisiche e mentali necessarie per affrontare nel migliore dei modi questa importante esperienza".

- Un brevissimo bilancio di tutto il periodo pre-olimpico?

"Non posso che essere soddisfatto dell'epilogo di questo biennio di qualificazione olimpica, unico rammarico, si sa, e più volte da me dichiarato, la non qualifica di Alice Betto dovuta non certo a demeriti dell'atleta.
C'è anche e però la soddisfazione di qualificare tre atleti, di cui uno in un solo anno agonistico, Davide Uccellari, con un capolavoro di performance e di strategia programmatica che ci dà ancora piu carica!

Andiamo a Londra non certo per difenderci, ma per attaccare!

I ragazzi ne sono convinti anche se siamo ovviamente consapevoli delle enormi difficoltà che dovremo affrontare.

Conosciamo benissimo gli avversari e il loro valore che da quattro anni troviamo in tutte le start list del mondo, dai fratelli Brownlee allo spagnolo Javier Gomez , alla squadra tedesca , alla 'corazzata' russa e tanti altri e nelle donne la padrona di casa Jenkins, le agguerritissime australiane, la svizzera Spirig che sembra in questo periodo in grande forma, la cilena Riveros anche se quest'anno qualche problema l'ha avuto, insomma le solite note ...

So anche però che l'evento olimpico riserva sempre delle gran sorprese sui medagliati, è una gara strana, una vera incognita!
e l'incognita di Londra sarà anche il meteo che sappiamo essere sempre molto incerto, la pioggia, il freddo come due anni fa o il caldo umido che si potrebbe diversamente sviluppare, potrebbe cambiare la situazione ambientale più volte durante la competizione e ciò potrebbe influenzare l'esito dell'evento.

Insomma la gara olimpica è un grande punto di domanda, tutto può succedere, l'importante è che il team sia consapevole delle proprie forze.

Non ho dubbi perciò che ci sia grande voglia di dare tutto e di dimostrare quanto si vale fino in fondo, l'occasione è ghiotta , quasi unica, ci sarà grande emozione in tutti noi, un'emozione positiva al fine di darci quel qualcosa in più oltre al fisico, il cuore, che fa sempre la differenza!