Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Dai raduni della nazionale di Duathlon e della SAS, i resoconti di Aguilas & San Vincenzo


Tra la seconda metà di febbraio e la prima settimana di marzo si sono svolti due raduni di preparazione della squadra nazionale duathlon e della scuola di alta specializzazione. Il primo collegiale a San Vincenzo, località tirrenica che da qualche anno è sede anche dei raduni della Fidal, il secondo ad Aguilas in Spagna dove dal 2002 abbiamo intrapreso una collaborazione con la federazione spagnola. Già nel mese di gennaio, alcuni atleti Elite del lungo e dell'olimpico, come previsto dalle linee guida 2010, avevano svolto al meglio il lavoro programmato. Di seguito i brevi report del responsabile Sas Mario Miglio e del CT Andrea Compagnoni.

AGUILAS (Esp) dal 15 febbraio al 7 marzo

Si è svolto ad Aguilas (Spagna) dal 15 febbraio al 7 marzo 2010 il programmato raduno della Scuola di Alta Specializzazione. Il raduno, finalizzato al completamento del periodo fondamentale, è stato programmato in modo tale da permettere ad ogni atleta di sviluppare una grossa mole di lavoro sulle carenze individuali, attraverso un mesociclo "d'urto", tale cioè da suscitare adattamenti significativi ad livello superiore. In generale si è dato molto spazio al ciclismo in considerazione della carenza di volume realizzata da quasi tutti gli atleti nelle settimane precedenti a causa della stagione particolarmente fredda.
Per alcuni atleti è stata sviluppata una programmazione "sbilanciata" verso il nuoto, per altri verso la corsa. Per tutti è stata curata la preparazione muscolare.
Un gruppo di atleti, i più giovani e meno adattati a carichi elevati, è rimasto in raduno per 15 giorni. Un altro gruppo formato da atleti più evoluti nella costruzione della capacità d'allenamento è rimasto in raduno 21 giorni. La programmazione si è svolta nel migliore dei modi. La logistica, gli impianti, il clima, la scarsità di traffico di Aguilas si sono confermati di grande efficienza per il lavoro da svolgere. Sono state utilizzate la piscina (25m), la palestra e la pista di atletica leggera (400m). I percorsi podistici e ciclistici sono stati accuratamente misurati con l'ausilio di rotella metrica e rilevatori GPS al fine di rendere più oggettiva possibile l'analisi degli allenamenti svolti.

Hanno partecipato al raduno i seguenti atleti:

Ascenzi Alex, Bargellini Davide, Facchinetti Luca, Giussani Alexa, Santimaria Margie, Vizzardelli Andrea (15 febbraio/1marzo); Alessandroni Alberto, Bonin Charlotte, Casadei Alberto, De Ponti Massimo, Fabian Alessandro, Mazzetti Anna Maria, Molinari Giulio, Secchiero Andrea (15 febbraio/7marzo); ha partecipato al raduno anche l'atleta Dogana Martina (settore triathlon lungo).

Hanno partecipato al raduno i seguenti tecnici:

Miglio Mario (15febbraio/1marzo), Beggio Leonardo (15/22febbraio), Bottoni Alessandro (22febbraio/ 1marzo); Contin Sergio (28 febbraio/7marzo), Gabba Andrea (28 febbraio/7marzo).

Hanno partecipato al raduno i fisioterapisti Grazia Patrick (22febbraio/1marzo) e Gnata Massimo (28febbraio/7marzo).

La programmazione svolta ha dato ottimi riscontri. Gli atleti sono stati sempre molto positivi nell'approccio all'allenamento e hanno dimostrato di saper svolgere, recuperare e assimilare i carichi d'allenamento proposti. Ciò indica come la totalità dei ragazzi della SAS sia abituata ad allenarsi seriamente, con i mezzi, le intensità e i volumi adeguati anche presso le singole sedi abituali di allenamento. Non si sono verificati infortuni, né malattie.

Sono stati dedicati alcuni incontri per illustrare le finalità e le caratteristiche della programmazione. Molti incontri individuali hanno permesso di approfondire gli aspetti particolari della preparazione di ognuno.

Nel corso del raduno il CT Sergio Contin ha incontrato singolarmente gli atleti per affrontare la programmazione agonistica dei prossimi mesi che già aveva inviato ad ogni atleta e ai rispettivi tecnici. (Mario Miglio)

San Vincenzo (LI) 27 febbraio al 6 marzo

Questi sette giorni hanno rappresentato il primo importante periodo di lavoro di questa stagione,dopo un inverno che non ha concesso molta tregua. La scelta di San Vincenzo e' stata ottimale, la località tirrenica e' da qualche anno sede degli stage di numerose squadre professionistiche e della nazionale di atletica leggera, da quest'anno anche il gruppo azzurro del duathlon ha potuto sfruttare i percorsi e il clima favorevole per poter svolgere al meglio il programma di lavoro stabilito. Proprio con il gruppo azzurro del mezzofondo veloce, abbiamo condiviso questi giorni, affrontando insieme diversi allenamenti di corsa e confrontandoci in maniera molto interessante dal punto di vista tecnico. Con i mezzofondisti si è anche creato, durante il raduno, un ottimo rapporto. Sono stati sette giorni rappresentati da un mix di volume,soprattutto in bici e qualità, che ci hanno permesso di capire da che basi possiamo partire per impostare tecnicamente i prossimi 2/3 mesi, due lavori di qualità nella corsa e due uscite ad alta intensità in bici ci hanno dimostrato una buona base di partenza,la parte piu' quantitativa del lavoro e' stata assimilata bene senza grosse problematiche.
Ho molto apprezzato l'approccio dei ragazzi a questa settimana, che rappresentava per quasi tutti loro, il primo momento di carico continuo della stagione. Ora aspettiamo le gare per avvicinarci al meglio al primo appuntamento importante del 2010, i Campionati Europei di Nancy nel primo week-end di maggio (Andrea Compagnoni)