Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

13° Duathlon di Conegliano, vittoria di Massimo Cigana

Edizione record con 268 iscritti (145 Age Group e 123 baby);Massimo Cigana, quattro volte re del Duathlon di Conegliano "Tra Colli e Vigne";il 37enne mestrino domina la 13esima edizione tra i vigneti della scuola enologica Cerletti
Un'edizione da record per il Duathlon di Conegliano "Tra Colli e Vigne". La tredicesima volta dell'evento organizzato da Silca Ultralite Vittorio Veneto si chiude con il poker di Massimo Cigana e con il primato di 268 iscritti.

Il re, assoluto, è il fortissimo mestrino Cigana, 37enne con un passato da ciclista che ha dato i suoi frutti sulle "rampe" dei vigneti collinari della scuola enologica Cerletti. Oggi il portacolori dello Sportclub Meran ha dominato fin dalla prima frazione, i quattro chilometri di corsa. Nei 13 chilometri in mountain bike ha aumentato il suo distacco da Huber Rossi e alla fine, dopo gli ultimi due chilometri di corsa, ha concluso in 53 minuti e 19 secondi. A 57 secondi Rossi del Piacenza Triathlon, a due minuti e 57 secondi Mattia De Paoli, del Liger Team Keyline.

"È una gara faticosa, impegnativa, che però mi piace. In mountain bike sfrutto il mio passato da ciclista, del resto qui ci sono alcuni brevi tratti con pendenze notevoli - commenta Cigana appena dopo il traguardo - servono gambe allenate, oltre alla capacità di guidare la bici su curve e controcurve". E pensare che Cigana sabato notte è rimasto sveglio fino a tardi per guardare in tivù l'Ironman mondiale delle Hawaii. Una tradizione, quella di guardare la famosissima gara, che ha portato nuovamente fortuna all'atleta. Anche quest'anno il 37enne ha dormito poche ore, alla vigilia, del "suo" duathlon, ma in gara è stato superiore agli altri, come pure gli ha detto Rossi all'arrivo. Ad applaudirlo dei fan speciali: mamma, papà, sorella e nipotina.